15 Maggio 2009

Share:

Un Kitesurf in difficolta ad Imperia

di: Redazione Kitesurfing

Imperia: kitesurfer in difficoltà, pronta la motovedetta 806

Intervento nel primo pomeriggio nello specchio acqueo di Imperia nella zona dei bagni ‘Sogni d’estate’. Era partito l’allarme per un giovane che stava effettuando kitesurf irregolarmente visto che l’area è sprovvista dei ‘corridoi di lancio’ senza i quali non si può praticare la nota disciplina sportiva.

La Capitaneria di Porto di Imperia è prontamente uscita in mare con la motovedetta 806 per salvare il giovane in difficoltà. Fortunatamente la situazione era meno grave del previsto così che il personale della Capitaneria non ha dovuto soccorrere il giovane riuscito a tornare a nuoto a riva.

A tal proposito il personale che vigila sulla salvaguardia dei bagnanti del litorale imperiese rammenta l’ordinanza numero 22 del 2009 che disciplina la sicurezza balneare.

Questo è un articolo tratto da un sito locale http://www.sanremonews.it/it/internal.php?news_code=88517

La cosa che mi fa più incavolare e leggere nelle prime due righe che in una zona di mare importante come Imperia non ci sia un canale di uscita dedicato al kitesurf, e che noi siamo IRREGOLARI, senza i relativi permessi consentiti dalla legge.

Cosa gli costa al Comune trovare un piccolo angolo di spiaggia per creare un regolare canale di uscita???…

Inoltre il comune e la capitanerai di porto invece di pubblicizzare la loro super motovedetta di chissa quanti soldi, potrebbero far più bella figura creando dei punti balneari dedicati alle attività sportive, forse le istituzioni non si rendono conto che siamo diventati veramente tanti e che è ora che si diano una svegliata!!!

Naturalmente sono dell’idea che il canale di uscita deve essere super regolamentato e che chiunque sbaglia o non segue il regolamento deve essere punito con sanzioni elevatissime.

Voi che ne pensate???

Guarda altre News

Selezione Istruttori stagione 2024

Cercasi Istrutttori di Kitesurf VUOI ENTRARE A FAR PARTE DELLO STAFF KITESURFING.IT? L’Associazione Kitesurf Itali

REWaterSport: Economia circolare per l’ecosostenibilità

ReWaterSport è pronta a introdurvi in un mondo all'insegna dello sport e soprattutto dell'ecosostenibilità all'inter

Un augurio di natale dal team HARLEM KITESURFING

Con l'avvicinarsi delle festività natalizie, vogliamo prenderci un momento per esprimere la nostra più sentita gratitu

Quest’anno a Natale REGALA IL KITESURF

Esplora il Regalo Perfetto Quest'Anno: Corsi di Kitesurfing per un Natale Indimenticabile!

Become a Certified IKO Instructor at the Kite…

We are delighted to announce the opening of new courses IN ENGLISH LANGUAGE to become certified IKO instructors at the K

Diventa un istruttore IKO!

Il Centro Kite Lo Stagnone è lieto di annunciare l’apertura dei corsi per diventare un Istruttore Certificato IKO (In

F-ONE: All We Do

Finalmente è uscito "All We Do"! Immergetevi subito nel mondo di F-ONE e scopri la sua storia!

Arriva la stagione dello Snowkite!

Lo sport, che unisce la libertà del kite surf con la maestosità dell'inverno, sta guadagnando sempre più appassionati

WOO: Modelli di LED da conoscere

L'aggiornamento del firmware di questo mese a WOO 4.0 include alcuni nuovi schemi di lampeggiamento dei LED.

Sconti nello shop Airware

Approfitta dei grandi sconti sulla barra per kite ALMA e Airwave, fino alla fine di gennaio!

Un Kitesurf in difficolta ad Imperia

di: Redazione Kitesurfing

Imperia: kitesurfer in difficoltà, pronta la motovedetta 806

Intervento nel primo pomeriggio nello specchio acqueo di Imperia nella zona dei bagni ‘Sogni d’estate’. Era partito l’allarme per un giovane che stava effettuando kitesurf irregolarmente visto che l’area è sprovvista dei ‘corridoi di lancio’ senza i quali non si può praticare la nota disciplina sportiva.

La Capitaneria di Porto di Imperia è prontamente uscita in mare con la motovedetta 806 per salvare il giovane in difficoltà. Fortunatamente la situazione era meno grave del previsto così che il personale della Capitaneria non ha dovuto soccorrere il giovane riuscito a tornare a nuoto a riva.

A tal proposito il personale che vigila sulla salvaguardia dei bagnanti del litorale imperiese rammenta l’ordinanza numero 22 del 2009 che disciplina la sicurezza balneare.

Questo è un articolo tratto da un sito locale http://www.sanremonews.it/it/internal.php?news_code=88517

La cosa che mi fa più incavolare e leggere nelle prime due righe che in una zona di mare importante come Imperia non ci sia un canale di uscita dedicato al kitesurf, e che noi siamo IRREGOLARI, senza i relativi permessi consentiti dalla legge.

Cosa gli costa al Comune trovare un piccolo angolo di spiaggia per creare un regolare canale di uscita???…

Inoltre il comune e la capitanerai di porto invece di pubblicizzare la loro super motovedetta di chissa quanti soldi, potrebbero far più bella figura creando dei punti balneari dedicati alle attività sportive, forse le istituzioni non si rendono conto che siamo diventati veramente tanti e che è ora che si diano una svegliata!!!

Naturalmente sono dell’idea che il canale di uscita deve essere super regolamentato e che chiunque sbaglia o non segue il regolamento deve essere punito con sanzioni elevatissime.

Voi che ne pensate???

Altre News


Share:

Stai cercando un KiteCamp?



E' Successo Oggi