3 Dicembre 2008

Share:

Incidente a Ladispoli, 8 mesi lontano dal mare

di: Redazione Kitesurfing

L’incidente del 1 dicembre sulle spiaggie di Roma Nord a Ladispoli si è concluso con un lieto fine…

Nonostante alcune fratture, non sono stati riscontrati ne danni celebrali ne danni alla spina dorsale…

Questo è quello che ci racconta un amico del malcapitato Gianluca…

Ragazzi,
vi racconto… si chiama Gianluca (“Gianlu” x gli amici). Facciamo kite insieme da oltre 8 anni. Lo considero esperto.
Ero con lui e sono stato il primo a soccorrerlo.
La scena è la seguente: Marina di San Nicola, spiaggione; arriviamo alle 13.30 per un’ora di divertimento a cavallo del pranzo. Il vento è sostenuto (intorno ai 20-25 nodi) da mare; mare grosso e tempo nuvoloso; nessuno in spiaggia; in lontananza verso sud in mezzo al mare 2 kite; lui decide di montare la 9 (north rhino con 5° cavo e tutti i sistemi di sicurezza funzionanti); io invece non me la sento di montare il kite (avevo una 9 anche io) e decido di farmi una sessione con il windsurf; ho pensato che ci saremmo comunque divertiti e tenuti sotto controllo. Monto la mia vela, metto la muta ed esco per primo; vento forte, non particolarmente rafficato e condizioni (ho pensato) “fattibili” seppur toste. Torno in spiaggia; Gianlu mi chiede di lanciargli l’ala; in effetti in quel momento il vento gira leggermente da sud e aumenta; comunque mi dice di lanciarla; una volta in aria, mi conferma che la tiene. Fin qui tutto ok. Si fa un primo bordo di bolina (con le onde e corrente che lo spingono un pò sotto riva); mi assicuro che la tiene e decido di raggiungerlo con il Windsurf. Faccio il primo bordo; mi rendo conto che il vento è aumentato; guardo Gianlu che, sottovento a me, sempre di bolina, tenta di superare il primo shore break e ancora tutto ok. Veramente in un secondo accade tutto: al mio secondo bordo, mi vedo Gianlu in aria. In un primo momento ho pensato ad un salto alto ma gestibile. Purtroppo invece di atterrare continua a salire. Perde il controllo dell’ala e lui comincia a ruotare. Atterra sul bagnasciuga e viene trascinato verso terra. Mollo il windsurf, raggiungo a nuoto la spiaggia. Lo trovo incosciente sulla spiaggia, faccia sanguinante e kite ancora in tensione con il rischio che riprendesse il volo. Veramente una scena che non auguro a nessuno. Mi ricordo un silenzio incredibile. Lo sgancio immediatamente dal depower e dal leash; l’ala subito dopo riprende il volo e cade oltre un recinto con filo spinato. Gli grido e si riprende ma completamente stordito. Gli dico di non muoversi. Lo lascio e corro a chiamare il 118 chiedendo un elicottero. In 10 minuti arriva l’ambulanza, lo portano a Ladispoli prima e poi al Gemelli in elicottero.
Gli riscontrano Tac negativa, nessun danno alla spina dorsale e testa. Una spalla lussata ed il femore rotto in 3 parti. Niente altro. L’ho visto oggi, è bloccato a letto con un chiodo nel ginocchio, la faccia tumefatta, ma i medici dicono che stà bene! si deve operare alla gamba. Lo aspettano 8 mesi per recuperare la forma ed un gran calvario… uff… lo considero miracolato perchè poteva andare molto ma molto peggio…
Voglio ringraziare veramente di cuore tutti i medici del Poliambulatorio di Ladispoli che sono arrivati velocissimi, con una organizzazione logistica perfetta.
Ringrazio i medici del pronto soccorso del Gemelli che sono stati veramente forti nel prendersi subito cura di Gialu in modo perfetto.
Ringrazio 2 ragazze (di cui non conosco il nome, accorse in spiaggia, che mi hanno aiutato a recuperare tutto una volta che Gianlu era partito con l’ambulanza) e 2 signore che passeggiavano con i propri cani in quel momento in quel punto ed hanno prestato aiuto immediato.
In conclusione, con queste condizioni così instabili, il nostro sport diventa veramente pericoloso anche per i più esperti. Anche i sistemi di sicurezza, per quanto evoluti, non servono (Gianlu poi mi poi ha chiesto se era riuscito a sganciarsi dal leash… non c’era riuscito perchè l’ho sganciato io dopo). Il nostro sport è bellissimo… ma per divertirci, dobbiamo avere coscienza dei nostri limiti, oltre i quali non è proprio possibile andare!
Saluti a tutti… Forza Gianlu!

PS: un grande abbraccio anche al ragazzo di Palidoro che avuto l’incidente la settimana scorsa…

Guarda altre News

Full Power 2024: Il Grande Evento del Kitesurf…

L'emozione è nell'aria mentre ci prepariamo per il Full Power 2024, il prossimo grande evento del kitesurf che si terr

Big Air: giovani leve sempre più giovani

Il Lords of Tram GKA Big Air Kite World Cup è pronto a iniziare con il line-up più giovane di sempre, riflesso dell'es

Tom Court: Un’Epica Avventura di Kitesurf Britannica

In questa avvincente video, immergetevi nell'entusiasmante mondo del kitesurf con Tom Court in "Hike and Kite' Back Coun

Oswald Smith: Il Nuovo Prodigio del Kitesurf con…

È ufficiale! North Kiteboarding presenta l'ultimo arrivo nella sua squadra internazionale: Oswald Smith, meglio conosci

Brasile: Intensa Passione per il Foil Trip

Quando si parla del Brasile, la parola "passione" assume tutto il suo significato. Ed è proprio questa passione che ha

British Kitesurfing Association dice la sua sulle olimpiadi

La British Kitesurfing Association (BKSA) ha lavorato a stretto contatto con la Royal Yachting Association (RYA), gli or

La Kite Park League e la sua Missione

Il 2024 si apre con uno spettacolo mozzafiato nel mondo del kitesurf, grazie alla Kite Park League (KPL) che ha dato il

Trionfale Ritorno di Liam Whaley sulle Onde

Dopo una lunga assenza dovuta a un infortunio, Liam Whaley è finalmente tornato al kitesurf, regalando ai suoi fan un m

Nolot & Maeder trionfano agli Europei in crescendo…

Dopo una settimana di intense competizioni, Max Maeder e Lauriane Nolot hanno rispettivamente conquistato i titoli europ

Aperte le iscrizioni per la KPL in Sicilia

Lo sguardo è ora rivolto alla seconda tappa del tour, porterà la Kite Park League nelle acque salate de Lo Stagnone, i

Incidente a Ladispoli, 8 mesi lontano dal mare

di: Redazione Kitesurfing

L’incidente del 1 dicembre sulle spiaggie di Roma Nord a Ladispoli si è concluso con un lieto fine…

Nonostante alcune fratture, non sono stati riscontrati ne danni celebrali ne danni alla spina dorsale…

Questo è quello che ci racconta un amico del malcapitato Gianluca…

Ragazzi,
vi racconto… si chiama Gianluca (“Gianlu” x gli amici). Facciamo kite insieme da oltre 8 anni. Lo considero esperto.
Ero con lui e sono stato il primo a soccorrerlo.
La scena è la seguente: Marina di San Nicola, spiaggione; arriviamo alle 13.30 per un’ora di divertimento a cavallo del pranzo. Il vento è sostenuto (intorno ai 20-25 nodi) da mare; mare grosso e tempo nuvoloso; nessuno in spiaggia; in lontananza verso sud in mezzo al mare 2 kite; lui decide di montare la 9 (north rhino con 5° cavo e tutti i sistemi di sicurezza funzionanti); io invece non me la sento di montare il kite (avevo una 9 anche io) e decido di farmi una sessione con il windsurf; ho pensato che ci saremmo comunque divertiti e tenuti sotto controllo. Monto la mia vela, metto la muta ed esco per primo; vento forte, non particolarmente rafficato e condizioni (ho pensato) “fattibili” seppur toste. Torno in spiaggia; Gianlu mi chiede di lanciargli l’ala; in effetti in quel momento il vento gira leggermente da sud e aumenta; comunque mi dice di lanciarla; una volta in aria, mi conferma che la tiene. Fin qui tutto ok. Si fa un primo bordo di bolina (con le onde e corrente che lo spingono un pò sotto riva); mi assicuro che la tiene e decido di raggiungerlo con il Windsurf. Faccio il primo bordo; mi rendo conto che il vento è aumentato; guardo Gianlu che, sottovento a me, sempre di bolina, tenta di superare il primo shore break e ancora tutto ok. Veramente in un secondo accade tutto: al mio secondo bordo, mi vedo Gianlu in aria. In un primo momento ho pensato ad un salto alto ma gestibile. Purtroppo invece di atterrare continua a salire. Perde il controllo dell’ala e lui comincia a ruotare. Atterra sul bagnasciuga e viene trascinato verso terra. Mollo il windsurf, raggiungo a nuoto la spiaggia. Lo trovo incosciente sulla spiaggia, faccia sanguinante e kite ancora in tensione con il rischio che riprendesse il volo. Veramente una scena che non auguro a nessuno. Mi ricordo un silenzio incredibile. Lo sgancio immediatamente dal depower e dal leash; l’ala subito dopo riprende il volo e cade oltre un recinto con filo spinato. Gli grido e si riprende ma completamente stordito. Gli dico di non muoversi. Lo lascio e corro a chiamare il 118 chiedendo un elicottero. In 10 minuti arriva l’ambulanza, lo portano a Ladispoli prima e poi al Gemelli in elicottero.
Gli riscontrano Tac negativa, nessun danno alla spina dorsale e testa. Una spalla lussata ed il femore rotto in 3 parti. Niente altro. L’ho visto oggi, è bloccato a letto con un chiodo nel ginocchio, la faccia tumefatta, ma i medici dicono che stà bene! si deve operare alla gamba. Lo aspettano 8 mesi per recuperare la forma ed un gran calvario… uff… lo considero miracolato perchè poteva andare molto ma molto peggio…
Voglio ringraziare veramente di cuore tutti i medici del Poliambulatorio di Ladispoli che sono arrivati velocissimi, con una organizzazione logistica perfetta.
Ringrazio i medici del pronto soccorso del Gemelli che sono stati veramente forti nel prendersi subito cura di Gialu in modo perfetto.
Ringrazio 2 ragazze (di cui non conosco il nome, accorse in spiaggia, che mi hanno aiutato a recuperare tutto una volta che Gianlu era partito con l’ambulanza) e 2 signore che passeggiavano con i propri cani in quel momento in quel punto ed hanno prestato aiuto immediato.
In conclusione, con queste condizioni così instabili, il nostro sport diventa veramente pericoloso anche per i più esperti. Anche i sistemi di sicurezza, per quanto evoluti, non servono (Gianlu poi mi poi ha chiesto se era riuscito a sganciarsi dal leash… non c’era riuscito perchè l’ho sganciato io dopo). Il nostro sport è bellissimo… ma per divertirci, dobbiamo avere coscienza dei nostri limiti, oltre i quali non è proprio possibile andare!
Saluti a tutti… Forza Gianlu!

PS: un grande abbraccio anche al ragazzo di Palidoro che avuto l’incidente la settimana scorsa…

Altre News


 Tags: 

Share:

Ti potrebbe interessare anche


Stai cercando un KiteCamp?



E' Successo Oggi