4 Dicembre 2023

Share:

KITEFOIL: l’Italia porta a casa un argento dalla Cina!

di: Editore

Ecco un resoconto delle tre giornate trascorse nello scorso fine settimana che narrano l’epico evento che si è svolto a Zhuhai, in Cina!

1 dicembre – Il filo del rasoio

2 dicembre – Dolenc reagisce

3 dicembre – Nolot e Maeder vittoriosi in Cina

kitefoil world series

Il filo del rasoio

  • Altre quattro regate in una brezza sempre più forte, con raffiche vicine ai 30 nodi.
  • Jingle Chen supera Lauriane
  • Max Maeder vince 3 prove su 4 e supera Toni Vodisek
  • Molti sentono la paura, ma non il thailandese Joseph Jonathan Weston

Le condizioni di vento e di raffica hanno portato i migliori kiteboarder del mondo al limite del controllo nel secondo giorno delle Lakewood Hills KiteFoil World Series China.

kitefoil world series

Tornati sulla spiaggia dopo quattro gare da brivido, l’adrenalina scorreva ancora nei corpi e nelle menti degli atleti. Persino Max Maeder, che è salito in cima alla classifica con tre vittorie su quattro partenze, ha avuto bisogno di un momento per raccogliere le idee. “Credo di aver bisogno di un paio di minuti per calmarmi“, ha detto il diciassettenne di Singapore. “Era ventoso, ma non è tanto il vento in sé. Con la quantità di vento arrivano anche le raffiche. Queste sono quelle mortali, quando si pedala tranquillamente va bene perché è prevedibile. Ma quando la raffica colpisce, può rompere l’attrezzatura.

MENTE SOPRA IL MAEDER

Ero sull’orlo di una scarica di adrenalina che avrebbe potuto farmi perdere il controllo. Ho lottato per mantenere il controllo. Temevo per la mia sicurezza e per l’attrezzatura. Non è stata la prestazione a contare, ma il modo in cui hai mantenuto la lucidità in quelle situazioni difficili“.

kitefoil world series

Lauriane Nolot è scesa a terra scontenta del fatto che la terza e la quarta prova siano state disputate mentre la brezza continuava ad aumentare nel primo pomeriggio. La francese è stata la dodicesima e ultima a tagliare il traguardo della frenetica quarta prova, mentre la cinese Jingle Chen si è classificata settima e ha messo insieme una solida serie di punteggi in tutta la difficile giornata per conquistare la testa della classifica femminile.

SCHIANTO, BANG, WALLOP

Tra gli uomini, Toni Vodisek ha ceduto il primo posto a Maeder. Tuttavia, l’effervescente sloveno era ancora sorridente nonostante la giornata difficile sul Pearl Sea. “Oggi ci sono state condizioni pazzesche“, ha sorriso. “Purtroppo ho rotto una cima, ma ho spinto, spinto. E mi sono schiantato, mi sono schiantato! Ho commesso troppi errori, ma ero come un pitbull impazzito che insegue da dietro. Nella prima e nella seconda gara ho colpito un sacchetto di plastica, credo. Sembrava che mi avesse tirato giù, ma nella terza gara la caduta è stata un mio errore“.

Nonostante le cadute e gli errori, Vodisek ha ottenuto tre secondi posti nelle prime tre gare. Poi, un guasto all’attrezzatura prima della partenza della quarta gara ha messo fine alla sua giornata. “Sono stato fortunato quando è successo. Era poco prima della partenza e stavo effettuando una strambata quando il vento è mancato del tutto e poi una grande raffica ha fatto esplodere completamente le mie linee. Oggi ho imparato qualcosa: ho bisogno di linee più robuste! Ma sono felice di aver ottenuto un buon risultato e di essere uscito dall’acqua senza farmi male“.

La vittoria di Denis Taradin ha contribuito a portare il pilota cipriota al terzo posto in classifica generale, scalzando il cinese Qibin Huang al quarto. Huang è comunque soddisfatto della sua giornata. La sopravvivenza era al primo posto nei suoi pensieri. “Nell’ultima prova, le raffiche erano davvero molto forti e la situazione cominciava a essere un po’ pericolosa, così ho fatto segno a Max Maeder di rallentare. Così abbiamo alzato i kite, abbiamo rallentato e abbiamo deciso di stare tranquilli e di tagliare il traguardo. Ma questo è il kite racing. Bisogna gareggiare in tutte le condizioni. Preferirei navigare con venti più morbidi e belli, ma c’è anche molto interesse e divertimento in queste condizioni come quelle di oggi“.

ZEN

Un atleta che sfida la norma in molti modi è il tailandese Joseph Jonathan Weston. Con un peso di soli 70 kg, il diciannovenne è uno dei più leggeri della flotta e 25 kg o più di molti dei primi classificati nella divisione maschile. Scendere dalla spiaggia in condizioni di vento forte e turbinoso è stato per certi versi difficile quanto la gara stessa, ma Weston si è seduto serenamente sulla sabbia, aspettando che il vento si calmasse prima di cogliere l’opportunità di scendere in acqua.

Attraverso tutto il vortice della giornata, Weston è tornato a terra con la stessa serenità con cui era partito due ore prima. Nonostante lo svantaggio di peso, il thailandese ha ottenuto punteggi sempre migliori di 8,7,6,4, un risultato fenomenale e costante. “È stata una giornata difficile per alcuni piloti, ma non per me.

L’importante è essere pazienti, rimanere stabili e fare del proprio meglio. Alla fine tutto andrà a finire sul podio. Io continuerò a lottare per questo“, ha sorriso, rifiutandosi di ammettere che c’è stato anche solo un momento di paura in acqua. “In realtà mi piace. Mi piacerebbe avere più vento e andare più veloce“.

Con un’altra previsione di vento forte per sabato, forse l’insolito desiderio di Weston si avvererà.

RISULTATI UOMINI

  1. Maximilian Maeder SGP 8,0 p
  2. Toni Vodisek SLO 10.0 p
  3. Denis Taradin CYP 19,0 p

RISULTATI DONNE

  1. Jingle Chen CHN 79,0 p
  2. Lauriane Nolot FRA 87,0 p
  3. Wan Li CHN 98,0 p

Dolenc reagisce

  • Quattro regate con vento mosso da 10 a 13 nodi
  • Martin Dolenc vorrebbe essersi tagliato i capelli all’inizio della settimana
  • Toni Vodisek si riprende il pettorale giallo da Max Maeder
  • Jingle Chen mantiene il vantaggio del pettorale giallo femminile su Lauriane Nolot

Secondo la leggenda di Sansone dell’Antico Testamento, quando Dalila gli tagliò i capelli perse tutto il suo potere. Il contrario sembra essere vero per Martin Dolenc. Dopo essersi tagliato i capelli venerdì sera nella città cinese di Zhuhai, il pilota croato ha finalmente ritrovato la sua forza.

Dopo due giorni difficili sull’acqua, non ultima l’esplosione di un kite in una raffica particolarmente fastidiosa alla fine del secondo giorno di gara, il terzo giorno della Lakewood Hills KiteFoil World Series China è stato quello in cui le cose si sono messe bene per Dolenc, appena tagliato.

MENTE SU MAEDER

Finalmente ho trovato il mio groove“, ha sorriso Dolenc. “Non ho colpito nessun pesce! Credo di aver navigato bene gli altri giorni, ma sono stato sfortunato. Oggi ho sentito che stavo andando bene, sempre in lotta con i primi due. Dopo una buona prima regata, sentivo di avere la velocità necessaria e sono felice di aver avuto una buona giornata in generale“. I punteggi odierni di 3,1,4,2 lo hanno portato al quarto posto in classifica generale, a pochi punti dal cipriota Denis Taradin, ma a una certa distanza dai primi due – lo sloveno Toni Vodisek e il singaporiano Max Maeder.

Dopo le condizioni insidiose di venerdì, con raffiche fino a 30 nodi, è stato un sollievo tornare a una brezza più gestibile tra i 10 e i 13 nodi. Tuttavia, questo non significa che gli ostacoli sotto la superficie – i pesci o i sacchetti di plastica – siano stati una minaccia minore. Se il giorno precedente Vodisek aveva dovuto lottare contro la sfortuna dei sacchetti di plastica, oggi è stato Maeder ad avere la sensazione di avere la calamita dei sacchetti sul suo foil.

CRASH, BANG, WALLOP

Ma, come Maeder è stato il primo ad ammettere, una parte della sua sfortuna è stata dovuta al suo stesso giudizio, non ultimo la squalifica UFD per essere partito un po’ troppo presto su una linea congestionata. “Sono stato spinto e volevo partire bene”, ha scrollato le spalle l’adolescente di Singapore, il cui ultimo UFD risale a più di quattro anni fa, nel 2019. “Ero fermamente intenzionato a mantenere la mia buona partenza, quindi mi sono impuntato e ne ho pagato il prezzo”.

Al culmine dell’ultima delle quattro regate di oggi, è stato un fotofinish tra Maeder e Dolenc, che hanno tagliato il traguardo a oltre 30 nodi. “Ho tifato un po’ per Martin perché non ero sicuro dei punti“, ha ammesso Vodisek, anche se, nonostante Maeder sia riuscito ad avere la meglio su Dolenc, è ancora Vodisek a condurre per un punto in vista dell’ultima giornata. Il vantaggio di indossare la pettorina gialla del leader è fondamentale, in quanto lo sloveno ha ottenuto due vittorie contro una di Maeder, il che significa che Vodisek è a una sola vittoria di gara dal conquistare il titolo a Zhuhai.

Maeder ha ammesso che domenica avrà il suo bel da fare per ribaltare le sorti del suo acerrimo rivale. “È certamente un vantaggio per Toni rispetto a me. Ci divertiremo in finale. Non possiamo lamentarci, perché gli altri devono lottare per il ripescaggio, tutti gli altri devono lottare per la finale“. Vodisek ha scherzato sul fatto che è il suo turno di togliere una vittoria a Maeder. “Max mi ha già battuto quando stavamo giocando a Mario Kart due giorni fa, ma posso pareggiare le vittorie domani sull’acqua“.

Naturalmente ci sono altri rider nel mix, non ultimo Dolenc che cercherà di portare lo slancio del successo di oggi nelle Medal Series, così come altri top rider come Taradin, il tedesco Flo Gruber e una forte squadra di rider cinesi guidati da Qibin Huang, che ha battuto Maeder lo scorso fine settimana ai Campionati Formula Kite Asia & Oceania a Shenzhen.

Nella gara femminile, Lauriane Nolot deve essersi chiesta perché è stata perseguitata dalla sfortuna della plastica nelle prime gare di oggi. “Non riuscivo a evitare la plastica in acqua, andavo sempre a sbattere, cinque o sei sacchetti di plastica nelle prime tre gare. Ma nell’ultima gara ho evitato tutta la plastica e sono felice di aver concluso una buona gara“.

Nolot si piazza così al secondo posto in classifica generale, dietro alla cinese Jingle Chen. Così come Huang ha ottenuto un’importante svolta psicologica la scorsa settimana con la sua storica vittoria su Maeder, Chen spera di poter battere il francese campione del mondo in carica di Formula Kite nella sfida a quattro di domenica. “Sono molto emozionata per domani, saremo solo in quattro e questo rende più facile dimostrare il proprio livello, gareggiando uno vicino all’altro. Vediamo! Spero di vincere, perché se riuscirò a battere Lauriane in questo evento, mi renderà più fiduciosa per il prossimo anno“. L’anno prossimo è l’anno olimpico, il debutto del kiteboarding ai Giochi.

kitefoil world series

Anche se oggi è stata una battuta d’arresto per Nolot, non si arrende facilmente. “Jingle sta facendo un lavoro impressionante. Sta spingendo molto e c’è una bella lotta tra di noi. Oggi pomeriggio mi riposerò e mi farò massaggiare, poi tornerò domani con tutta la potenza e l’energia possibile e spaccherò tutto“.

RISULTATI UOMINI

  1. Toni Vodisek SLO 14.0 p
  2. Maxilimian Maeder SGP 15,0 p
  3. Denis Taradin CYP 29,0 p

RISULTATI DONNE

  1. Jingle Chen CHN 128,0 p
  2. Lauriane Nolot FRA 138,0 p
  3. Wan Li CHN 143,0 p
kitefoil world series

Nolot & Maeder vittoriosi in Cina

  • Serie di medaglie per i primi 10 uomini e donne in condizioni di vento leggero e mutevole
  • Max Maeder batte Toni Vodisek per l’oro nella gara maschile
  • Jingle Chen scivola Tomasoni Laurian e Nolot conquista il titolo femminile
  • Maeder e Nolot si aggiudicano anche il titolo di campione stagionale per il 2023
kitefoil world series

Lauriane Nolot e Max Maeder hanno vinto le gare femminili e maschili della Lakewood Hills KiteFoil World Series China a Zhuhai. Grazie alle loro vittorie in Cina, Nolot e Maeder sono diventati anche campioni assoluti delle KiteFoil World Series per la stagione 2023.

Sebbene i due rider francesi e singaporiani abbiano iniziato la settimana da favoriti, i loro rivali più vicini li hanno costretti a gareggiare al meglio per aggiudicarsi i titoli.

MENTE SU MAEDER

kitefoil world series

Nella flotta maschile, Toni Vodisek ha iniziato la giornata in pole position, con lo sloveno che indossava il pettorale giallo e che era a una sola vittoria di regata dalla vittoria assoluta. Maeder è riuscito ad aggiudicarsi la prima regata della finale a quattro per portarsi a pari punti con il suo amico e rivale.

Il duello tra l’adolescente di Singapore e lo sloveno è stato assolutamente avvincente, ma Maeder ha preso un piccolo vantaggio su Vodisek nella prima discesa del percorso di due giri. Le cadute – a causa di pesci o sacchetti di plastica – sono state il tema della settimana e questa volta è stato Vodisek ad avere la sfortuna. Con il capitombolo di Vodisek che ha dato a Maeder un po’ di spazio vitale, il diciassettenne ha tagliato il traguardo a più di 30 nodi, tirando pugni all’aria in segno di vittoria.

kitefoil world series

Maeder non ha dato nulla per scontato. “Ero teso, stringevo le natiche e speravo per il meglio“, ha detto sulla spiaggia pochi minuti dopo aver ottenuto la vittoria a Zhuhai. “Toni tira fuori il meglio di me. Abbiamo fatto una gara molto combattuta per tutto il tempo, è stato un continuo tira e molla, ma lui è un grande sportivo ed è un vero onore gareggiare contro di lui e gli altri concorrenti“. Vodisek si è aggiudicato l’argento e il bronzo è andato al cinese Qibin Huang.

SCHIANTO, BANG, WALLOP

kitefoil world series

La gara femminile è stata ancora più drammatica. Come è il formato delle Medal Series nel kitefoiling, tutti i primi 10 classificati arrivano all’ultimo giorno sapendo di avere una possibilità di salire sul podio, potenzialmente la medaglia d’oro. L’italiana Sofia Tomasoni era una delle quattro concorrenti in fondo alla top 10, destinata a gareggiare nel Repechage. Dopo aver iniziato la giornata all’ottavo posto assoluto, l’italiana ha lottato per superare tre turni a eliminazione diretta – Repechage, Quarti di Finale, Semifinali – e arrivare alla Gran Finale.

Anche in questo caso, Tomasoni e l’altra qualificata, la cinese Chenxue Liu, hanno iniziato il Grand Final in svantaggio rispetto a Jingle Chen con la pettorina gialla e Lauriane Nolot con quella blu. Tuttavia, Tomasoni ha gettato al vento la prudenza, conquistando due vittorie di gara e portando la competizione al match point. Chiunque di Tomasoni, Chen o Nolot avesse vinto la gara successiva si sarebbe aggiudicato il titolo.

kitefoil world series

Alla fine, dopo una settimana difficile, Nolot ha acceso i postbruciatori e ha tagliato il traguardo per prima, vincendo la regata e diventando campionessa assoluta delle Kitefoil World Series 2023. Chen pensava di aver conquistato l’argento, ma Tomasoni ha portato la regata finale a una protesta sulla spiaggia. La giuria ha dato ragione all’italiana, che si è aggiudicata l’argento, mentre Chen si è dovuta accontentare del bronzo.

Nessun rancore, tuttavia, perché le due rivali si sono abbracciate quando la giuria ha annunciato la propria decisione. “La competizione è competizione, gli amici sono amici“, ha sorriso Chen. “Sofia ha fatto un’ottima gara oggi. Ma per la finale volevo batterla, non volevo arrivare terza, ma ho perso a causa della protesta. Sono un po’ delusa da me stessa, sono caduta nella prima gara, ho colpito un pesciolino e ho perso la mia occasione“.

Per Tomasoni, la medaglia d’argento è stata un ottimo modo per concludere una stagione difficile per tutto il 2023. “Non me l’aspettavo oggi. Ma ho fatto le mie cose, ho cercato di stare lontano dai guai e mi è andata bene. È stata una stagione davvero difficile per me nel 2023, con alcune grosse delusioni ai Mondiali e agli Europei, quindi sono davvero felice di avere questo momento di mostrare ciò che posso fare“.

kitefoil world series

Nolot ha trovato difficile gareggiare per la prima volta in Cina e si è detto sollevato di aver vinto nonostante alcuni momenti molto duri durante i quattro giorni di gara. “È stato orribile là fuori, in condizioni molto, molto difficili. Ho l’impressione di dire spesso la parola ‘impegnativo’ qui“, ha detto ridendo. “Oggi il vento era mutevole e a volte cadeva.

Jingle mi seguiva dappertutto, mi seguiva come un’ombra, quindi dovevo virare o strambare all’ultimo minuto e cercare di cambiare il mio piano all’ultimo momento. Credo che stesse cercando di bloccarmi, e me ne sono reso conto dopo la prima regata, e non credo di aver virato e strambato così tanto“.

Il margine della vittoria di Nolot nella gara decisiva è stato più simile al corridore francese che abbiamo visto nel 2023. Semplicemente inarrestabile, una volta che si trova in aria libera. Il resto della settimana non è stato altrettanto facile. “Sono molto contenta della mia prestazione perché questa è una delle prime volte in cui non è stato così facile per me. Mi sentivo male, non ero al 100%, ma è un bene perché si impara a superare i propri limiti. Ho pensato tante volte di voler tornare in spiaggia e rinunciare, ma una volta che la pistola di partenza spara non ci si vuole più fermare. L’adrenalina sale e si trova l’energia per continuare. Stanotte dormirò bene, domani andrò a visitare Hong Kong e poi tornerò in Francia“.

RISULTATI UOMINI

  1. Maximilian Maeder SGP Oro
  2. Toni Vodisek SLO Argento
  3. Qibin Huang CHN Bronzo
kitefoil world series

RISULTATI DONNE

  1. Lauriane Nolot FRA Oro
  2. Sofia Tomasoni ITA Argento
  3. Jingle Chen CHN Bronzo
kitefoil world series

Guarda altre News

Selezione Istruttori stagione 2024

Cercasi Istrutttori di Kitesurf VUOI ENTRARE A FAR PARTE DELLO STAFF KITESURFING.IT? L’Associazione Kitesurf Itali

REWaterSport: Economia circolare per l’ecosostenibilità

ReWaterSport è pronta a introdurvi in un mondo all'insegna dello sport e soprattutto dell'ecosostenibilità all'inter

Un augurio di natale dal team HARLEM KITESURFING

Con l'avvicinarsi delle festività natalizie, vogliamo prenderci un momento per esprimere la nostra più sentita gratitu

Quest’anno a Natale REGALA IL KITESURF

Esplora il Regalo Perfetto Quest'Anno: Corsi di Kitesurfing per un Natale Indimenticabile!

Become a Certified IKO Instructor at the Kite…

We are delighted to announce the opening of new courses IN ENGLISH LANGUAGE to become certified IKO instructors at the K

Diventa un istruttore IKO!

Il Centro Kite Lo Stagnone è lieto di annunciare l’apertura dei corsi per diventare un Istruttore Certificato IKO (In

F-ONE: All We Do

Finalmente è uscito "All We Do"! Immergetevi subito nel mondo di F-ONE e scopri la sua storia!

Arriva la stagione dello Snowkite!

Lo sport, che unisce la libertà del kite surf con la maestosità dell'inverno, sta guadagnando sempre più appassionati

WOO: Modelli di LED da conoscere

L'aggiornamento del firmware di questo mese a WOO 4.0 include alcuni nuovi schemi di lampeggiamento dei LED.

Sconti nello shop Airware

Approfitta dei grandi sconti sulla barra per kite ALMA e Airwave, fino alla fine di gennaio!

Dietro le quinte del Red Bull King of the…

Vi portiamo dietro le quinte di Kite Beach, a Città del Capo, in Sudafrica, per vedere tutte le emozioni, l'azione e i

F-ONE: l’epopea della passione per il kitesurf

Dai primi vagiti del kitesurf, l'avvento di F-ONE ha segnato una rivoluzione nel mondo del riding.

WINGFOIL: un anno da record al GWA!

Il GWA Wingfoil World Tour ha visto una serie di eventi in quattro diverse discipline del wingfoil in giro per il mondo,

GKA: ecco le nuove docuserie!

Siamo entusiasti di annunciare il lancio dell'ultima docuserie "GKA World Of Kite", che offre un viaggio esclusivo nella

Kitesurf Usato

Stai cercando un kite adatto alle tue esigenze? Vuoi trovare la giusta occasione? Visita allora la sezione usato di Kite

Kitesurf: Oltre l’Età e le Capacità

Qui troverete storie di kitesurfers che sfidano limiti di età e capacità, speriamo possano cambiare la vostra prospett

20 Dicembre Cena di Natale Kite a Roma

Il prossimo Mercoledì 20 dicembre alle ore 21:00, il Ristorante Arvolo, incastonato nel cuore di Lungotevere di Pietra

Intervista a Jendric Burkhardt – Freestyle

Ecco un'intervista a uno dei campioni del Multivan Kitesurf Masters tratta dall'omonimo sito: Jendric Burkhardt.

VIDEO: il BIG JUMP di Nick Jacobsen

In un'audace avventura all'incrocio tra architettura e kitesurf, l'intrepido Nick Jacobsen si è librato dalla cima del

Marsala, tra kitesurf e feste natalizie

Le feste natalizie a Marsala portano con sé un turbine di attività, e nemmeno l'inverno ferma l'entusiasmo per il kite

Occhiali da sole, protezione con stile

Nell'emozionante mondo del kitesurf e del wingfoil, la scelta di ogni accessorio può fare la differenza tra un'esperien

Andrea Principi: il re dell’Aria

Andrea Principi ormai è in vetta al mondo dopo aver completato la sua personale triloria del kitesurf:  GKA Big Air Wo

Tom Court Missione Irlanda

L'intrepido freerider Tom Court vi invita a intraprendere un'emozionante avventura attraverso alcuni degli angoli più m

VIDEO: Cami Losserand X Lagoon Energy X Duotone

A Dakhla, in Marocco, l'inedita alleanza tra Cami Losserand, Lagoon Energy e Duotone ha dato vita a una partnership inno

WINGFOIL: Christopher MacDonald parla dei suoi obiettivi

Il giovane campione statunitense Christopher MacDonald ha conquistato il titolo mondiale GWA Surf-Freestyle a soli 17 an

WINGFOIL: Un’intervista a Nia Suardiaz

La talentuosa sedicenne spagnola, Nia Suardiaz, ha ottenuto risultati straordinari nel mondo del wingfoiling.

VIDEO: KPL – Un posto show con i…

Bene, è tutto, gente, abbiamo ufficialmente completato la stagione 2023! Grazie per averci seguito, per aver sostenuto

Formula Kite: Max Maeder intasca ben sei vittorie!

La Youth Sailing World Championships del 2023 ha preso il via con uno spettacolare inizio per Max Maeder (SGP), il quale

Scopriamo Nia Suardiaz, la regina del wingfoil

C'è già molto livello e molti wingfoilers di alto livello, ma tra questi spicca la tarifeña Nia Suardiaz, una ragazza

GKA: Momenti salienti

Ecco una video gallery con alcuni degli eventi salienti di questa emozionante stagione del GKA Kite World Tour

L’Italia trionfa nel mondo degli sport acquatici: Un…

Il 2023 ha visto gli atleti italiani emergere come protagonisti indiscussi nel panorama mondiale degli sport acquatici,

WINGFOIL: Italia ancora una volta campione

L'italiana Maddalena Spanu ha conquistato il titolo di campionessa del mondo, mentre la competizione ha visto atleti it

WINGFOIL: Ecco i campioni della Racing World Cup

La WingFoil Racing World Cup 2023 a Jericoacoara ha decretato i vincitori di questo spettacolare evento, con giornate ve

GKA: Gli atleti parlano delle principali attrazioni da…

Cinque attività imperdibili che i rider hanno amato durante la loro permanenza a Doha Visitare le finali della Coppa de

GKA: I campioni del mondo incoronati nella doppietta…

Grande rimonta di Bruna Kajiya e Carlos Mario che si aggiudicano i titoli mondiali per coronare una stagione drammatica.

Trionfo italiano al RED BULL KING OF THE…

L'aria di Cape Town, in Sudafrica, ha accolto con entusiasmo la grandiosa competizione di kitesurfing Red Bull King of t

L’affascinante mondo degli hydrofoil e la loro applicazione…

Oggi vengono condivisi affascinanti approfondimenti esplorando il mondo dell'hydrofoiling attraverso gli occhi di Luigi

Una comunicazione dalla BKSA per tutti i kiters

Se siete appassionati di kitesurf, questa è un'opportunità entusiasmante per partecipare a uno studio di ricerca unico

RED BULL: è semaforo verde

SEMAFORO VERDE! Il Red Bull King of the Air si svolgerà entro 24 ore. Restate sintonizzati nei canali ufficiali di Red

WINGFOIL: Sofia Marchetti si afferma nel World Tour

Sofia Marchetti conclude un'eccezionale stagione nel GWA World Tour di WingFoil con un terzo posto in Brasile, segnando

Red Bull King of the Air: Primo giorno

Il primo giorno è terminato! I rider hanno partecipato ai Round 1 e 2 del Red Bull King of the Air.

KITEFOIL: Il nemico? Io, me e me stesso

Le competizioni iniziano con quattro regate di percorso breve in back-to-back con brezza mutevole. A tre mesi dalle rega

Adeguamenti statutari per lo sport: L’emendamento concede la…

Per conformarsi alla riforma introdotta in estate, le organizzazioni sportive avevano l'obbligo di adeguare i propri sta

Red Bull King of the Air 2023: Kitesurfing’s…

L'attesissimo evento di kitesurf Red Bull King of the Air è pronto a scaldare gli animi in Sudafrica, celebrando l'11º

Mayan Wind Fest 2024: Kitesurfing e Avventure Veliche…

Il Mar dei Caraibi si prepara ad accogliere uno dei festival più entusiasmanti e magnifici del Messico: il Mayan Wind F

Windsock: come funziona e perché è un prezioso…

Il vento è il vostro migliore alleato, ma anche il vostro peggior nemico. Ecco perché è fondamentale conoscere la dir

Tappa finale del GWA 2023: Qatar

L'ultima tappa del Qatar Airways GKA Kite World Tour si preannuncia emozionante, con le gare per il titolo mondiale dell

KITEFOIL: A caccia di gloria nel Mare delle…

I rider internazionali si sono preparati per il culmine delle KiteFoil World Series 2023 a Zhuhai, in Cina. Le gare dell

Malore in mare, muore tenente colonello della Gdf

Durante una sessione di kitesurf, il tenente colonnello della Guardia di Finanza, Roberto Russo, comandante del Nucleo d

FORMULA KITE: Campionati del mondo in Cina

Nelle ultime due stagioni, Max Maeder è stato una delle forze dominanti della scena olimpica del kitefoiling. Il dicias

KITEFOIL: l’Italia porta a casa un argento dalla Cina!

di: Editore

Ecco un resoconto delle tre giornate trascorse nello scorso fine settimana che narrano l’epico evento che si è svolto a Zhuhai, in Cina!

1 dicembre – Il filo del rasoio

2 dicembre – Dolenc reagisce

3 dicembre – Nolot e Maeder vittoriosi in Cina

kitefoil world series

Il filo del rasoio

  • Altre quattro regate in una brezza sempre più forte, con raffiche vicine ai 30 nodi.
  • Jingle Chen supera Lauriane
  • Max Maeder vince 3 prove su 4 e supera Toni Vodisek
  • Molti sentono la paura, ma non il thailandese Joseph Jonathan Weston

Le condizioni di vento e di raffica hanno portato i migliori kiteboarder del mondo al limite del controllo nel secondo giorno delle Lakewood Hills KiteFoil World Series China.

kitefoil world series

Tornati sulla spiaggia dopo quattro gare da brivido, l’adrenalina scorreva ancora nei corpi e nelle menti degli atleti. Persino Max Maeder, che è salito in cima alla classifica con tre vittorie su quattro partenze, ha avuto bisogno di un momento per raccogliere le idee. “Credo di aver bisogno di un paio di minuti per calmarmi“, ha detto il diciassettenne di Singapore. “Era ventoso, ma non è tanto il vento in sé. Con la quantità di vento arrivano anche le raffiche. Queste sono quelle mortali, quando si pedala tranquillamente va bene perché è prevedibile. Ma quando la raffica colpisce, può rompere l’attrezzatura.

MENTE SOPRA IL MAEDER

Ero sull’orlo di una scarica di adrenalina che avrebbe potuto farmi perdere il controllo. Ho lottato per mantenere il controllo. Temevo per la mia sicurezza e per l’attrezzatura. Non è stata la prestazione a contare, ma il modo in cui hai mantenuto la lucidità in quelle situazioni difficili“.

kitefoil world series

Lauriane Nolot è scesa a terra scontenta del fatto che la terza e la quarta prova siano state disputate mentre la brezza continuava ad aumentare nel primo pomeriggio. La francese è stata la dodicesima e ultima a tagliare il traguardo della frenetica quarta prova, mentre la cinese Jingle Chen si è classificata settima e ha messo insieme una solida serie di punteggi in tutta la difficile giornata per conquistare la testa della classifica femminile.

SCHIANTO, BANG, WALLOP

Tra gli uomini, Toni Vodisek ha ceduto il primo posto a Maeder. Tuttavia, l’effervescente sloveno era ancora sorridente nonostante la giornata difficile sul Pearl Sea. “Oggi ci sono state condizioni pazzesche“, ha sorriso. “Purtroppo ho rotto una cima, ma ho spinto, spinto. E mi sono schiantato, mi sono schiantato! Ho commesso troppi errori, ma ero come un pitbull impazzito che insegue da dietro. Nella prima e nella seconda gara ho colpito un sacchetto di plastica, credo. Sembrava che mi avesse tirato giù, ma nella terza gara la caduta è stata un mio errore“.

Nonostante le cadute e gli errori, Vodisek ha ottenuto tre secondi posti nelle prime tre gare. Poi, un guasto all’attrezzatura prima della partenza della quarta gara ha messo fine alla sua giornata. “Sono stato fortunato quando è successo. Era poco prima della partenza e stavo effettuando una strambata quando il vento è mancato del tutto e poi una grande raffica ha fatto esplodere completamente le mie linee. Oggi ho imparato qualcosa: ho bisogno di linee più robuste! Ma sono felice di aver ottenuto un buon risultato e di essere uscito dall’acqua senza farmi male“.

La vittoria di Denis Taradin ha contribuito a portare il pilota cipriota al terzo posto in classifica generale, scalzando il cinese Qibin Huang al quarto. Huang è comunque soddisfatto della sua giornata. La sopravvivenza era al primo posto nei suoi pensieri. “Nell’ultima prova, le raffiche erano davvero molto forti e la situazione cominciava a essere un po’ pericolosa, così ho fatto segno a Max Maeder di rallentare. Così abbiamo alzato i kite, abbiamo rallentato e abbiamo deciso di stare tranquilli e di tagliare il traguardo. Ma questo è il kite racing. Bisogna gareggiare in tutte le condizioni. Preferirei navigare con venti più morbidi e belli, ma c’è anche molto interesse e divertimento in queste condizioni come quelle di oggi“.

ZEN

Un atleta che sfida la norma in molti modi è il tailandese Joseph Jonathan Weston. Con un peso di soli 70 kg, il diciannovenne è uno dei più leggeri della flotta e 25 kg o più di molti dei primi classificati nella divisione maschile. Scendere dalla spiaggia in condizioni di vento forte e turbinoso è stato per certi versi difficile quanto la gara stessa, ma Weston si è seduto serenamente sulla sabbia, aspettando che il vento si calmasse prima di cogliere l’opportunità di scendere in acqua.

Attraverso tutto il vortice della giornata, Weston è tornato a terra con la stessa serenità con cui era partito due ore prima. Nonostante lo svantaggio di peso, il thailandese ha ottenuto punteggi sempre migliori di 8,7,6,4, un risultato fenomenale e costante. “È stata una giornata difficile per alcuni piloti, ma non per me.

L’importante è essere pazienti, rimanere stabili e fare del proprio meglio. Alla fine tutto andrà a finire sul podio. Io continuerò a lottare per questo“, ha sorriso, rifiutandosi di ammettere che c’è stato anche solo un momento di paura in acqua. “In realtà mi piace. Mi piacerebbe avere più vento e andare più veloce“.

Con un’altra previsione di vento forte per sabato, forse l’insolito desiderio di Weston si avvererà.

RISULTATI UOMINI

  1. Maximilian Maeder SGP 8,0 p
  2. Toni Vodisek SLO 10.0 p
  3. Denis Taradin CYP 19,0 p

RISULTATI DONNE

  1. Jingle Chen CHN 79,0 p
  2. Lauriane Nolot FRA 87,0 p
  3. Wan Li CHN 98,0 p

Dolenc reagisce

  • Quattro regate con vento mosso da 10 a 13 nodi
  • Martin Dolenc vorrebbe essersi tagliato i capelli all’inizio della settimana
  • Toni Vodisek si riprende il pettorale giallo da Max Maeder
  • Jingle Chen mantiene il vantaggio del pettorale giallo femminile su Lauriane Nolot

Secondo la leggenda di Sansone dell’Antico Testamento, quando Dalila gli tagliò i capelli perse tutto il suo potere. Il contrario sembra essere vero per Martin Dolenc. Dopo essersi tagliato i capelli venerdì sera nella città cinese di Zhuhai, il pilota croato ha finalmente ritrovato la sua forza.

Dopo due giorni difficili sull’acqua, non ultima l’esplosione di un kite in una raffica particolarmente fastidiosa alla fine del secondo giorno di gara, il terzo giorno della Lakewood Hills KiteFoil World Series China è stato quello in cui le cose si sono messe bene per Dolenc, appena tagliato.

MENTE SU MAEDER

Finalmente ho trovato il mio groove“, ha sorriso Dolenc. “Non ho colpito nessun pesce! Credo di aver navigato bene gli altri giorni, ma sono stato sfortunato. Oggi ho sentito che stavo andando bene, sempre in lotta con i primi due. Dopo una buona prima regata, sentivo di avere la velocità necessaria e sono felice di aver avuto una buona giornata in generale“. I punteggi odierni di 3,1,4,2 lo hanno portato al quarto posto in classifica generale, a pochi punti dal cipriota Denis Taradin, ma a una certa distanza dai primi due – lo sloveno Toni Vodisek e il singaporiano Max Maeder.

Dopo le condizioni insidiose di venerdì, con raffiche fino a 30 nodi, è stato un sollievo tornare a una brezza più gestibile tra i 10 e i 13 nodi. Tuttavia, questo non significa che gli ostacoli sotto la superficie – i pesci o i sacchetti di plastica – siano stati una minaccia minore. Se il giorno precedente Vodisek aveva dovuto lottare contro la sfortuna dei sacchetti di plastica, oggi è stato Maeder ad avere la sensazione di avere la calamita dei sacchetti sul suo foil.

CRASH, BANG, WALLOP

Ma, come Maeder è stato il primo ad ammettere, una parte della sua sfortuna è stata dovuta al suo stesso giudizio, non ultimo la squalifica UFD per essere partito un po’ troppo presto su una linea congestionata. “Sono stato spinto e volevo partire bene”, ha scrollato le spalle l’adolescente di Singapore, il cui ultimo UFD risale a più di quattro anni fa, nel 2019. “Ero fermamente intenzionato a mantenere la mia buona partenza, quindi mi sono impuntato e ne ho pagato il prezzo”.

Al culmine dell’ultima delle quattro regate di oggi, è stato un fotofinish tra Maeder e Dolenc, che hanno tagliato il traguardo a oltre 30 nodi. “Ho tifato un po’ per Martin perché non ero sicuro dei punti“, ha ammesso Vodisek, anche se, nonostante Maeder sia riuscito ad avere la meglio su Dolenc, è ancora Vodisek a condurre per un punto in vista dell’ultima giornata. Il vantaggio di indossare la pettorina gialla del leader è fondamentale, in quanto lo sloveno ha ottenuto due vittorie contro una di Maeder, il che significa che Vodisek è a una sola vittoria di gara dal conquistare il titolo a Zhuhai.

Maeder ha ammesso che domenica avrà il suo bel da fare per ribaltare le sorti del suo acerrimo rivale. “È certamente un vantaggio per Toni rispetto a me. Ci divertiremo in finale. Non possiamo lamentarci, perché gli altri devono lottare per il ripescaggio, tutti gli altri devono lottare per la finale“. Vodisek ha scherzato sul fatto che è il suo turno di togliere una vittoria a Maeder. “Max mi ha già battuto quando stavamo giocando a Mario Kart due giorni fa, ma posso pareggiare le vittorie domani sull’acqua“.

Naturalmente ci sono altri rider nel mix, non ultimo Dolenc che cercherà di portare lo slancio del successo di oggi nelle Medal Series, così come altri top rider come Taradin, il tedesco Flo Gruber e una forte squadra di rider cinesi guidati da Qibin Huang, che ha battuto Maeder lo scorso fine settimana ai Campionati Formula Kite Asia & Oceania a Shenzhen.

Nella gara femminile, Lauriane Nolot deve essersi chiesta perché è stata perseguitata dalla sfortuna della plastica nelle prime gare di oggi. “Non riuscivo a evitare la plastica in acqua, andavo sempre a sbattere, cinque o sei sacchetti di plastica nelle prime tre gare. Ma nell’ultima gara ho evitato tutta la plastica e sono felice di aver concluso una buona gara“.

Nolot si piazza così al secondo posto in classifica generale, dietro alla cinese Jingle Chen. Così come Huang ha ottenuto un’importante svolta psicologica la scorsa settimana con la sua storica vittoria su Maeder, Chen spera di poter battere il francese campione del mondo in carica di Formula Kite nella sfida a quattro di domenica. “Sono molto emozionata per domani, saremo solo in quattro e questo rende più facile dimostrare il proprio livello, gareggiando uno vicino all’altro. Vediamo! Spero di vincere, perché se riuscirò a battere Lauriane in questo evento, mi renderà più fiduciosa per il prossimo anno“. L’anno prossimo è l’anno olimpico, il debutto del kiteboarding ai Giochi.

kitefoil world series

Anche se oggi è stata una battuta d’arresto per Nolot, non si arrende facilmente. “Jingle sta facendo un lavoro impressionante. Sta spingendo molto e c’è una bella lotta tra di noi. Oggi pomeriggio mi riposerò e mi farò massaggiare, poi tornerò domani con tutta la potenza e l’energia possibile e spaccherò tutto“.

RISULTATI UOMINI

  1. Toni Vodisek SLO 14.0 p
  2. Maxilimian Maeder SGP 15,0 p
  3. Denis Taradin CYP 29,0 p

RISULTATI DONNE

  1. Jingle Chen CHN 128,0 p
  2. Lauriane Nolot FRA 138,0 p
  3. Wan Li CHN 143,0 p
kitefoil world series

Nolot & Maeder vittoriosi in Cina

  • Serie di medaglie per i primi 10 uomini e donne in condizioni di vento leggero e mutevole
  • Max Maeder batte Toni Vodisek per l’oro nella gara maschile
  • Jingle Chen scivola Tomasoni Laurian e Nolot conquista il titolo femminile
  • Maeder e Nolot si aggiudicano anche il titolo di campione stagionale per il 2023
kitefoil world series

Lauriane Nolot e Max Maeder hanno vinto le gare femminili e maschili della Lakewood Hills KiteFoil World Series China a Zhuhai. Grazie alle loro vittorie in Cina, Nolot e Maeder sono diventati anche campioni assoluti delle KiteFoil World Series per la stagione 2023.

Sebbene i due rider francesi e singaporiani abbiano iniziato la settimana da favoriti, i loro rivali più vicini li hanno costretti a gareggiare al meglio per aggiudicarsi i titoli.

MENTE SU MAEDER

kitefoil world series

Nella flotta maschile, Toni Vodisek ha iniziato la giornata in pole position, con lo sloveno che indossava il pettorale giallo e che era a una sola vittoria di regata dalla vittoria assoluta. Maeder è riuscito ad aggiudicarsi la prima regata della finale a quattro per portarsi a pari punti con il suo amico e rivale.

Il duello tra l’adolescente di Singapore e lo sloveno è stato assolutamente avvincente, ma Maeder ha preso un piccolo vantaggio su Vodisek nella prima discesa del percorso di due giri. Le cadute – a causa di pesci o sacchetti di plastica – sono state il tema della settimana e questa volta è stato Vodisek ad avere la sfortuna. Con il capitombolo di Vodisek che ha dato a Maeder un po’ di spazio vitale, il diciassettenne ha tagliato il traguardo a più di 30 nodi, tirando pugni all’aria in segno di vittoria.

kitefoil world series

Maeder non ha dato nulla per scontato. “Ero teso, stringevo le natiche e speravo per il meglio“, ha detto sulla spiaggia pochi minuti dopo aver ottenuto la vittoria a Zhuhai. “Toni tira fuori il meglio di me. Abbiamo fatto una gara molto combattuta per tutto il tempo, è stato un continuo tira e molla, ma lui è un grande sportivo ed è un vero onore gareggiare contro di lui e gli altri concorrenti“. Vodisek si è aggiudicato l’argento e il bronzo è andato al cinese Qibin Huang.

SCHIANTO, BANG, WALLOP

kitefoil world series

La gara femminile è stata ancora più drammatica. Come è il formato delle Medal Series nel kitefoiling, tutti i primi 10 classificati arrivano all’ultimo giorno sapendo di avere una possibilità di salire sul podio, potenzialmente la medaglia d’oro. L’italiana Sofia Tomasoni era una delle quattro concorrenti in fondo alla top 10, destinata a gareggiare nel Repechage. Dopo aver iniziato la giornata all’ottavo posto assoluto, l’italiana ha lottato per superare tre turni a eliminazione diretta – Repechage, Quarti di Finale, Semifinali – e arrivare alla Gran Finale.

Anche in questo caso, Tomasoni e l’altra qualificata, la cinese Chenxue Liu, hanno iniziato il Grand Final in svantaggio rispetto a Jingle Chen con la pettorina gialla e Lauriane Nolot con quella blu. Tuttavia, Tomasoni ha gettato al vento la prudenza, conquistando due vittorie di gara e portando la competizione al match point. Chiunque di Tomasoni, Chen o Nolot avesse vinto la gara successiva si sarebbe aggiudicato il titolo.

kitefoil world series

Alla fine, dopo una settimana difficile, Nolot ha acceso i postbruciatori e ha tagliato il traguardo per prima, vincendo la regata e diventando campionessa assoluta delle Kitefoil World Series 2023. Chen pensava di aver conquistato l’argento, ma Tomasoni ha portato la regata finale a una protesta sulla spiaggia. La giuria ha dato ragione all’italiana, che si è aggiudicata l’argento, mentre Chen si è dovuta accontentare del bronzo.

Nessun rancore, tuttavia, perché le due rivali si sono abbracciate quando la giuria ha annunciato la propria decisione. “La competizione è competizione, gli amici sono amici“, ha sorriso Chen. “Sofia ha fatto un’ottima gara oggi. Ma per la finale volevo batterla, non volevo arrivare terza, ma ho perso a causa della protesta. Sono un po’ delusa da me stessa, sono caduta nella prima gara, ho colpito un pesciolino e ho perso la mia occasione“.

Per Tomasoni, la medaglia d’argento è stata un ottimo modo per concludere una stagione difficile per tutto il 2023. “Non me l’aspettavo oggi. Ma ho fatto le mie cose, ho cercato di stare lontano dai guai e mi è andata bene. È stata una stagione davvero difficile per me nel 2023, con alcune grosse delusioni ai Mondiali e agli Europei, quindi sono davvero felice di avere questo momento di mostrare ciò che posso fare“.

kitefoil world series

Nolot ha trovato difficile gareggiare per la prima volta in Cina e si è detto sollevato di aver vinto nonostante alcuni momenti molto duri durante i quattro giorni di gara. “È stato orribile là fuori, in condizioni molto, molto difficili. Ho l’impressione di dire spesso la parola ‘impegnativo’ qui“, ha detto ridendo. “Oggi il vento era mutevole e a volte cadeva.

Jingle mi seguiva dappertutto, mi seguiva come un’ombra, quindi dovevo virare o strambare all’ultimo minuto e cercare di cambiare il mio piano all’ultimo momento. Credo che stesse cercando di bloccarmi, e me ne sono reso conto dopo la prima regata, e non credo di aver virato e strambato così tanto“.

Il margine della vittoria di Nolot nella gara decisiva è stato più simile al corridore francese che abbiamo visto nel 2023. Semplicemente inarrestabile, una volta che si trova in aria libera. Il resto della settimana non è stato altrettanto facile. “Sono molto contenta della mia prestazione perché questa è una delle prime volte in cui non è stato così facile per me. Mi sentivo male, non ero al 100%, ma è un bene perché si impara a superare i propri limiti. Ho pensato tante volte di voler tornare in spiaggia e rinunciare, ma una volta che la pistola di partenza spara non ci si vuole più fermare. L’adrenalina sale e si trova l’energia per continuare. Stanotte dormirò bene, domani andrò a visitare Hong Kong e poi tornerò in Francia“.

RISULTATI UOMINI

  1. Maximilian Maeder SGP Oro
  2. Toni Vodisek SLO Argento
  3. Qibin Huang CHN Bronzo
kitefoil world series

RISULTATI DONNE

  1. Lauriane Nolot FRA Oro
  2. Sofia Tomasoni ITA Argento
  3. Jingle Chen CHN Bronzo
kitefoil world series

Altre News


Share:

Ti potrebbe interessare anche


Stai cercando un KiteCamp?



E' Successo Oggi