10 Novembre 2018

Share:

Istruttore di Kitesurf – 4 MITI DA SFATARE

di: Redazione Kitesurfing

“Fai quello che ami e non lavorerai mai un giorno della tua vita”, disse Confucio.

Tu sei d’accordo? Io solo in parte.

Sicuramente lavorare facendo ciò che si ama rende il tutto più gradevole, ma non elimina ansie e preoccupazioni insite in ogni lavoro.

Se si è alla ricerca del lavoro dei sogni, difficilmente lo si può trovare.

Bisogna essere realisti e sapere che in ogni aspetto della vita esistono dei pro e dei contro, che non sono dei valori assoluti bensì relativi. Valori relativi al pensiero e al modo di vita di ciascuno di noi.

Ogni lavoro nasconde in sé delle imperfezioni o anomalie, più o meno visibili.

Quante persone sento parlare del mestiere di istruttore di kitesurf come se fosse fare i soldi essendo in vacanza. “Stai al mare, fai quello che ti piace e guadagni, dura la vita”.

Ovviamente chi pensa questo non sa tutti i sacrifici nascosti dietro questo mestiere che non è sempre così facile come sembra.

Ora ti svelo 4 miti da sfatare su un’istruttore di kitesurf:

1- Stai tutto il giorno a fare kite

FALSO

In linea generale un istruttore di kite insegna e non pratica.

Come qualsivoglia allenatore si limita ad osservare gli allievi e, in alcuni casi, poter mostrare la corretta esecuzione dell’esercizio. Ma continuiamo a parlare di pochi secondi ed esercizi basici che non possono di certo rimpiazzare una bella sessione.

Ovviamente quanto un istruttore possa praticare dipende anche da molti altri fattori: paese dove si insegna, la scuola, condizioni meteo etc..

Più il vento soffia costantemente e la scuola è locata direttamente sulla spiaggia e più probabilità si hanno di poter fare kite con regolarità.

2- Guardi i tuoi allievi e prendi il sole

FALSO

icuramente esistono degli istruttori di questo tipo, ed in questo caso ve li sconsiglio vivamente. In alcuni paesi, dove si insegna con più allievi per istruttore, ti posso assicurare che non si ha il tempo per prendere il sole.

Come in ogni lavoro si hanno le giornate di lavoro rilassanti e piacevoli, e quelle dove non smetti di correre da una parte all’altra.

E nel caso del kitesurf correre non è di certo un eufemismo.

Fare attenzione a tre o quattro persone che potenzialmente possono avere un problema in simultanea è fonte di grandi responsabilità, stress psicologico e grande dispendio di energie.

Inoltre il kite è uno sport che si pratica anche in condizioni avverse: vento forte e freddo. In questi casi puoi lasciare gli occhiali da sole a casa e devi essere tu il primo a mostrare l’esempio ai tuoi allievi. Sorriso sulle labbra, buon umore e la lezione comincia.

3- Chi ha un buon livello di kite può insegnare

FALSO

Asserire una cosa del genere vuol dire che chiunque potrebbe essere istruttore o insegnante in qualsiasi sport.

L’istruttore di kitesurf, è un lavoro. Saper praticare non vuol dire sapere insegnare. Non tutti gli sportivi sono allenatori.

Ovviamente possono essere facilitati grazie alla conoscenza di una specifica disciplina, ma essere insegnante significa saper far prova di empatia verso i propri allievi e concentrare la propria attenzione su due parametri fondamentali: la sicurezza e la pedagogia.

Chi ha un buon livello in un determinato sport sottovaluta spesso questi due parametri perché li da per scontati, perché ormai assimilati.

Ma la mancanza di attenzione che gli allievi possono avere mentre iniziano ad apprendere il kite, la perdita di ogni tipo di punto di riferimento mentre si concentrano sulla vela, è assai sorprendente e deve essere anticipata prima che degeneri in guai più seri.

Inoltre se non lo si fa per mestiere non si ha il materiale adatto all’insegnamento.

Quindi ti ritroverai con un’ala performante ma non adatta al tuo livello, piuttosto che un trapezio non consigliato per un principiante, o una tavola troppo piccola per poter fare il tuo primo waterstart, etc.

Detto questo, tutto è possibile.

L’importante è semplicemente avere coscienza di ciò che si fa e dei pericoli nei quali si incorre.

4- È un mestiere che si può fare solo da giovani

FALSO

Conosco molti istruttori che continuano a fare questo mestiere anche se non sono più dei giovincelli.

L’età ci rende più giudiziosi e quindi consapevoli dei nostri limiti. L’importante è avere piena consapevolezza delle proprie qualità fisiche e sapere rinunciare o limitare il numero degli allievi se le condizioni lo richiedono o se la seduta diventa troppo complessa da gestire e richiede grandi sforzi fisici.

Articolo redatto da Simone Timpano per Kitesurfing.it

Guarda altre News

Viana do Castelo Incoronata con un Epico Campionato…

Lo scorso fine settimana, Viana do Castelo è diventata l'epicentro dell'emozione e dell'adrenalina con la celebrazione

La Corsa ai Titoli Mondiali di Big Air…

I leader nella corsa ai titoli mondiali di Big Air, il duo olandese composto da Jamie Overbeek e Pippa van Iersel, sono

WINGFOIL: Nia Suardiaz e Mathis Ghio Trionfano al…

Nia Suardiaz, a soli 17 anni, ha lasciato tutti a bocca aperta dominando la competizione femminile dall'inizio alla fine

Il GKA Annuncia un Ambizioso Nuovo Piano per…

Dal 29 agosto al 1 settembre, Dunkerque sarà il teatro di un'iniziativa rivoluzionaria nel mondo del kitesurf, promossa

Jamie Overbeek: La Prima Grande Vittoria di un…

Il kitesurfer olandese Jamie Overbeek ha conquistato la sua prima grande vittoria al GKA Lords of Tram in Francia

Pippa van Iersel: Un Ritorno Vincente nel Mondo…

La kitesurfer olandese Pippa van Iersel ha trionfato nella tappa inaugurale del Qatar Airways GKA Big Air Kite World Cha

VIDEO: Big Air alla Laguna “in una giornata…

Jamie Overbeek è stato attirato da una previsione promettente che è andata completamente storta, ma la laguna ha fatto

Jeremy Burlando Trionfa al Full Power Tarifa 2024

Il Full Power Tarifa 2024, prestigiosa competizione di Big Air organizzata annualmente in Spagna sul rinomato spot di Ba

Cécilia Rastello: Un Talento Emergente nel Circuito Engie…

Cécilia Rastello, partecipante al circuito Engie Kite Tour dalla stagione 2023, è stata recentemente celebrata dalla F

Formula Kite World Championship: Poema Newland Ritrova la…

Dopo un inizio disastroso nella giornata di apertura del Campionato del Mondo Formula Kite a Hyères, Poema Newland

I Migliori Luoghi per il Kitesurf in Colombia

Ciao kiters e wingfoilers! Oggi esploreremo i migliori spot per il kitesurf in Colombia, una terra ricca di bellezze nat

GKA svela un nuovo piano ambizioso per il…

Il GKA sta lanciando una nuova iniziativa importante nel kitesurf, che comprende una gara ProAm e opportunità di test d

Tutto sulla “Ford Kitegirl Day” 2024 a PUPUYA

Incontro femminile di kitesurf: Constanza Ulloa ha vinto la "Ford Kitegirl Day" 2024, che si è svolta per la prima volt

Risultati del FULL POWER Tarifa 2024

Quest'anno, senza cancellazioni, grazie al levante di Tarifa e con un grande spettacolo dei migliori rider del mondo, co

Istruttore di Kitesurf – 4 MITI DA SFATARE

di: Redazione Kitesurfing

“Fai quello che ami e non lavorerai mai un giorno della tua vita”, disse Confucio.

Tu sei d’accordo? Io solo in parte.

Sicuramente lavorare facendo ciò che si ama rende il tutto più gradevole, ma non elimina ansie e preoccupazioni insite in ogni lavoro.

Se si è alla ricerca del lavoro dei sogni, difficilmente lo si può trovare.

Bisogna essere realisti e sapere che in ogni aspetto della vita esistono dei pro e dei contro, che non sono dei valori assoluti bensì relativi. Valori relativi al pensiero e al modo di vita di ciascuno di noi.

Ogni lavoro nasconde in sé delle imperfezioni o anomalie, più o meno visibili.

Quante persone sento parlare del mestiere di istruttore di kitesurf come se fosse fare i soldi essendo in vacanza. “Stai al mare, fai quello che ti piace e guadagni, dura la vita”.

Ovviamente chi pensa questo non sa tutti i sacrifici nascosti dietro questo mestiere che non è sempre così facile come sembra.

Ora ti svelo 4 miti da sfatare su un’istruttore di kitesurf:

1- Stai tutto il giorno a fare kite

FALSO

In linea generale un istruttore di kite insegna e non pratica.

Come qualsivoglia allenatore si limita ad osservare gli allievi e, in alcuni casi, poter mostrare la corretta esecuzione dell’esercizio. Ma continuiamo a parlare di pochi secondi ed esercizi basici che non possono di certo rimpiazzare una bella sessione.

Ovviamente quanto un istruttore possa praticare dipende anche da molti altri fattori: paese dove si insegna, la scuola, condizioni meteo etc..

Più il vento soffia costantemente e la scuola è locata direttamente sulla spiaggia e più probabilità si hanno di poter fare kite con regolarità.

2- Guardi i tuoi allievi e prendi il sole

FALSO

icuramente esistono degli istruttori di questo tipo, ed in questo caso ve li sconsiglio vivamente. In alcuni paesi, dove si insegna con più allievi per istruttore, ti posso assicurare che non si ha il tempo per prendere il sole.

Come in ogni lavoro si hanno le giornate di lavoro rilassanti e piacevoli, e quelle dove non smetti di correre da una parte all’altra.

E nel caso del kitesurf correre non è di certo un eufemismo.

Fare attenzione a tre o quattro persone che potenzialmente possono avere un problema in simultanea è fonte di grandi responsabilità, stress psicologico e grande dispendio di energie.

Inoltre il kite è uno sport che si pratica anche in condizioni avverse: vento forte e freddo. In questi casi puoi lasciare gli occhiali da sole a casa e devi essere tu il primo a mostrare l’esempio ai tuoi allievi. Sorriso sulle labbra, buon umore e la lezione comincia.

3- Chi ha un buon livello di kite può insegnare

FALSO

Asserire una cosa del genere vuol dire che chiunque potrebbe essere istruttore o insegnante in qualsiasi sport.

L’istruttore di kitesurf, è un lavoro. Saper praticare non vuol dire sapere insegnare. Non tutti gli sportivi sono allenatori.

Ovviamente possono essere facilitati grazie alla conoscenza di una specifica disciplina, ma essere insegnante significa saper far prova di empatia verso i propri allievi e concentrare la propria attenzione su due parametri fondamentali: la sicurezza e la pedagogia.

Chi ha un buon livello in un determinato sport sottovaluta spesso questi due parametri perché li da per scontati, perché ormai assimilati.

Ma la mancanza di attenzione che gli allievi possono avere mentre iniziano ad apprendere il kite, la perdita di ogni tipo di punto di riferimento mentre si concentrano sulla vela, è assai sorprendente e deve essere anticipata prima che degeneri in guai più seri.

Inoltre se non lo si fa per mestiere non si ha il materiale adatto all’insegnamento.

Quindi ti ritroverai con un’ala performante ma non adatta al tuo livello, piuttosto che un trapezio non consigliato per un principiante, o una tavola troppo piccola per poter fare il tuo primo waterstart, etc.

Detto questo, tutto è possibile.

L’importante è semplicemente avere coscienza di ciò che si fa e dei pericoli nei quali si incorre.

4- È un mestiere che si può fare solo da giovani

FALSO

Conosco molti istruttori che continuano a fare questo mestiere anche se non sono più dei giovincelli.

L’età ci rende più giudiziosi e quindi consapevoli dei nostri limiti. L’importante è avere piena consapevolezza delle proprie qualità fisiche e sapere rinunciare o limitare il numero degli allievi se le condizioni lo richiedono o se la seduta diventa troppo complessa da gestire e richiede grandi sforzi fisici.

Articolo redatto da Simone Timpano per Kitesurfing.it

Altre News


 Tags: 

Share:

Ti potrebbe interessare anche


Stai cercando un KiteCamp?



E' Successo Oggi