1 Dicembre 2023

Share:

KITEFOIL: Il nemico? Io, me e me stesso

di: Editore

Condizioni mutevoli per il primo giorno a Zhuhai

  • La competizione inizia con quattro regate di corsa breve in successione in condizioni di brezza mutevole
  • A tre mesi dall’inizio delle regate, Toni Vodisek è in testa agli uomini
  • Lauriane Nolot è in testa tra le donne e inizia a godersi la Cina
  • Flo Gruber sperimenta con un nuovo kite

Lauriane Nolot era così preoccupata per il cibo durante la sua prima visita in Cina che ha messo in valigia alcuni chili di pasta e pesto per precauzione. La francese, campionessa del mondo di Formula Kite, era anche preoccupata di come sarebbe stata l’acqua a Zhuhai, ma la Nolot si è goduta un’ottima prima giornata di gare alla Lakewood Hills KiteFoil World Series China.

PRECAUZIONI PER LA PASTA E IL PESTO

kitefoil zhuhai

È stato assolutamente fantastico, in realtà. Mi chiedevo davvero come sarebbe andata, con condizioni di vento davvero difficili e l’acqua un po’ mossa“, ha detto. “Con quasi 50 atleti sulla linea di partenza, è stato davvero complicato, quindi sono davvero felice di aver disputato quattro buone gare“. Nolot sta anche scoprendo che non ha bisogno di fare affidamento sulle razioni di cibo d’emergenza.

Gareggiare in mezzo agli uomini non piace a tutte le cicliste. È molto più difficile trovare aria libera su una linea di partenza congestionata e competitiva. Ma a Nolot piace l’ulteriore sfida di lottare per l’aria libera. “Ho fatto delle ottime partenze, cercando sempre di inseguire i primi, a volte arrivando tra i primi 10 al giro di boa. È stato davvero difficile evitare le cose in acqua o vedere come cambia il vento, ma è davvero un buon allenamento qui“.

50.000 MOTIVI PER PROVARE

kitefoil zhuhai

Quando Nolot parla di “allenamento”, si riferisce al quadro generale, al grande obiettivo di puntare a una medaglia d’oro nella regata olimpica della prossima estate a Marsiglia. Ma essendo questo l’evento conclusivo delle Kitefoil World Series, in palio c’è anche il titolo mondiale e una parte del montepremi di 50.000 euro. Ad inseguirla nella classifica generale ci sono due rider cinesi, Wan Li e Jingyue Chen, che probabilmente continueranno a spingere Nolot fino all’ultima giornata.

Per i rider europei in visita, è sorprendente vedere quanto siano migliorati i kitefoiler cinesi negli ultimi anni. L’italiana Maggie Pescetto ha commentato: “È pazzesco quanto siano brave le ragazze cinesi, e sono così tante. Il livello è davvero alto ed è un ottimo allenamento essere qui a gareggiare contro tutte loro. Spero solo di migliorare la mia capacità di orientarmi in un campo di gara affollato“.

IL NEMICO INTERNO

kitefoil zhuhai

L’ultima volta che Toni Vodisek ha partecipato a una gara è stato nell’ultimo giorno dei Campionati del Mondo di Formula Kite all’Aia, in agosto. È stato il giorno in cui lo sloveno ha perso il titolo mondiale a favore dell’acerrimo rivale Max Maeder di Singapore. Nonostante la mancanza di pratica in gara, Vodisek è uscito dai blocchi ad alta velocità e ha vinto la prima manche. È stato un testa a testa per tutto il giorno tra gli amici e i rivali, ma sono stati i punteggi di Vodisek di 1,4,2,1 a dare allo sloveno il vantaggio di un solo punto sul singaporiano.

Non è stato un brutto inizio“, ha dichiarato Vodisek, reduce da un ritiro in Australia. “Sono venuto qui per vedere dove sono carente, su cosa devo lavorare. Ho già imparato molto ed è sempre uno spasso gareggiare con Maxi [Maeder]. Da soli è sempre noioso“.

Alla domanda se Maeder sia il punto di riferimento con cui si misura, Vodisek ha risposto diversamente: “No, sono io il punto di riferimento per non sbagliare. Sono io il nemico. Io, me e me stesso“.

BOMBA INESPLOSA

kitefoil zhuhai

Maeder si sta anche godendo la pressione di affrontare il ventitreenne Vodisek. Questo costringe il diciassettenne a cercare una marcia in più. “Quale altra scelta ho quando gareggio contro questo grande corridore? La tensione di gareggiare l’uno contro l’altro, e poi tornare sulla spiaggia, essere di nuovo amici, non c’è niente di meglio. Questo ragazzo sta tirando fuori il massimo da me e non posso fare altro che premere sull’acceleratore fino a esplodere“.

Naturalmente non si tratta di una corsa a due nella divisione maschile. Proprio la settimana scorsa il cinese Qibin Huang ha battuto Maeder sul gradino più alto del podio ai Campionati Formula Kite Asia & Oceania di Shenzhen. Si è trattato di una svolta epocale per il diciassettenne, che per molti anni ha cercato di avere la meglio su Maeder a livello giovanile.

Mentre Huang si trova al terzo posto a Zhuhai, a pochi punti dai primi due, ha ammesso di sentirsi un po’ stanco mentalmente dopo gli exploit della scorsa settimana. “Oggi non è andata molto bene, ma la mia prestazione è stata stabile“, ha detto. “Oggi sento che il livello della prestazione inizia a calare, perché dopo una prestazione di altissimo livello è difficile mantenerla. Devo quindi riposare un po’ a livello mentale e arrivare bene alla finale. Essere stabile, cercare di essere in Medal Series domenica e navigare bene l’ultimo giorno“.

IL “VECCHIO” SI PRENDE UN PROIETTILE

kitefoil zhuhai

L’autoproclamato “uomo più vecchio della flotta” Flo Gruber, che compie 30 anni a fine dicembre, si è goduto il suo primo giorno di regate a Zhuhai. Esattamente 10 anni fa il tedesco ha dominato la competizione vincendo il Campionato del Mondo 2013 a Hainan, in Cina. Anche se non ha mantenuto quel livello di dominio, oggi Gruber è stato contento di aver ottenuto una vittoria in gara e si è divertito a testare il suo prototipo di kite Flysurfer. Si trova al quinto posto in classifica generale, a un punto dal cipriota Denis Taradin.

Il vento era molto variabile, le condizioni erano piuttosto instabili e non avevo avuto la possibilità di allenarmi prima di oggi sulle acque di questa zona“, ha detto il tedesco. “Sono quindi contento di aver ottenuto un proiettile e penso di poter migliorare ancora questa settimana. È difficile trovare cose da migliorare a questo livello, ma credo che ci siano ancora delle viti da girare“.

Le gare proseguono venerdì con altre quattro gare su percorso breve.

RISULTATI UOMINI

  1. Toni Vodisec SLO 4,0 p
  2. Maximilian Maeder SGP 5,0 p
  3. Qibin Huang CHN 11,0 p

RISULTATI DONNE

  1. Lauriane Nolot FRA 42,0 p
  2. Jingle Chen CHN 50,0 p
  3. Wan Li CHN 58,0 p
kitefoil zhuhai

Testo inglese: Andy Rice
Foto: © IKA media/ Robert Hajduk

Guarda altre News

Selezione Istruttori stagione 2024

Cercasi Istrutttori di Kitesurf VUOI ENTRARE A FAR PARTE DELLO STAFF KITESURFING.IT? L’Associazione Kitesurf Itali

REWaterSport: Economia circolare per l’ecosostenibilità

ReWaterSport è pronta a introdurvi in un mondo all'insegna dello sport e soprattutto dell'ecosostenibilità all'inter

Un augurio di natale dal team HARLEM KITESURFING

Con l'avvicinarsi delle festività natalizie, vogliamo prenderci un momento per esprimere la nostra più sentita gratitu

Quest’anno a Natale REGALA IL KITESURF

Esplora il Regalo Perfetto Quest'Anno: Corsi di Kitesurfing per un Natale Indimenticabile!

Become a Certified IKO Instructor at the Kite…

We are delighted to announce the opening of new courses IN ENGLISH LANGUAGE to become certified IKO instructors at the K

Diventa un istruttore IKO!

Il Centro Kite Lo Stagnone è lieto di annunciare l’apertura dei corsi per diventare un Istruttore Certificato IKO (In

F-ONE: All We Do

Finalmente è uscito "All We Do"! Immergetevi subito nel mondo di F-ONE e scopri la sua storia!

Arriva la stagione dello Snowkite!

Lo sport, che unisce la libertà del kite surf con la maestosità dell'inverno, sta guadagnando sempre più appassionati

WOO: Modelli di LED da conoscere

L'aggiornamento del firmware di questo mese a WOO 4.0 include alcuni nuovi schemi di lampeggiamento dei LED.

Sconti nello shop Airware

Approfitta dei grandi sconti sulla barra per kite ALMA e Airwave, fino alla fine di gennaio!

Dietro le quinte del Red Bull King of the…

Vi portiamo dietro le quinte di Kite Beach, a Città del Capo, in Sudafrica, per vedere tutte le emozioni, l'azione e i

F-ONE: l’epopea della passione per il kitesurf

Dai primi vagiti del kitesurf, l'avvento di F-ONE ha segnato una rivoluzione nel mondo del riding.

WINGFOIL: un anno da record al GWA!

Il GWA Wingfoil World Tour ha visto una serie di eventi in quattro diverse discipline del wingfoil in giro per il mondo,

GKA: ecco le nuove docuserie!

Siamo entusiasti di annunciare il lancio dell'ultima docuserie "GKA World Of Kite", che offre un viaggio esclusivo nella

Kitesurf Usato

Stai cercando un kite adatto alle tue esigenze? Vuoi trovare la giusta occasione? Visita allora la sezione usato di Kite

Kitesurf: Oltre l’Età e le Capacità

Qui troverete storie di kitesurfers che sfidano limiti di età e capacità, speriamo possano cambiare la vostra prospett

20 Dicembre Cena di Natale Kite a Roma

Il prossimo Mercoledì 20 dicembre alle ore 21:00, il Ristorante Arvolo, incastonato nel cuore di Lungotevere di Pietra

Intervista a Jendric Burkhardt – Freestyle

Ecco un'intervista a uno dei campioni del Multivan Kitesurf Masters tratta dall'omonimo sito: Jendric Burkhardt.

VIDEO: il BIG JUMP di Nick Jacobsen

In un'audace avventura all'incrocio tra architettura e kitesurf, l'intrepido Nick Jacobsen si è librato dalla cima del

Marsala, tra kitesurf e feste natalizie

Le feste natalizie a Marsala portano con sé un turbine di attività, e nemmeno l'inverno ferma l'entusiasmo per il kite

Occhiali da sole, protezione con stile

Nell'emozionante mondo del kitesurf e del wingfoil, la scelta di ogni accessorio può fare la differenza tra un'esperien

Andrea Principi: il re dell’Aria

Andrea Principi ormai è in vetta al mondo dopo aver completato la sua personale triloria del kitesurf:  GKA Big Air Wo

Tom Court Missione Irlanda

L'intrepido freerider Tom Court vi invita a intraprendere un'emozionante avventura attraverso alcuni degli angoli più m

VIDEO: Cami Losserand X Lagoon Energy X Duotone

A Dakhla, in Marocco, l'inedita alleanza tra Cami Losserand, Lagoon Energy e Duotone ha dato vita a una partnership inno

WINGFOIL: Christopher MacDonald parla dei suoi obiettivi

Il giovane campione statunitense Christopher MacDonald ha conquistato il titolo mondiale GWA Surf-Freestyle a soli 17 an

WINGFOIL: Un’intervista a Nia Suardiaz

La talentuosa sedicenne spagnola, Nia Suardiaz, ha ottenuto risultati straordinari nel mondo del wingfoiling.

VIDEO: KPL – Un posto show con i…

Bene, è tutto, gente, abbiamo ufficialmente completato la stagione 2023! Grazie per averci seguito, per aver sostenuto

Formula Kite: Max Maeder intasca ben sei vittorie!

La Youth Sailing World Championships del 2023 ha preso il via con uno spettacolare inizio per Max Maeder (SGP), il quale

Scopriamo Nia Suardiaz, la regina del wingfoil

C'è già molto livello e molti wingfoilers di alto livello, ma tra questi spicca la tarifeña Nia Suardiaz, una ragazza

GKA: Momenti salienti

Ecco una video gallery con alcuni degli eventi salienti di questa emozionante stagione del GKA Kite World Tour

KITEFOIL: Il nemico? Io, me e me stesso

di: Editore

Condizioni mutevoli per il primo giorno a Zhuhai

  • La competizione inizia con quattro regate di corsa breve in successione in condizioni di brezza mutevole
  • A tre mesi dall’inizio delle regate, Toni Vodisek è in testa agli uomini
  • Lauriane Nolot è in testa tra le donne e inizia a godersi la Cina
  • Flo Gruber sperimenta con un nuovo kite

Lauriane Nolot era così preoccupata per il cibo durante la sua prima visita in Cina che ha messo in valigia alcuni chili di pasta e pesto per precauzione. La francese, campionessa del mondo di Formula Kite, era anche preoccupata di come sarebbe stata l’acqua a Zhuhai, ma la Nolot si è goduta un’ottima prima giornata di gare alla Lakewood Hills KiteFoil World Series China.

PRECAUZIONI PER LA PASTA E IL PESTO

kitefoil zhuhai

È stato assolutamente fantastico, in realtà. Mi chiedevo davvero come sarebbe andata, con condizioni di vento davvero difficili e l’acqua un po’ mossa“, ha detto. “Con quasi 50 atleti sulla linea di partenza, è stato davvero complicato, quindi sono davvero felice di aver disputato quattro buone gare“. Nolot sta anche scoprendo che non ha bisogno di fare affidamento sulle razioni di cibo d’emergenza.

Gareggiare in mezzo agli uomini non piace a tutte le cicliste. È molto più difficile trovare aria libera su una linea di partenza congestionata e competitiva. Ma a Nolot piace l’ulteriore sfida di lottare per l’aria libera. “Ho fatto delle ottime partenze, cercando sempre di inseguire i primi, a volte arrivando tra i primi 10 al giro di boa. È stato davvero difficile evitare le cose in acqua o vedere come cambia il vento, ma è davvero un buon allenamento qui“.

50.000 MOTIVI PER PROVARE

kitefoil zhuhai

Quando Nolot parla di “allenamento”, si riferisce al quadro generale, al grande obiettivo di puntare a una medaglia d’oro nella regata olimpica della prossima estate a Marsiglia. Ma essendo questo l’evento conclusivo delle Kitefoil World Series, in palio c’è anche il titolo mondiale e una parte del montepremi di 50.000 euro. Ad inseguirla nella classifica generale ci sono due rider cinesi, Wan Li e Jingyue Chen, che probabilmente continueranno a spingere Nolot fino all’ultima giornata.

Per i rider europei in visita, è sorprendente vedere quanto siano migliorati i kitefoiler cinesi negli ultimi anni. L’italiana Maggie Pescetto ha commentato: “È pazzesco quanto siano brave le ragazze cinesi, e sono così tante. Il livello è davvero alto ed è un ottimo allenamento essere qui a gareggiare contro tutte loro. Spero solo di migliorare la mia capacità di orientarmi in un campo di gara affollato“.

IL NEMICO INTERNO

kitefoil zhuhai

L’ultima volta che Toni Vodisek ha partecipato a una gara è stato nell’ultimo giorno dei Campionati del Mondo di Formula Kite all’Aia, in agosto. È stato il giorno in cui lo sloveno ha perso il titolo mondiale a favore dell’acerrimo rivale Max Maeder di Singapore. Nonostante la mancanza di pratica in gara, Vodisek è uscito dai blocchi ad alta velocità e ha vinto la prima manche. È stato un testa a testa per tutto il giorno tra gli amici e i rivali, ma sono stati i punteggi di Vodisek di 1,4,2,1 a dare allo sloveno il vantaggio di un solo punto sul singaporiano.

Non è stato un brutto inizio“, ha dichiarato Vodisek, reduce da un ritiro in Australia. “Sono venuto qui per vedere dove sono carente, su cosa devo lavorare. Ho già imparato molto ed è sempre uno spasso gareggiare con Maxi [Maeder]. Da soli è sempre noioso“.

Alla domanda se Maeder sia il punto di riferimento con cui si misura, Vodisek ha risposto diversamente: “No, sono io il punto di riferimento per non sbagliare. Sono io il nemico. Io, me e me stesso“.

BOMBA INESPLOSA

kitefoil zhuhai

Maeder si sta anche godendo la pressione di affrontare il ventitreenne Vodisek. Questo costringe il diciassettenne a cercare una marcia in più. “Quale altra scelta ho quando gareggio contro questo grande corridore? La tensione di gareggiare l’uno contro l’altro, e poi tornare sulla spiaggia, essere di nuovo amici, non c’è niente di meglio. Questo ragazzo sta tirando fuori il massimo da me e non posso fare altro che premere sull’acceleratore fino a esplodere“.

Naturalmente non si tratta di una corsa a due nella divisione maschile. Proprio la settimana scorsa il cinese Qibin Huang ha battuto Maeder sul gradino più alto del podio ai Campionati Formula Kite Asia & Oceania di Shenzhen. Si è trattato di una svolta epocale per il diciassettenne, che per molti anni ha cercato di avere la meglio su Maeder a livello giovanile.

Mentre Huang si trova al terzo posto a Zhuhai, a pochi punti dai primi due, ha ammesso di sentirsi un po’ stanco mentalmente dopo gli exploit della scorsa settimana. “Oggi non è andata molto bene, ma la mia prestazione è stata stabile“, ha detto. “Oggi sento che il livello della prestazione inizia a calare, perché dopo una prestazione di altissimo livello è difficile mantenerla. Devo quindi riposare un po’ a livello mentale e arrivare bene alla finale. Essere stabile, cercare di essere in Medal Series domenica e navigare bene l’ultimo giorno“.

IL “VECCHIO” SI PRENDE UN PROIETTILE

kitefoil zhuhai

L’autoproclamato “uomo più vecchio della flotta” Flo Gruber, che compie 30 anni a fine dicembre, si è goduto il suo primo giorno di regate a Zhuhai. Esattamente 10 anni fa il tedesco ha dominato la competizione vincendo il Campionato del Mondo 2013 a Hainan, in Cina. Anche se non ha mantenuto quel livello di dominio, oggi Gruber è stato contento di aver ottenuto una vittoria in gara e si è divertito a testare il suo prototipo di kite Flysurfer. Si trova al quinto posto in classifica generale, a un punto dal cipriota Denis Taradin.

Il vento era molto variabile, le condizioni erano piuttosto instabili e non avevo avuto la possibilità di allenarmi prima di oggi sulle acque di questa zona“, ha detto il tedesco. “Sono quindi contento di aver ottenuto un proiettile e penso di poter migliorare ancora questa settimana. È difficile trovare cose da migliorare a questo livello, ma credo che ci siano ancora delle viti da girare“.

Le gare proseguono venerdì con altre quattro gare su percorso breve.

RISULTATI UOMINI

  1. Toni Vodisec SLO 4,0 p
  2. Maximilian Maeder SGP 5,0 p
  3. Qibin Huang CHN 11,0 p

RISULTATI DONNE

  1. Lauriane Nolot FRA 42,0 p
  2. Jingle Chen CHN 50,0 p
  3. Wan Li CHN 58,0 p
kitefoil zhuhai

Testo inglese: Andy Rice
Foto: © IKA media/ Robert Hajduk

Altre News


Share:

Ti potrebbe interessare anche


Stai cercando un KiteCamp?



E' Successo Oggi