24 Novembre 2008

Share:

Erik Volpe, confidenze di una stagione da ricordare

di: Redazione Kitesurfing

Ne avevamo parlato circa un anno fa, quando iniziava a mietere i primi successi.

Ora Erik Volpe, a 17 anni appena compiuti qualcosa in più di una promessa del kitesurf, è tornato a Corato dopo aver ben figurato nel mondiale KPWT che lo ha portato a girare un bel pezzo di mondo.

Il palmares stagionale di questo campioncino è impressionante: piazzamenti sempre tra i primi sei in tutte le tappe del mondiale; 6° posto nell’Over (la somma dei risultati di tutte le discipline); 4° nel Cross Racing (percorso misto); 5° nel Freestyle; 2° nel Freestyle categoria Junior; 9° nel Wave.

Insomma, una stagione da incorniciare.

«Tirando le somme – ci confida Erik – penso proprio di si, soprattutto perchè, trovarsi in finale in Marocco e conquistare il terzo posto nel Cross Racing, che non è proprio la mia specialità, è stato un modo stupendo di concludere un campionato del mondo».

Degli ottimi risultati quindi per un ragazzo che in pratica si allena da solo.

«Sicuramente si potrebbero ottenere risultati più prestigiosi in minor tempo se alle spalle degli atleti italiani – continua – ci fosse una federazione forte come quella francese o spagnola, che io vedo come modelli assoluti, con degli sponsor all’altezza di pubblicizzare questo splendido sport. Purtroppo in Italia si vive di calcio e le altre discipline vivono, chi più chi meno, nell’ombra».

A proposito di sponsor, una stranezza è come nessuna delle aziende locali si sia offerta di sostenere l’unico rappresentante coratino di questo sport.

Per esempio quest’anno siamo stai in Turchia, Francia, Grecia e Brasile dove abbiamo notato si sta creando un vero turismo d’elite intorno al kitesurf».

Nonostante tutto, la marcia di Erik verso i suoi obiettivi procede spedita e le idee per il prossimo futuro sono ben delineate.

«Ora che sono tornato è bene che mi concentri sulla scuola, naturalmente senza tralasciare gli allenamenti dato che per il prossimo mondiale punto al podio».

Considerato il talento già ampiamente dimostrato, la passione e l’umiltà con cui ci ha parlato , siamo sicuri che l’anno prossimo potrebbe essere quello della consacrazione.

Guarda altre News

Viana do Castelo Incoronata con un Epico Campionato…

Lo scorso fine settimana, Viana do Castelo è diventata l'epicentro dell'emozione e dell'adrenalina con la celebrazione

La Corsa ai Titoli Mondiali di Big Air…

I leader nella corsa ai titoli mondiali di Big Air, il duo olandese composto da Jamie Overbeek e Pippa van Iersel, sono

WINGFOIL: Nia Suardiaz e Mathis Ghio Trionfano al…

Nia Suardiaz, a soli 17 anni, ha lasciato tutti a bocca aperta dominando la competizione femminile dall'inizio alla fine

Il GKA Annuncia un Ambizioso Nuovo Piano per…

Dal 29 agosto al 1 settembre, Dunkerque sarà il teatro di un'iniziativa rivoluzionaria nel mondo del kitesurf, promossa

Jamie Overbeek: La Prima Grande Vittoria di un…

Il kitesurfer olandese Jamie Overbeek ha conquistato la sua prima grande vittoria al GKA Lords of Tram in Francia

Pippa van Iersel: Un Ritorno Vincente nel Mondo…

La kitesurfer olandese Pippa van Iersel ha trionfato nella tappa inaugurale del Qatar Airways GKA Big Air Kite World Cha

VIDEO: Big Air alla Laguna “in una giornata…

Jamie Overbeek è stato attirato da una previsione promettente che è andata completamente storta, ma la laguna ha fatto

Jeremy Burlando Trionfa al Full Power Tarifa 2024

Il Full Power Tarifa 2024, prestigiosa competizione di Big Air organizzata annualmente in Spagna sul rinomato spot di Ba

Cécilia Rastello: Un Talento Emergente nel Circuito Engie…

Cécilia Rastello, partecipante al circuito Engie Kite Tour dalla stagione 2023, è stata recentemente celebrata dalla F

Formula Kite World Championship: Poema Newland Ritrova la…

Dopo un inizio disastroso nella giornata di apertura del Campionato del Mondo Formula Kite a Hyères, Poema Newland

Erik Volpe, confidenze di una stagione da ricordare

di: Redazione Kitesurfing

Ne avevamo parlato circa un anno fa, quando iniziava a mietere i primi successi.

Ora Erik Volpe, a 17 anni appena compiuti qualcosa in più di una promessa del kitesurf, è tornato a Corato dopo aver ben figurato nel mondiale KPWT che lo ha portato a girare un bel pezzo di mondo.

Il palmares stagionale di questo campioncino è impressionante: piazzamenti sempre tra i primi sei in tutte le tappe del mondiale; 6° posto nell’Over (la somma dei risultati di tutte le discipline); 4° nel Cross Racing (percorso misto); 5° nel Freestyle; 2° nel Freestyle categoria Junior; 9° nel Wave.

Insomma, una stagione da incorniciare.

«Tirando le somme – ci confida Erik – penso proprio di si, soprattutto perchè, trovarsi in finale in Marocco e conquistare il terzo posto nel Cross Racing, che non è proprio la mia specialità, è stato un modo stupendo di concludere un campionato del mondo».

Degli ottimi risultati quindi per un ragazzo che in pratica si allena da solo.

«Sicuramente si potrebbero ottenere risultati più prestigiosi in minor tempo se alle spalle degli atleti italiani – continua – ci fosse una federazione forte come quella francese o spagnola, che io vedo come modelli assoluti, con degli sponsor all’altezza di pubblicizzare questo splendido sport. Purtroppo in Italia si vive di calcio e le altre discipline vivono, chi più chi meno, nell’ombra».

A proposito di sponsor, una stranezza è come nessuna delle aziende locali si sia offerta di sostenere l’unico rappresentante coratino di questo sport.

Per esempio quest’anno siamo stai in Turchia, Francia, Grecia e Brasile dove abbiamo notato si sta creando un vero turismo d’elite intorno al kitesurf».

Nonostante tutto, la marcia di Erik verso i suoi obiettivi procede spedita e le idee per il prossimo futuro sono ben delineate.

«Ora che sono tornato è bene che mi concentri sulla scuola, naturalmente senza tralasciare gli allenamenti dato che per il prossimo mondiale punto al podio».

Considerato il talento già ampiamente dimostrato, la passione e l’umiltà con cui ci ha parlato , siamo sicuri che l’anno prossimo potrebbe essere quello della consacrazione.

Altre News


 Tags: 

Share:

Ti potrebbe interessare anche


Stai cercando un KiteCamp?



E' Successo Oggi