28 Aprile 2018

Share:

Perchè il Kitesurf genera dipendenza? LO STUDIO

di: Redazione Kitesurfing

Molto spesso si sente dire che il Kitesurf genera una sorta di dipendenza.
Ebbene si! a quanti di voi è capitato che durante una riunione importante, la coda dell’occhio va a finire fuori ed improvvisamente iniziamo ad essere irrequieti quando notiamo che c’è vento? Infatti il Kitesurf, genera dipendenza, diventando dei veri e propri VENTODIPENDENTI


Ecco quello che succede a livello neurologico una volta che iniziamo ad intraprendere questa disciplina.

Il Kitesurf genera dipendenza perchè si basa su un sistema di ricompensa inaspettata, questa sorta di adrenalina e felicità che si crea in modo inaspettato fin dalla prima planata; un mix di Serotonina, Dopamina ed Adrenalina prodotte dal nostro corpo durante l’attività ci fa diventare letteralmente malati per questo sport.

Oltre 50 anni fa, i ricercatori hanno scoperto che quando i ratti venivano premiati in maniera inaspettata, iniziavano ad avere comportamenti ossessivi.

Lo psicologo Skinner all’epoca condusse uno studio dando ai ratti dei premi a caso.

Nel lasso di tempo in cui aspettavano i premi, i ratti continuavano a cliccare una barra nelle loro gabbiette, sperando di ricevere il premio.

“Un premio inatteso ha molto più potere di una ricompensa regolare”

Quello che succede con il kitesurf e che non possiamo decidere di uscire ogni volta che vogliamo, ma sopratutto la particolarità di questo sport che ogni uscita è sempre differente da quella precedente, vuoi per l’intensità del vento, vuoi per il clima, vuoi per le condizioni del mare, ogni volta è un’esperienza diversa.

La causa della malattia mentale che affligge quasi tutti i Kiter è l’effetto positivo che generano Serotonina, Dopamina ed Adrenalina prodotte dal nostro corpo durante l’attività fisica e particolarmente durante il Kitesurf; il tutto condito dal condizionamento operante con rafforzamento imprevedibile che subisce la nostra psiche.

Apparte il problema di trovare le condizioni meteo adatte, la maggior parte di noi a a che fare con trovare escamotage quando si è al lavoro, discutere con il proprio patner, avere l’attrezzatura pronta all’uso, tutto questo crea cmq difficoltà nel praticare kitesurf in modo costante e quotidiano.

A differenza per esempio del Tennis, è uno sport che si può programmare sempre ed in qualsisi momento, un malato di questa disciplina può comunque trovare il modo di sfogarsi. 

Appena veniamo a conoscenza della possibilità di fare kitesurf, il cervello rilascia dopamina la quale genera dipendenza, causando il pensiero ossessivo.

Una volta rientarti dalla session, dopo l’inattesa ricompensa, ci sentiamo appagati,  felici,  rilassati, e sicuramente più amichevoli.

Le endorfine, l’adrenalina, e la serotonina che produciamo a livello chimico non solo ci fanno stare bene, ma ci fanno desiderare di averne ancora di più.

Quindi rilassatevi, non siete pazzi, siete semplicemente e Felicemente KITE DIPENDENTI

Guarda altre News

Viana do Castelo Incoronata con un Epico Campionato…

Lo scorso fine settimana, Viana do Castelo è diventata l'epicentro dell'emozione e dell'adrenalina con la celebrazione

La Corsa ai Titoli Mondiali di Big Air…

I leader nella corsa ai titoli mondiali di Big Air, il duo olandese composto da Jamie Overbeek e Pippa van Iersel, sono

WINGFOIL: Nia Suardiaz e Mathis Ghio Trionfano al…

Nia Suardiaz, a soli 17 anni, ha lasciato tutti a bocca aperta dominando la competizione femminile dall'inizio alla fine

Il GKA Annuncia un Ambizioso Nuovo Piano per…

Dal 29 agosto al 1 settembre, Dunkerque sarà il teatro di un'iniziativa rivoluzionaria nel mondo del kitesurf, promossa

Jamie Overbeek: La Prima Grande Vittoria di un…

Il kitesurfer olandese Jamie Overbeek ha conquistato la sua prima grande vittoria al GKA Lords of Tram in Francia

Pippa van Iersel: Un Ritorno Vincente nel Mondo…

La kitesurfer olandese Pippa van Iersel ha trionfato nella tappa inaugurale del Qatar Airways GKA Big Air Kite World Cha

VIDEO: Big Air alla Laguna “in una giornata…

Jamie Overbeek è stato attirato da una previsione promettente che è andata completamente storta, ma la laguna ha fatto

Jeremy Burlando Trionfa al Full Power Tarifa 2024

Il Full Power Tarifa 2024, prestigiosa competizione di Big Air organizzata annualmente in Spagna sul rinomato spot di Ba

Cécilia Rastello: Un Talento Emergente nel Circuito Engie…

Cécilia Rastello, partecipante al circuito Engie Kite Tour dalla stagione 2023, è stata recentemente celebrata dalla F

Formula Kite World Championship: Poema Newland Ritrova la…

Dopo un inizio disastroso nella giornata di apertura del Campionato del Mondo Formula Kite a Hyères, Poema Newland

I Migliori Luoghi per il Kitesurf in Colombia

Ciao kiters e wingfoilers! Oggi esploreremo i migliori spot per il kitesurf in Colombia, una terra ricca di bellezze nat

GKA svela un nuovo piano ambizioso per il…

Il GKA sta lanciando una nuova iniziativa importante nel kitesurf, che comprende una gara ProAm e opportunità di test d

Tutto sulla “Ford Kitegirl Day” 2024 a PUPUYA

Incontro femminile di kitesurf: Constanza Ulloa ha vinto la "Ford Kitegirl Day" 2024, che si è svolta per la prima volt

Risultati del FULL POWER Tarifa 2024

Quest'anno, senza cancellazioni, grazie al levante di Tarifa e con un grande spettacolo dei migliori rider del mondo, co

WINGFOIL: Prima Tappa della Spain WingFoil League Chiclana…

La prima tappa della stagione della Spain WingFoil League ci ha regalato giorni epici di sole, vento e competizione.

Perchè il Kitesurf genera dipendenza? LO STUDIO

di: Redazione Kitesurfing

Molto spesso si sente dire che il Kitesurf genera una sorta di dipendenza.
Ebbene si! a quanti di voi è capitato che durante una riunione importante, la coda dell’occhio va a finire fuori ed improvvisamente iniziamo ad essere irrequieti quando notiamo che c’è vento? Infatti il Kitesurf, genera dipendenza, diventando dei veri e propri VENTODIPENDENTI


Ecco quello che succede a livello neurologico una volta che iniziamo ad intraprendere questa disciplina.

Il Kitesurf genera dipendenza perchè si basa su un sistema di ricompensa inaspettata, questa sorta di adrenalina e felicità che si crea in modo inaspettato fin dalla prima planata; un mix di Serotonina, Dopamina ed Adrenalina prodotte dal nostro corpo durante l’attività ci fa diventare letteralmente malati per questo sport.

Oltre 50 anni fa, i ricercatori hanno scoperto che quando i ratti venivano premiati in maniera inaspettata, iniziavano ad avere comportamenti ossessivi.

Lo psicologo Skinner all’epoca condusse uno studio dando ai ratti dei premi a caso.

Nel lasso di tempo in cui aspettavano i premi, i ratti continuavano a cliccare una barra nelle loro gabbiette, sperando di ricevere il premio.

“Un premio inatteso ha molto più potere di una ricompensa regolare”

Quello che succede con il kitesurf e che non possiamo decidere di uscire ogni volta che vogliamo, ma sopratutto la particolarità di questo sport che ogni uscita è sempre differente da quella precedente, vuoi per l’intensità del vento, vuoi per il clima, vuoi per le condizioni del mare, ogni volta è un’esperienza diversa.

La causa della malattia mentale che affligge quasi tutti i Kiter è l’effetto positivo che generano Serotonina, Dopamina ed Adrenalina prodotte dal nostro corpo durante l’attività fisica e particolarmente durante il Kitesurf; il tutto condito dal condizionamento operante con rafforzamento imprevedibile che subisce la nostra psiche.

Apparte il problema di trovare le condizioni meteo adatte, la maggior parte di noi a a che fare con trovare escamotage quando si è al lavoro, discutere con il proprio patner, avere l’attrezzatura pronta all’uso, tutto questo crea cmq difficoltà nel praticare kitesurf in modo costante e quotidiano.

A differenza per esempio del Tennis, è uno sport che si può programmare sempre ed in qualsisi momento, un malato di questa disciplina può comunque trovare il modo di sfogarsi. 

Appena veniamo a conoscenza della possibilità di fare kitesurf, il cervello rilascia dopamina la quale genera dipendenza, causando il pensiero ossessivo.

Una volta rientarti dalla session, dopo l’inattesa ricompensa, ci sentiamo appagati,  felici,  rilassati, e sicuramente più amichevoli.

Le endorfine, l’adrenalina, e la serotonina che produciamo a livello chimico non solo ci fanno stare bene, ma ci fanno desiderare di averne ancora di più.

Quindi rilassatevi, non siete pazzi, siete semplicemente e Felicemente KITE DIPENDENTI

Altre News


 Tags: 

Share:

Ti potrebbe interessare anche


Stai cercando un KiteCamp?



E' Successo Oggi