23 Giugno 2023

Share:

UNA LEGA TUTTA LORO: Le donne del Big Air

di: Editore

Le donne del Big Air hanno innegabilmente rubato la scena all’ultima competizione della Big Air Kite League a Città del Capo. 12 donne serie, motivate e impegnate hanno abbandonato le tradizionali norme di genere del kite, che prevedevano bikini e sorrisi, per indossare mute, giubbotti antiurto e facce da gioco duro. La folla accorsa per vederle gareggiare è stata ricompensata dalle donne che hanno eseguito i loro trick più grandi e aggressivi in condizioni di Big Air adeguatamente ventose. Nessuna si è trattenuta. Le donne hanno eseguito trick enormi, indistinguibili da quelli degli uomini, tra cui non una ma ben due regine che hanno tentato e portato a termine il primo doppio loop al mondo per la loro divisione. Dopo aver lavorato individualmente e come gruppo per anni per aumentare il loro livello di abilità collettiva, la progressione delle donne in questo lato estremo del kite è innegabile. Si allenano duramente e fanno kite ancora più duramente per continuare a spingere il limite massimo l’una per l’altra. E non vengono a giocare…

Le donne del Big Air

Quando il kite si stava affermando come nuovo sport nei primi anni 2000, il Big Air era pericoloso, al limite dello spericolato, con kite troppo potenti e salti enormi. I kite a prua non esistevano ancora. A partire dal 2000, le gare del Red Bull King of the Air si tennero a Ho’okipa, a Maui. Per i primi cinque anni, il KOTA ha incluso una divisione femminile, con Susi Mai che ha conquistato il primo posto sul podio per tre anni consecutivi. Il Big Air è tornato sulla scena delle competizioni nel 2013 con la nuova edizione sudafricana del KOTA, ora con i megaloop come protagonisti. Questa volta, però, mancava una divisione femminile. Anche se le donne hanno presentato dei video, non sono state incluse e sono state finalmente placate con una sessione di espressione prima dell’evento del 2019 con solo due rider: Angely Bouillot e Hannah Whiteley. Oltre alla stampa, non erano previsti giudizi, podi o premi in denaro.

Dopo essere rimaste ai margini delle competizioni di Big Air per anni, le donne hanno finalmente preso in mano la situazione mettendo in piedi una competizione tutta loro e chiamandola A Queen is Born. Ironia della sorte, la gara si è svolta pochi giorni prima del KOTA, poco più avanti sulla spiaggia. Questa competizione di base si è svolta nella Mystic House di Città del Capo, senza permessi ma con una passione più che sufficiente. Ogni concorrente ha capito che se qualcuno chiedeva loro cosa stessero facendo, erano solo fuori per una sessione con gli amici. Otto donne eccezionali hanno spinto i loro limiti e hanno dimostrato che le donne possono competere in questo sport e meritano di avere un posto sul loro podio. Anche se hanno dovuto costruirlo da sole.

Nel 2020 Angely è stata ufficialmente invitata a gareggiare insieme agli uomini nel KOTA. All’inizio della competizione ha fatto un enorme megaloop in ritardo che ha mostrato a tutti quanto le donne possano essere capaci nelle stesse condizioni e nella stessa competizione degli uomini. Poco prima del debutto di Angely al KOTA, la Big Air Kite League ha organizzato la sua prima competizione e ha accolto le donne accanto agli uomini. Come prevedibile, Angely ha partecipato, insieme a Gabrielé Pioraité, che si era classificata terza a A Queen is Born. Il secondo evento BAKL si è tenuto a Tatajuba nel 2020, con la prima divisione femminile dell’era moderna del Big Air, composta da sette donne, tra cui rider locali e rider internazionali ormai note come Jasmine Cho.

L’edizione 2021 del BAKL di Città del Capo ha incluso una divisione amatoriale aperta a tutti i rider e ha visto gareggiare le nuove arrivate nel Big Air femminile Francesca Maini e Alessa Sophia. “È stato un evento piccolo ma davvero molto divertente. Probabilmente è stato il vento più forte con cui ho fatto kite in quel momento, quindi è stata una grande scarica di adrenalina. Da quel momento in poi ho voluto farlo ancora e ancora. Mi ha portato al punto in cui sono ora“, ricorda Francesca. Il BAKL ha continuato a includere le donne nella divisione amatoriale per il primo evento di Tarifa nel 2021. “La mia prima gara è stata Full Power Tarifa nel 2021. Non c’era ancora una divisione femminile, quindi ho gareggiato nella divisione amatoriale. Non avevo mai fatto un kiteloop con più di 40 nodi! Continuavo a fare il looping del kite troppo presto, così sono stata fatta a pezzi e mi sono schiantata loop dopo loop. Questo mi ha dato una motivazione in più per continuare a spingere“, racconta Zara Hoogenraad.

Le donne possono competere in questo sport e meritano di avere un posto sul proprio podio.

Infine, il BAKL ha aperto nuovamente le divisioni per sole donne a Tatajuba e successivamente a Lords of Tram a Gruissan, in Francia. Quest’ultima competizione ha visto kiteloop aggressivi a rotazione multipla da parte di diverse atlete e persino un tentativo di dangle pass da parte di Pippa Van Iersel. La decisione deliberata di dare spazio alle donne negli eventi del BAKL è stata l’opportunità che le donne stavano aspettando. Erano qui per dimostrare al mondo che fanno parte dell’evento principale. Dalla fine del 2021, il Big Air femminile è esploso. Nel 2022 quattro competizioni BAKL e il Campionato del Mondo GKA di Big Air includevano tutte divisioni femminili. Il calibro dei video di ingresso è salito alle stelle e gli eventi hanno iniziato a tenere liste di rider di riserva per la prima volta in assoluto. Molti rider di freestyle sono passati dall’altra parte, comprese leggende come Mikaili Sol, che ha finalmente sostituito gli stivali con i passanti. “Penso che sia davvero importante per le donne avere una propria divisione“, dice Francesca. “Se vedono una divisione femminile in ogni competizione, questo porta più ragazze verso questo sport. Più ragazze crederanno di poterlo fare“.

Le donne del Big Air

Ma tenere il passo è sempre più difficile. “Mi sono reso conto che se non mi spingo adesso, rimarrò indietro. Questo è il motivo principale per cui mi sono impegnata così tanto negli ultimi mesi, perché ho visto che c’è stata una transizione e che, in quel momento, o è ora o non ce la farò“, dice Jasmine Cho. Una cosa è chiara alle donne di Big Air: spingere se stesse è intrinseco. “Lavoro costantemente per migliorarmi e per mettermi in situazioni che creino pressione. So cosa voglio e sono innamorata del processo. Quando mi sento troppo a mio agio, significa che sto evitando cose che potrebbero spaventarmi, quindi devo iniziare a spingere di più“, condivide Zara.Quando l’adrenalina scorre nel mio corpo e riesco a fare quel numero, è una delle sensazioni più belle del mondo“.

Questa spinta intrinseca è stata più che evidente quando Francesca ha tentato e portato a termine il primo double loop femminile a metà gara. “È stato davvero emozionante, ma anche un po’ spaventoso. Non avevo mai provato prima e avevo deciso di farlo solo quel giorno. Mi sono detta: ‘Ok, è meglio che atterri’. E così è stato. E sono molto felice. Ne ho fatto uno in semifinale e poi ne ho fatto un altro in finale“, racconta Francesca. “Non volevo esercitarmi“, aggiunge. “Ho pensato che se lo faccio in una gara e atterro, tutti mi guarderanno e se non lo faccio allora immagino che ci sia qualcuno a salvarmi“.

Tutti questi nuovi trick e il superamento del limite massimo comportano cadute più difficili. Molte donne del Big Air si sono allenate come atlete professioniste, integrando il tempo trascorso in acqua con allenamenti fuori dall’acqua. Non è raro vedere le Instagram Stories di rider come Zara, Angely, Pippa e Michaela Pilkenton che si allenano in palestra per mantenere il loro corpo sano e in forma, proprio come i ragazzi. “Le donne che sono ai vertici in questo momento stanno dedicando il tempo e l’impegno necessari per essere atlete eccezionali. Si allenano fuori dall’acqua, mangiano bene e viaggiano nei luoghi in cui devono allenarsi in acqua“, dice Michaela. “Avere un corpo forte in tutti i sensi è essenziale per non subire infortuni. Non salto mai la giornata delle gambe, perché la salute di ginocchia e caviglie è senza dubbio la più importante per affrontare atterraggi difficili. La forza del core è importante per poter rimanere compatti e affrontare le cadute; la parte superiore del corpo entra in gioco per cose come le uscite dalla tavola. Alla gara di Città del Capo ho avuto una caduta con forza di 6,6 G direttamente sulla schiena e sono stato bene grazie al lavoro che ho svolto“.

Nonostante la competizione reciproca e i programmi di allenamento individuali, una caratteristica fondamentale che contraddistingue queste donne è la loro capacità di incitarsi a vicenda. “Quando ho fatto il mio primo double loop, tutte mi hanno sostenuto e sono state felicissime per me. C’è questa sensazione che quando una di noi fa un nuovo trick il resto delle ragazze lo vede come un altro passo avanti per il Big Air femminile e questo ci rende tutte migliori“, dice Francesca. “Negli ultimi anni ho conosciuto tante donne simpatiche e alcune sono diventate amiche molto strette“, aggiunge Zara. “È incredibile vedere il livello crescere così velocemente. Mi piace allenarmi con le mie ragazze in acqua e spronarci a vicenda. Spero che potremo continuare ad aiutarci e a sostenerci a vicenda in questo sport e continuare a spingerci al livello successivo“.

Le donne del Big Air

La rappresentazione delle donne a questo livello è importante. Quando le donne possono vedersi in questo sport, perché i professionisti di alto livello sono come loro, sentono di potervi appartenere. “Ti dà una grande motivazione per migliorare“, dice Francesca. “Ovviamente puoi vedere un sacco di ragazzi che fanno il Big Air e sono più bravi di te, ma quando vedi una ragazza che fa qualcosa di meglio di te pensi ‘wow penso di poterlo fare e voglio imparare‘”.

Mentre le donne lavorano duramente per alzare l’asticella, c’è un settore che è rimasto indietro: la parità di retribuzione. Fatta eccezione per alcune donne che sono passate dal freestyle, le atlete che praticano il Big Air non percepiscono dai loro marchi gli stessi stipendi delle loro controparti maschili. “Ci meritiamo la stessa cifra degli uomini“, dice Francesca. “Facciamo kite nelle stesse condizioni e corriamo gli stessi rischi. Io non ho uno stipendio da pilota, ma mi sto comunque allenando come i ragazzi e corro lo stesso rischio di infortunio“.

So che molte donne del Big Air non ricevono ciò che meritano. Non essere pagate come un’atleta professionista diventa un fattore limitante nella quantità di tempo che le donne possono dedicare all’allenamento in acqua e fuori. Molte donne hanno un lavoro per pagarsi i viaggi e le gare. Se i marchi fossero più solidali, le donne potrebbero spingersi allo stesso modo degli uomini“, condivide Michaela.

Un altro punto in cui è necessaria l’uguaglianza sono le divisioni femminili negli eventi più importanti. King of the Air, Cold Hawaii e Megaloop Challenge non hanno più scuse per non dare spazio alle donne che tengono duro in condizioni estreme. “Sono felice di essere tra le donne che stanno spingendo i confini e i limiti di questo sport. Spero che Red Bull apra una divisione femminile come Queen of the Air, ma se non lo faranno forse dovremo fare la nostra e chiamarla Mega Boobs Challenge“, ride Angely.

Parità di retribuzione o meno, Queen of the Air o meno, le donne di Big Air sono qui per restare. Hanno lavorato insieme come comunità e come atlete individuali per spingere il tetto più in alto e dimostreranno una volta per tutte che meritano di stare sullo stesso palco.

FONTE: The Kite Mag
TESTO: Kimmy Gustafson
FOTO: Miriam Joanna

Guarda altre News

Kite Fest Guajira 2024: Competizioni, Esibizioni, Fiera Commerciale…

Il Kite Fest Guajira 2024 sta per iniziare e promette di essere una settimana piena di emozioni, novità e divertimento

Eleveight – Come installare i cuscinetti e le…

Seago è stato progettato per garantire un comfort superiore, con zero punti duri e una vestibilità ergonomica per assi

Ruben Lenten: Superare il Cancro e Spingere i…

In un recente episodio del podcast WOW, condotto da Liam Whaley, Ruben condivide il suo incredibile viaggio

Il Campionato Kite Park League in Sicilia 2024…

Con grande rammarico, siamo costretti a condividere che l'evento 2024 del Kite Park League in Sicilia è stato rinviato

Hebert Hernández e la Sfida Epica: 120 Km…

Hebert Hernández e la Sua Epica Traversata: 120 Km di Kitesurf da Margarita a Lechería

Viana do Castelo Incoronata con un Epico Campionato…

Lo scorso fine settimana, Viana do Castelo è diventata l'epicentro dell'emozione e dell'adrenalina con la celebrazione

La Corsa ai Titoli Mondiali di Big Air…

I leader nella corsa ai titoli mondiali di Big Air, il duo olandese composto da Jamie Overbeek e Pippa van Iersel, sono

WINGFOIL: Nia Suardiaz e Mathis Ghio Trionfano al…

Nia Suardiaz, a soli 17 anni, ha lasciato tutti a bocca aperta dominando la competizione femminile dall'inizio alla fine

La Storia di Zé Luiz: Dal Kitesurf Casalingo…

José Luis, conosciuto su Instagram come @jluis123jef e noto come Zé Luiz, ci ha sorpreso con un video straordinario in

Il GKA Annuncia un Ambizioso Nuovo Piano per…

Dal 29 agosto al 1 settembre, Dunkerque sarà il teatro di un'iniziativa rivoluzionaria nel mondo del kitesurf, promossa

Jamie Overbeek: La Prima Grande Vittoria di un…

Il kitesurfer olandese Jamie Overbeek ha conquistato la sua prima grande vittoria al GKA Lords of Tram in Francia

Pippa van Iersel: Un Ritorno Vincente nel Mondo…

La kitesurfer olandese Pippa van Iersel ha trionfato nella tappa inaugurale del Qatar Airways GKA Big Air Kite World Cha

VIDEO: Big Air alla Laguna “in una giornata…

Jamie Overbeek è stato attirato da una previsione promettente che è andata completamente storta, ma la laguna ha fatto

Jeremy Burlando Trionfa al Full Power Tarifa 2024

Il Full Power Tarifa 2024, prestigiosa competizione di Big Air organizzata annualmente in Spagna sul rinomato spot di Ba

Cécilia Rastello: Un Talento Emergente nel Circuito Engie…

Cécilia Rastello, partecipante al circuito Engie Kite Tour dalla stagione 2023, è stata recentemente celebrata dalla F

Formula Kite World Championship: Poema Newland Ritrova la…

Dopo un inizio disastroso nella giornata di apertura del Campionato del Mondo Formula Kite a Hyères, Poema Newland

I Migliori Luoghi per il Kitesurf in Colombia

Ciao kiters e wingfoilers! Oggi esploreremo i migliori spot per il kitesurf in Colombia, una terra ricca di bellezze nat

GKA svela un nuovo piano ambizioso per il…

Il GKA sta lanciando una nuova iniziativa importante nel kitesurf, che comprende una gara ProAm e opportunità di test d

Tutto sulla “Ford Kitegirl Day” 2024 a PUPUYA

Incontro femminile di kitesurf: Constanza Ulloa ha vinto la "Ford Kitegirl Day" 2024, che si è svolta per la prima volt

Risultati del FULL POWER Tarifa 2024

Quest'anno, senza cancellazioni, grazie al levante di Tarifa e con un grande spettacolo dei migliori rider del mondo, co

WINGFOIL: Prima Tappa della Spain WingFoil League Chiclana…

La prima tappa della stagione della Spain WingFoil League ci ha regalato giorni epici di sole, vento e competizione.

Nia Suardíaz: La Regina del Wingfoil Conquista Tarifa…

Nia Suardíaz, la prodigiosa campionessa mondiale di Wingfoil, ha di nuovo lasciato il segno nelle acque di Valdevaquero

Conto alla rovescia per i Campionati del Mondo…

I Campionati del Mondo di Kitefoil 2024 apriranno sabato 11 maggio a Hyères, sulla spiaggia dei Vieux Salins.

Rodrigues International Kitesurf Festival 2024: Oswald Smith sarà…

Dopo Jalou Langeree (madrina) e Louka Pitot (padrino) dello scorso anno, l'edizione 2024 del Rodrigues International Kit

Focus sull’Engie Youth Academie, con Antoine Weiss e…

Il programma dell'Engie Youth Academie, esistente dal 2023, si propone di trasmettere ai rider le basi fondamentali per

VIDEO: ELEVEIGHT – Poetry in Flight

In una splendida giornata in Francia, tutto sembrava andare al suo posto. Proprio quando il vento di Tramontana ha inizi

La Emozionante Copa Calima Pescao II Regata in…

La Copa Calima Pescao II Regata si è conclusa in Colombia, e i risultati sono impressionanti nelle gare che si sono sv

Ultimi Biglietti per i Giochi Olimpici di Parigi…

Connor Bainbridge della Gran Bretagna e Elena Lengwiler della Svizzera hanno dominato l'Ultima Regata di Qualificazione

DÉFI KITE 2024: oggi un epico evento in…

Il Défi Kite 2024, giunto alla sua 10ª edizione, aprirà i battenti questo venerdì 3 maggio sul mitico spot di Gruiss

WINGFOIL: Annuncio del V Tarifa Wing Pro dal…

I migliori rider del mondo si daranno appuntamento questo fine settimana al V Tarifa Wing Pro.

GR8STONE BIG AIR: Un Weekend di Emozioni Forti

La stagione competitiva di aprile 2024 è iniziata con un titolo adatto: "Il Big Air Comp"

UNA LEGA TUTTA LORO: Le donne del Big Air

di: Editore

Le donne del Big Air hanno innegabilmente rubato la scena all’ultima competizione della Big Air Kite League a Città del Capo. 12 donne serie, motivate e impegnate hanno abbandonato le tradizionali norme di genere del kite, che prevedevano bikini e sorrisi, per indossare mute, giubbotti antiurto e facce da gioco duro. La folla accorsa per vederle gareggiare è stata ricompensata dalle donne che hanno eseguito i loro trick più grandi e aggressivi in condizioni di Big Air adeguatamente ventose. Nessuna si è trattenuta. Le donne hanno eseguito trick enormi, indistinguibili da quelli degli uomini, tra cui non una ma ben due regine che hanno tentato e portato a termine il primo doppio loop al mondo per la loro divisione. Dopo aver lavorato individualmente e come gruppo per anni per aumentare il loro livello di abilità collettiva, la progressione delle donne in questo lato estremo del kite è innegabile. Si allenano duramente e fanno kite ancora più duramente per continuare a spingere il limite massimo l’una per l’altra. E non vengono a giocare…

Le donne del Big Air

Quando il kite si stava affermando come nuovo sport nei primi anni 2000, il Big Air era pericoloso, al limite dello spericolato, con kite troppo potenti e salti enormi. I kite a prua non esistevano ancora. A partire dal 2000, le gare del Red Bull King of the Air si tennero a Ho’okipa, a Maui. Per i primi cinque anni, il KOTA ha incluso una divisione femminile, con Susi Mai che ha conquistato il primo posto sul podio per tre anni consecutivi. Il Big Air è tornato sulla scena delle competizioni nel 2013 con la nuova edizione sudafricana del KOTA, ora con i megaloop come protagonisti. Questa volta, però, mancava una divisione femminile. Anche se le donne hanno presentato dei video, non sono state incluse e sono state finalmente placate con una sessione di espressione prima dell’evento del 2019 con solo due rider: Angely Bouillot e Hannah Whiteley. Oltre alla stampa, non erano previsti giudizi, podi o premi in denaro.

Dopo essere rimaste ai margini delle competizioni di Big Air per anni, le donne hanno finalmente preso in mano la situazione mettendo in piedi una competizione tutta loro e chiamandola A Queen is Born. Ironia della sorte, la gara si è svolta pochi giorni prima del KOTA, poco più avanti sulla spiaggia. Questa competizione di base si è svolta nella Mystic House di Città del Capo, senza permessi ma con una passione più che sufficiente. Ogni concorrente ha capito che se qualcuno chiedeva loro cosa stessero facendo, erano solo fuori per una sessione con gli amici. Otto donne eccezionali hanno spinto i loro limiti e hanno dimostrato che le donne possono competere in questo sport e meritano di avere un posto sul loro podio. Anche se hanno dovuto costruirlo da sole.

Nel 2020 Angely è stata ufficialmente invitata a gareggiare insieme agli uomini nel KOTA. All’inizio della competizione ha fatto un enorme megaloop in ritardo che ha mostrato a tutti quanto le donne possano essere capaci nelle stesse condizioni e nella stessa competizione degli uomini. Poco prima del debutto di Angely al KOTA, la Big Air Kite League ha organizzato la sua prima competizione e ha accolto le donne accanto agli uomini. Come prevedibile, Angely ha partecipato, insieme a Gabrielé Pioraité, che si era classificata terza a A Queen is Born. Il secondo evento BAKL si è tenuto a Tatajuba nel 2020, con la prima divisione femminile dell’era moderna del Big Air, composta da sette donne, tra cui rider locali e rider internazionali ormai note come Jasmine Cho.

L’edizione 2021 del BAKL di Città del Capo ha incluso una divisione amatoriale aperta a tutti i rider e ha visto gareggiare le nuove arrivate nel Big Air femminile Francesca Maini e Alessa Sophia. “È stato un evento piccolo ma davvero molto divertente. Probabilmente è stato il vento più forte con cui ho fatto kite in quel momento, quindi è stata una grande scarica di adrenalina. Da quel momento in poi ho voluto farlo ancora e ancora. Mi ha portato al punto in cui sono ora“, ricorda Francesca. Il BAKL ha continuato a includere le donne nella divisione amatoriale per il primo evento di Tarifa nel 2021. “La mia prima gara è stata Full Power Tarifa nel 2021. Non c’era ancora una divisione femminile, quindi ho gareggiato nella divisione amatoriale. Non avevo mai fatto un kiteloop con più di 40 nodi! Continuavo a fare il looping del kite troppo presto, così sono stata fatta a pezzi e mi sono schiantata loop dopo loop. Questo mi ha dato una motivazione in più per continuare a spingere“, racconta Zara Hoogenraad.

Le donne possono competere in questo sport e meritano di avere un posto sul proprio podio.

Infine, il BAKL ha aperto nuovamente le divisioni per sole donne a Tatajuba e successivamente a Lords of Tram a Gruissan, in Francia. Quest’ultima competizione ha visto kiteloop aggressivi a rotazione multipla da parte di diverse atlete e persino un tentativo di dangle pass da parte di Pippa Van Iersel. La decisione deliberata di dare spazio alle donne negli eventi del BAKL è stata l’opportunità che le donne stavano aspettando. Erano qui per dimostrare al mondo che fanno parte dell’evento principale. Dalla fine del 2021, il Big Air femminile è esploso. Nel 2022 quattro competizioni BAKL e il Campionato del Mondo GKA di Big Air includevano tutte divisioni femminili. Il calibro dei video di ingresso è salito alle stelle e gli eventi hanno iniziato a tenere liste di rider di riserva per la prima volta in assoluto. Molti rider di freestyle sono passati dall’altra parte, comprese leggende come Mikaili Sol, che ha finalmente sostituito gli stivali con i passanti. “Penso che sia davvero importante per le donne avere una propria divisione“, dice Francesca. “Se vedono una divisione femminile in ogni competizione, questo porta più ragazze verso questo sport. Più ragazze crederanno di poterlo fare“.

Le donne del Big Air

Ma tenere il passo è sempre più difficile. “Mi sono reso conto che se non mi spingo adesso, rimarrò indietro. Questo è il motivo principale per cui mi sono impegnata così tanto negli ultimi mesi, perché ho visto che c’è stata una transizione e che, in quel momento, o è ora o non ce la farò“, dice Jasmine Cho. Una cosa è chiara alle donne di Big Air: spingere se stesse è intrinseco. “Lavoro costantemente per migliorarmi e per mettermi in situazioni che creino pressione. So cosa voglio e sono innamorata del processo. Quando mi sento troppo a mio agio, significa che sto evitando cose che potrebbero spaventarmi, quindi devo iniziare a spingere di più“, condivide Zara.Quando l’adrenalina scorre nel mio corpo e riesco a fare quel numero, è una delle sensazioni più belle del mondo“.

Questa spinta intrinseca è stata più che evidente quando Francesca ha tentato e portato a termine il primo double loop femminile a metà gara. “È stato davvero emozionante, ma anche un po’ spaventoso. Non avevo mai provato prima e avevo deciso di farlo solo quel giorno. Mi sono detta: ‘Ok, è meglio che atterri’. E così è stato. E sono molto felice. Ne ho fatto uno in semifinale e poi ne ho fatto un altro in finale“, racconta Francesca. “Non volevo esercitarmi“, aggiunge. “Ho pensato che se lo faccio in una gara e atterro, tutti mi guarderanno e se non lo faccio allora immagino che ci sia qualcuno a salvarmi“.

Tutti questi nuovi trick e il superamento del limite massimo comportano cadute più difficili. Molte donne del Big Air si sono allenate come atlete professioniste, integrando il tempo trascorso in acqua con allenamenti fuori dall’acqua. Non è raro vedere le Instagram Stories di rider come Zara, Angely, Pippa e Michaela Pilkenton che si allenano in palestra per mantenere il loro corpo sano e in forma, proprio come i ragazzi. “Le donne che sono ai vertici in questo momento stanno dedicando il tempo e l’impegno necessari per essere atlete eccezionali. Si allenano fuori dall’acqua, mangiano bene e viaggiano nei luoghi in cui devono allenarsi in acqua“, dice Michaela. “Avere un corpo forte in tutti i sensi è essenziale per non subire infortuni. Non salto mai la giornata delle gambe, perché la salute di ginocchia e caviglie è senza dubbio la più importante per affrontare atterraggi difficili. La forza del core è importante per poter rimanere compatti e affrontare le cadute; la parte superiore del corpo entra in gioco per cose come le uscite dalla tavola. Alla gara di Città del Capo ho avuto una caduta con forza di 6,6 G direttamente sulla schiena e sono stato bene grazie al lavoro che ho svolto“.

Nonostante la competizione reciproca e i programmi di allenamento individuali, una caratteristica fondamentale che contraddistingue queste donne è la loro capacità di incitarsi a vicenda. “Quando ho fatto il mio primo double loop, tutte mi hanno sostenuto e sono state felicissime per me. C’è questa sensazione che quando una di noi fa un nuovo trick il resto delle ragazze lo vede come un altro passo avanti per il Big Air femminile e questo ci rende tutte migliori“, dice Francesca. “Negli ultimi anni ho conosciuto tante donne simpatiche e alcune sono diventate amiche molto strette“, aggiunge Zara. “È incredibile vedere il livello crescere così velocemente. Mi piace allenarmi con le mie ragazze in acqua e spronarci a vicenda. Spero che potremo continuare ad aiutarci e a sostenerci a vicenda in questo sport e continuare a spingerci al livello successivo“.

Le donne del Big Air

La rappresentazione delle donne a questo livello è importante. Quando le donne possono vedersi in questo sport, perché i professionisti di alto livello sono come loro, sentono di potervi appartenere. “Ti dà una grande motivazione per migliorare“, dice Francesca. “Ovviamente puoi vedere un sacco di ragazzi che fanno il Big Air e sono più bravi di te, ma quando vedi una ragazza che fa qualcosa di meglio di te pensi ‘wow penso di poterlo fare e voglio imparare‘”.

Mentre le donne lavorano duramente per alzare l’asticella, c’è un settore che è rimasto indietro: la parità di retribuzione. Fatta eccezione per alcune donne che sono passate dal freestyle, le atlete che praticano il Big Air non percepiscono dai loro marchi gli stessi stipendi delle loro controparti maschili. “Ci meritiamo la stessa cifra degli uomini“, dice Francesca. “Facciamo kite nelle stesse condizioni e corriamo gli stessi rischi. Io non ho uno stipendio da pilota, ma mi sto comunque allenando come i ragazzi e corro lo stesso rischio di infortunio“.

So che molte donne del Big Air non ricevono ciò che meritano. Non essere pagate come un’atleta professionista diventa un fattore limitante nella quantità di tempo che le donne possono dedicare all’allenamento in acqua e fuori. Molte donne hanno un lavoro per pagarsi i viaggi e le gare. Se i marchi fossero più solidali, le donne potrebbero spingersi allo stesso modo degli uomini“, condivide Michaela.

Un altro punto in cui è necessaria l’uguaglianza sono le divisioni femminili negli eventi più importanti. King of the Air, Cold Hawaii e Megaloop Challenge non hanno più scuse per non dare spazio alle donne che tengono duro in condizioni estreme. “Sono felice di essere tra le donne che stanno spingendo i confini e i limiti di questo sport. Spero che Red Bull apra una divisione femminile come Queen of the Air, ma se non lo faranno forse dovremo fare la nostra e chiamarla Mega Boobs Challenge“, ride Angely.

Parità di retribuzione o meno, Queen of the Air o meno, le donne di Big Air sono qui per restare. Hanno lavorato insieme come comunità e come atlete individuali per spingere il tetto più in alto e dimostreranno una volta per tutte che meritano di stare sullo stesso palco.

FONTE: The Kite Mag
TESTO: Kimmy Gustafson
FOTO: Miriam Joanna

Altre News


Share:

Stai cercando un KiteCamp?



E' Successo Oggi