10 Ottobre 2009

Share:

Flysurfer Speed 3 19 De Luxe Edition il test!

di: Redazione Kitesurfing

Testo scritto ed effettuato da Carlo Stefanini

Ciao a tutti. E così dopo oltre due anni il Flysurfer Speed 2 è stato sostituito dal nuovo modello, lo Speed 3. Sono ormai mesi che nei vari forums si parla di questo prodotto e la ragione di tale interesse è semplice: lo Speed 2, in particolare il 19 nelle versioni Silberpfeil e De Luxe Edition ha realmente ridefinito i limiti della pratica del kiteboarding nel vento leggero portandoli a livelli ritenuti prima impensabili. L’enorme successo di queste ali ha fatto sì che la casa tedesca, senza bruciare le tappe, abbia impostato un serio programma di upgrade teso al miglioramento di alcune caratteristiche quali la reattività e la capacità di reggere maggiormente la soprainvelatura. In tale ambito l?ala freestyle della Flysurfer, lo Psycho 4 ha anticipato alcune caratteristiche che oggi ritroviamo nello Speed 3. Il timore dei praticanti sparsi in tutto il mondo, me compreso, era: come è possibile migliorare le capacità nei limiti superiori senza peggiorare in modo significativo il low end. In effetti se ci pensate bene si tratta di due qualità inversamente proporzionali, ci sono ali che detto in termini grossolani sventano moltissimo ma che nei limiti inferiori lavorano male e viceversa. Vedremo nel test se rispetto allo Speed 2 19 il low end è peggiorato. Ma esaminiamo meglio l?ala. Innanzi tutto partiamo dalla borsa. Il colore è nero con le scritte color bronzo. La versione De Luxe non vuole passare inosservata neanche con l?ala a riposo. La barra condivisa con la brand pump Core è la Infinity. Al momento l?untwist delle linee risulta quanto di più efficace sperimentato in un decennio. Dopo una rotazione basta tirare a sé il boma e?voilà, il gioco è fatto. Anche l?accessibilità del chicken loop per chi come me non possiede braccia lunghissime è piuttosto agevole. Lo Speed 3 a differenza del fratellino freestyle Psycho 4 ha la quinta linea cieca. Tirando lo sgancio la barra scorre lungo una terza front line, non connessa alla canopy, depotenziando totalmente l?ala. Nello Psycho 4 invece questa linea raggiunge l?ala al centro. Assolutamente obbligatorio montare sul 19 le estensioni da sei metri che in aggiunta ai ventuno metri di linee ordinarie portano il totale a ventisette. In condizioni ULW (ultra light wind) queste estensioni fanno realmente la differenza senza penalizzare in misura significativa la manovrabilità. Passiamo ad esaminare l?ala. In una sola parola splendida. La brand tedesca ha conferito alla De Luxe Edition una accattivante colorazione fatta di bronzo, nero e bianco con il bellissimo logo Flysurfer bene in evidenza. E un ala vanitosa? e non fa nulla per nasconderlo. Personalmente ritengo sia la più bella in circolazione. L Aspect Ratio, rispetto allo Speed 2 è più elevato e di conseguenza l allungamento maggiore. La chiusura sul bordo superiore per la fuoriuscita dell aria è ora stata sostituita da due bocchette di velcro poste simmetricamente al centro sul bordo di uscita. Quindi non esiste più il pericolo che la sabbia molto fine e l?ossido rovini la chiusura od il cursore come nello Speed 2. Le briglie sono più corte e con linee di diametro maggiore anche per evitare fenomeni di twist. In effetti la preparazione dell’ala per il lancio è molto più rapida che nello Speed 2 19. Ricordo che la versione DLX si caratterizza per un tessuto leggerissimo, il meglio che offre il mercato, questo accresce notevolmente le capacità di sopravvivenza nel vento debole. In effetti ad occhio e croce il 19 DLX pesa come un pump 12, non solo, occupa lo stesso spazio quando è piegato! Prima di passare al test preciso che lo Speed 3 è un cassoni a celle chiuse capace di ripartire (normalmente od in reverse) dall?acqua anche con poca aria. L?importante è studiare attentamente il manuale di uso e manutenzione. Condizioni dei vari test:

-ala dotata delle prolunghe da sei metri
-Tavole: Flyboards Flydoor L 2009 (164X46,5), SS Glide 2009 (149X46,5) , Flyradical L (139X43), Surfboard Jimmy Lewis 6,2
– peso rider, 70 Kg.;
– vento, 5/15 nodi side, side on, costante, rafficato;
– mure, starboard, portack;
– mare, calmo, chop medio sotto costa molto alto al largo, onda 1 Mt..

Guarda altre News

Selezione Istruttori stagione 2024

Cercasi Istrutttori di Kitesurf VUOI ENTRARE A FAR PARTE DELLO STAFF KITESURFING.IT? L’Associazione Kitesurf Itali

REWaterSport: Economia circolare per l’ecosostenibilità

ReWaterSport è pronta a introdurvi in un mondo all'insegna dello sport e soprattutto dell'ecosostenibilità all'inter

Un augurio di natale dal team HARLEM KITESURFING

Con l'avvicinarsi delle festività natalizie, vogliamo prenderci un momento per esprimere la nostra più sentita gratitu

Quest’anno a Natale REGALA IL KITESURF

Esplora il Regalo Perfetto Quest'Anno: Corsi di Kitesurfing per un Natale Indimenticabile!

Become a Certified IKO Instructor at the Kite…

We are delighted to announce the opening of new courses IN ENGLISH LANGUAGE to become certified IKO instructors at the K

Diventa un istruttore IKO!

Il Centro Kite Lo Stagnone è lieto di annunciare l’apertura dei corsi per diventare un Istruttore Certificato IKO (In

F-ONE: All We Do

Finalmente è uscito "All We Do"! Immergetevi subito nel mondo di F-ONE e scopri la sua storia!

Arriva la stagione dello Snowkite!

Lo sport, che unisce la libertà del kite surf con la maestosità dell'inverno, sta guadagnando sempre più appassionati

WOO: Modelli di LED da conoscere

L'aggiornamento del firmware di questo mese a WOO 4.0 include alcuni nuovi schemi di lampeggiamento dei LED.

Sconti nello shop Airware

Approfitta dei grandi sconti sulla barra per kite ALMA e Airwave, fino alla fine di gennaio!

Flysurfer Speed 3 19 De Luxe Edition il test!

di: Redazione Kitesurfing

Testo scritto ed effettuato da Carlo Stefanini

Ciao a tutti. E così dopo oltre due anni il Flysurfer Speed 2 è stato sostituito dal nuovo modello, lo Speed 3. Sono ormai mesi che nei vari forums si parla di questo prodotto e la ragione di tale interesse è semplice: lo Speed 2, in particolare il 19 nelle versioni Silberpfeil e De Luxe Edition ha realmente ridefinito i limiti della pratica del kiteboarding nel vento leggero portandoli a livelli ritenuti prima impensabili. L’enorme successo di queste ali ha fatto sì che la casa tedesca, senza bruciare le tappe, abbia impostato un serio programma di upgrade teso al miglioramento di alcune caratteristiche quali la reattività e la capacità di reggere maggiormente la soprainvelatura. In tale ambito l?ala freestyle della Flysurfer, lo Psycho 4 ha anticipato alcune caratteristiche che oggi ritroviamo nello Speed 3. Il timore dei praticanti sparsi in tutto il mondo, me compreso, era: come è possibile migliorare le capacità nei limiti superiori senza peggiorare in modo significativo il low end. In effetti se ci pensate bene si tratta di due qualità inversamente proporzionali, ci sono ali che detto in termini grossolani sventano moltissimo ma che nei limiti inferiori lavorano male e viceversa. Vedremo nel test se rispetto allo Speed 2 19 il low end è peggiorato. Ma esaminiamo meglio l?ala. Innanzi tutto partiamo dalla borsa. Il colore è nero con le scritte color bronzo. La versione De Luxe non vuole passare inosservata neanche con l?ala a riposo. La barra condivisa con la brand pump Core è la Infinity. Al momento l?untwist delle linee risulta quanto di più efficace sperimentato in un decennio. Dopo una rotazione basta tirare a sé il boma e?voilà, il gioco è fatto. Anche l?accessibilità del chicken loop per chi come me non possiede braccia lunghissime è piuttosto agevole. Lo Speed 3 a differenza del fratellino freestyle Psycho 4 ha la quinta linea cieca. Tirando lo sgancio la barra scorre lungo una terza front line, non connessa alla canopy, depotenziando totalmente l?ala. Nello Psycho 4 invece questa linea raggiunge l?ala al centro. Assolutamente obbligatorio montare sul 19 le estensioni da sei metri che in aggiunta ai ventuno metri di linee ordinarie portano il totale a ventisette. In condizioni ULW (ultra light wind) queste estensioni fanno realmente la differenza senza penalizzare in misura significativa la manovrabilità. Passiamo ad esaminare l?ala. In una sola parola splendida. La brand tedesca ha conferito alla De Luxe Edition una accattivante colorazione fatta di bronzo, nero e bianco con il bellissimo logo Flysurfer bene in evidenza. E un ala vanitosa? e non fa nulla per nasconderlo. Personalmente ritengo sia la più bella in circolazione. L Aspect Ratio, rispetto allo Speed 2 è più elevato e di conseguenza l allungamento maggiore. La chiusura sul bordo superiore per la fuoriuscita dell aria è ora stata sostituita da due bocchette di velcro poste simmetricamente al centro sul bordo di uscita. Quindi non esiste più il pericolo che la sabbia molto fine e l?ossido rovini la chiusura od il cursore come nello Speed 2. Le briglie sono più corte e con linee di diametro maggiore anche per evitare fenomeni di twist. In effetti la preparazione dell’ala per il lancio è molto più rapida che nello Speed 2 19. Ricordo che la versione DLX si caratterizza per un tessuto leggerissimo, il meglio che offre il mercato, questo accresce notevolmente le capacità di sopravvivenza nel vento debole. In effetti ad occhio e croce il 19 DLX pesa come un pump 12, non solo, occupa lo stesso spazio quando è piegato! Prima di passare al test preciso che lo Speed 3 è un cassoni a celle chiuse capace di ripartire (normalmente od in reverse) dall?acqua anche con poca aria. L?importante è studiare attentamente il manuale di uso e manutenzione. Condizioni dei vari test:

-ala dotata delle prolunghe da sei metri
-Tavole: Flyboards Flydoor L 2009 (164X46,5), SS Glide 2009 (149X46,5) , Flyradical L (139X43), Surfboard Jimmy Lewis 6,2
– peso rider, 70 Kg.;
– vento, 5/15 nodi side, side on, costante, rafficato;
– mure, starboard, portack;
– mare, calmo, chop medio sotto costa molto alto al largo, onda 1 Mt..

Altre News


 Tags: 

Share:

Ti potrebbe interessare anche


Stai cercando un KiteCamp?



E' Successo Oggi