5 Giugno 2016

Share:

Mitu Monteiro, dal wave strapless all’endurance

di: Antonio Gaudini

Imprese

Nuovo record sulla distanza strapless

Il campione capoverdiano della disciplina wave strapless ha concluso la circumnavigazione in solitario dell’arcipelago di Capo Verde: un percorso di 460 miglia attraverso l’oceano Atlantico sfidando la fatica, gli Alisei, gli squali e le rocce vulcaniche lungo la costa.

La grandezza di un campione sportivo si misura anche dalla sua voglia di mettersi sempre in discussione, di non accontentarsi mai, di non rimanere incollato agli allori conquistati in carriera. Può sembrare facile o scontato, ma non lo è. Cambiare, ricominciare, mettersi alla prova cercando nuove sfide dopo che si è raggiunto il tetto del mondo significa scendere, tornare sulla terra, sporcarsi con la sua polvere e vivere l’incognita di riuscire o meno a rivedere le stelle della vittoria. Non è da tutti e ci vuole coraggio.

Mitu Monteiro Strapless

Mitu, un pioniere del wave strapless riding

Ma a Mitu Monteiro (www.mitumonteiro.com), ragazzo capoverdiano abituato a surfare le onde giganti di Ponta Petra sull’isola di Sal, il coraggio di certo non manca. Mitu non è solo un campione mondiale di kitesurf. È un’icona di questo sport, un pioniere che ha letteralmente dato forma a una nuova disciplina, spettacolare e tra le migliori espressioni del kiteboarding: il wave riding strapless, ossia l’arte di surfare le onde trainati da un kite a bordo di una tavola senza strap. Mitu rappresenta il punto di congiunzione esatta tra il kiteboarding e il surf. Vedere tra le onde questo ragazzo dai capelli rasta bruciati dal sole e il sorriso stampato in faccia è una meraviglia, pura gioia e bellezza assoluta.

Mitu Monteiro Endurance

Nuova sfida: da solo in oceano no stop

A 33 anni Mitu, dopo avere vinto tutto il possibile del panorama agonistico mondiale, ha deciso di affrontare una nuova sfida al di fuori del clamore dei circuiti internazionali. Una prova sportiva naturalmente, ma soprattutto umana e di carattere. Lui, capoverdiano fino al midollo, nato a Santa Maria sull’isola di Sal e qui rimasto tutta la sua vita ad abitare e perfezionare la propria tecnica di riding, ha deciso di completare in solitario la circumnavigazione dell’arcipelago di Capo Verde. Un percorso di 460 miglia (851 km) attraverso l’oceano Atlantico toccando le 10 isole di carattere vulcanico che formano questo angolo di paradiso distante oltre 500 chilometri dalle coste del Senegal, Africa. Una prova di resistenza dunque, niente trik e aerial nei tubi questa volta, solo andare per chilometri e chilometri, stringere i denti e fare i conti con la fatica e una schiera di pericoli: squali tigre, rocce, colpi di vento o bonacce, crampi, mal di mare.

Mitu Monteiro Wave riding

Ha battuto il record sulla distanza: 147 miglia

Per affrontare l’impresa, chiamata Cape Verdean Kite Crossing 2016, Mitu Monteiro non ha voluto rinunciare al surfino. “Avevo bisogno di nuove sfide – ha spiegato l’atleta capoverdiano prima di partire – e per me questa circumnavigazione lo è perché l’endurance non è la mia disciplina. Non so se ce la farò”.

Non solo Mitu ce l’ha fatta, ma ha anche fissato il nuovo record sulla lunga distanza per la disciplina strapless: 147 miglia dall’isola di Sal all’isola di Santo Antao (il primato precedente era fermo a 106 miglia). Queste le altre tappe del percorso concluso da Monteiro: Santo Antão-São Vincente (11 miglia), São Vincente-Santa Luzia-São Nicolau (36 miglia), São Nicolau-Boavista (104 miglia), Boavista-Maio (76 miglia), Maio-Santiago (21 miglia), Santiago-Fogo (43 miglia), Fogo-Brava (19 miglia).

Un surfer con l’indole da marinaio

“Sento di aver fatto qualcosa per il mio Paese – ha spiegato Mitu al termine dell’impresa – sono felice e penso che tutti lo siano”. Parole semplici come solo un capoverdiano come lui, anche se un campione, può esprimere. Un ragazzo che è un’icona del kitesurf e che oggi è diventato il primo marinaio a circumnavigare in solitario l’arcipelago di Capo Verde. Ma Mitu oltre all’amore per il mare e l’adrenalina, da isolano qual’è deve avere una sorta di fascino per la navigazione. A chi gli ha chiesto quale sia il suo sogno più grande un giorno ha risposto: costruirmi una barca.

Articolo redatto da:
DAVID INGIOSI
Giornalista e Videoreporter
ufficiostampa@kitesurfing.it

Guarda il video dell’impresa:

http://www.redbull.tv/video/AP-1MV742JTD1W11/cape-verdean-kite-crossing

Guarda altre News

Campionato Italiano di Kitesurf: Conclusione esaltante a Lo…

La giornata di domenica 7 luglio ha segnato la conclusione trionfale della seconda tappa del Campionato Italiano di Big

Campionato italiano di kitesurf FREESTYLE e BIG AIR

Il Campionato Italiano di Kitesurf Freestyle e Big Air: Un Weekend di Emozioni e Acrobazie. L'evento è organizzato dal

HELP Scritto sulla Sabbia Salva un Kitesurfista Bloccato…

Un kitesurfista bloccato su una spiaggia remota della California è stato salvato domenica scorsa dopo aver scritto la p

FREESTYLE e BIGAIR: ecco i BANDI per le…

Di seguito è possibile leggere e scaricare i bandi per le prossime gare per il campionato di Freestyle e Bigair...

TMKiteClub e Xunta de Galicia Rinnovano l’Accordo di…

Il TMKiteClub, co-organizzatore dell'evento insieme al Comune di Redondela, e la Xunta de Galicia hanno confermato quest

SWL Oliva 2024: Ancor Sosa Domina le Onde…

Le spiagge di Oliva hanno vissuto un fine settimana all'insegna dell'adrenalina e dell'emozione con la celebrazione del

Omaggio a JJ: Un Giovane Campione del Kitesurf…

Con profondo dolore, la comunità del kitesurf saluta uno dei suoi talenti più brillanti, Jackson James Rice.

Kitesurf a Puerto Plata: Giovani Talenti Brillano nel…

Il DR Open Kiteboarding 2024 ha illuminato le spiagge di Puerto Plata, Repubblica Dominicana, con un successo strepitoso

VIDEO: Il miglior Maestrale in Neretva + Guida…

Immergetevi nelle meraviglie di Nerevta con l'ultima guida di Ben Beholz!

Kite Fest Guajira 2024: Competizioni, Esibizioni, Fiera Commerciale…

Il Kite Fest Guajira 2024 sta per iniziare e promette di essere una settimana piena di emozioni, novità e divertimento

Mitu Monteiro, dal wave strapless all’endurance

di: Antonio Gaudini

Imprese

Nuovo record sulla distanza strapless

Il campione capoverdiano della disciplina wave strapless ha concluso la circumnavigazione in solitario dell’arcipelago di Capo Verde: un percorso di 460 miglia attraverso l’oceano Atlantico sfidando la fatica, gli Alisei, gli squali e le rocce vulcaniche lungo la costa.

La grandezza di un campione sportivo si misura anche dalla sua voglia di mettersi sempre in discussione, di non accontentarsi mai, di non rimanere incollato agli allori conquistati in carriera. Può sembrare facile o scontato, ma non lo è. Cambiare, ricominciare, mettersi alla prova cercando nuove sfide dopo che si è raggiunto il tetto del mondo significa scendere, tornare sulla terra, sporcarsi con la sua polvere e vivere l’incognita di riuscire o meno a rivedere le stelle della vittoria. Non è da tutti e ci vuole coraggio.

Mitu Monteiro Strapless

Mitu, un pioniere del wave strapless riding

Ma a Mitu Monteiro (www.mitumonteiro.com), ragazzo capoverdiano abituato a surfare le onde giganti di Ponta Petra sull’isola di Sal, il coraggio di certo non manca. Mitu non è solo un campione mondiale di kitesurf. È un’icona di questo sport, un pioniere che ha letteralmente dato forma a una nuova disciplina, spettacolare e tra le migliori espressioni del kiteboarding: il wave riding strapless, ossia l’arte di surfare le onde trainati da un kite a bordo di una tavola senza strap. Mitu rappresenta il punto di congiunzione esatta tra il kiteboarding e il surf. Vedere tra le onde questo ragazzo dai capelli rasta bruciati dal sole e il sorriso stampato in faccia è una meraviglia, pura gioia e bellezza assoluta.

Mitu Monteiro Endurance

Nuova sfida: da solo in oceano no stop

A 33 anni Mitu, dopo avere vinto tutto il possibile del panorama agonistico mondiale, ha deciso di affrontare una nuova sfida al di fuori del clamore dei circuiti internazionali. Una prova sportiva naturalmente, ma soprattutto umana e di carattere. Lui, capoverdiano fino al midollo, nato a Santa Maria sull’isola di Sal e qui rimasto tutta la sua vita ad abitare e perfezionare la propria tecnica di riding, ha deciso di completare in solitario la circumnavigazione dell’arcipelago di Capo Verde. Un percorso di 460 miglia (851 km) attraverso l’oceano Atlantico toccando le 10 isole di carattere vulcanico che formano questo angolo di paradiso distante oltre 500 chilometri dalle coste del Senegal, Africa. Una prova di resistenza dunque, niente trik e aerial nei tubi questa volta, solo andare per chilometri e chilometri, stringere i denti e fare i conti con la fatica e una schiera di pericoli: squali tigre, rocce, colpi di vento o bonacce, crampi, mal di mare.

Mitu Monteiro Wave riding

Ha battuto il record sulla distanza: 147 miglia

Per affrontare l’impresa, chiamata Cape Verdean Kite Crossing 2016, Mitu Monteiro non ha voluto rinunciare al surfino. “Avevo bisogno di nuove sfide – ha spiegato l’atleta capoverdiano prima di partire – e per me questa circumnavigazione lo è perché l’endurance non è la mia disciplina. Non so se ce la farò”.

Non solo Mitu ce l’ha fatta, ma ha anche fissato il nuovo record sulla lunga distanza per la disciplina strapless: 147 miglia dall’isola di Sal all’isola di Santo Antao (il primato precedente era fermo a 106 miglia). Queste le altre tappe del percorso concluso da Monteiro: Santo Antão-São Vincente (11 miglia), São Vincente-Santa Luzia-São Nicolau (36 miglia), São Nicolau-Boavista (104 miglia), Boavista-Maio (76 miglia), Maio-Santiago (21 miglia), Santiago-Fogo (43 miglia), Fogo-Brava (19 miglia).

Un surfer con l’indole da marinaio

“Sento di aver fatto qualcosa per il mio Paese – ha spiegato Mitu al termine dell’impresa – sono felice e penso che tutti lo siano”. Parole semplici come solo un capoverdiano come lui, anche se un campione, può esprimere. Un ragazzo che è un’icona del kitesurf e che oggi è diventato il primo marinaio a circumnavigare in solitario l’arcipelago di Capo Verde. Ma Mitu oltre all’amore per il mare e l’adrenalina, da isolano qual’è deve avere una sorta di fascino per la navigazione. A chi gli ha chiesto quale sia il suo sogno più grande un giorno ha risposto: costruirmi una barca.

Articolo redatto da:
DAVID INGIOSI
Giornalista e Videoreporter
ufficiostampa@kitesurfing.it

Guarda il video dell’impresa:

http://www.redbull.tv/video/AP-1MV742JTD1W11/cape-verdean-kite-crossing

Altre News


Share:

Ti potrebbe interessare anche


Stai cercando un KiteCamp?



E' Successo Oggi