6 Luglio 2009

Share:

Tromba D’aria a Taranto nuovi incidenti con il Kitesurf

di: Redazione Kitesurfing

Ecco il breve racconto di un utente del sito kiteforumpuglia.it

Testo di “kitegorico”



Salve a tutti ragazzi. E’ un pò che non ci si sente.
Il fatto è che da un pò di tempo ho preso una barchetta a vela che per adesso (vista la cippa perdurante) stà assorbendo tutte le mie attenzioni.

Oggi dopo un breve trasferimento a vela, ho dato ancora all’Isola di S.Pietro ed ho trascorso una bella giornata col sole (si fà per dire ogni giorno sulla terra ferma ci son sempre nuvole minacciose dalle 13,00 in poi…..). Verso le 14,30 ho visto tra le solite, minacciose nubi all’orizzonte un fronte che sembrava un pò + minaccioso degli altri. Tra le proteste di mia moglie ho fatto valere il grado di comandante ed ho preso la decisione di mettere tutto in ordine e rientare.
La faccio breve: sono entrato all’imboccatura del porto con una ventina di nodi di libeccio (poco meno che al traverso); il tempo di arrivare al mio posto barca ed avevo 35-40 nodi di maestrale (in poppa). Raga vi dico che è stata durissima. Il mio equipaggio non riusciva a prendere nè le cime di poppa ne il corpo morto.
Ad un certo punto ho dovuto avvicinarmi con la poppa alla banchina, lasciare mia moglie a manovrare (avanti e dietro) col motore, scendere a terra prendere corpo morto e cime di poppa, rigettarmi a mare (nel frattempo la barca si era allontanata e mia moglie si stava imbranando) e finalmente, risalito a bordo son riuscito ad ormeggiare poppa e prua …. Una volta fermo ho guardato verso la città ed ho visto la tromba d’aria.
Forse, ripensandoci col senno di poi non avrei dovuto lasciare la barca ma alla fine, per come è andata, anche se la manovra è stata poco ortodossa almeno è stata efficace.
Comunque in porto è successo il macello… Il ferro da stiro che mi stà a fianco, rientrando subito dopo di mè, mi ha dato una bella botta sulla murata (domani andrò a vedere meglio quello che è successo), poco dopo altri due ferri rientrando nella mia stessa banchina si sono traversati ed hanno urtato malamente altre barche ormeggiate, non sò onestamente cosa sia successo nelle altre banchine.
Il ventone sarà durato una quarantina di minuti, poi si è messo a diluviare ed è calato tutto.
Chissà se qualcuno è riuscito ad uscire in KITE a Viale del Tramonto (e se l’ha fatto chissà se è riuscito a non finire sugli alberi)


Dopo l’accaduto siamo stati raggiunti da una triste notizia, purtroppo durante la tromba d’aria vi erano dei kite in acqua, per lo più principianti, che non sono riusciti a sganciarsi, forse per la poca praticità e molti di loro (forse 4) si trovano adesso ricoverati all’ospedale chi per clavicola rotta chi per tendini lesionati, ma al momento non abbiamo info certe.

Per il momento nessuno è gravissimo.


Inutile dire che una stagione del genere non si è mai sentita, attendiamo con anzia maggiori e dettagliate info sull’accaduto.

Guarda altre News

Viana do Castelo Incoronata con un Epico Campionato…

Lo scorso fine settimana, Viana do Castelo è diventata l'epicentro dell'emozione e dell'adrenalina con la celebrazione

La Corsa ai Titoli Mondiali di Big Air…

I leader nella corsa ai titoli mondiali di Big Air, il duo olandese composto da Jamie Overbeek e Pippa van Iersel, sono

WINGFOIL: Nia Suardiaz e Mathis Ghio Trionfano al…

Nia Suardiaz, a soli 17 anni, ha lasciato tutti a bocca aperta dominando la competizione femminile dall'inizio alla fine

Il GKA Annuncia un Ambizioso Nuovo Piano per…

Dal 29 agosto al 1 settembre, Dunkerque sarà il teatro di un'iniziativa rivoluzionaria nel mondo del kitesurf, promossa

Jamie Overbeek: La Prima Grande Vittoria di un…

Il kitesurfer olandese Jamie Overbeek ha conquistato la sua prima grande vittoria al GKA Lords of Tram in Francia

Pippa van Iersel: Un Ritorno Vincente nel Mondo…

La kitesurfer olandese Pippa van Iersel ha trionfato nella tappa inaugurale del Qatar Airways GKA Big Air Kite World Cha

VIDEO: Big Air alla Laguna “in una giornata…

Jamie Overbeek è stato attirato da una previsione promettente che è andata completamente storta, ma la laguna ha fatto

Jeremy Burlando Trionfa al Full Power Tarifa 2024

Il Full Power Tarifa 2024, prestigiosa competizione di Big Air organizzata annualmente in Spagna sul rinomato spot di Ba

Cécilia Rastello: Un Talento Emergente nel Circuito Engie…

Cécilia Rastello, partecipante al circuito Engie Kite Tour dalla stagione 2023, è stata recentemente celebrata dalla F

Formula Kite World Championship: Poema Newland Ritrova la…

Dopo un inizio disastroso nella giornata di apertura del Campionato del Mondo Formula Kite a Hyères, Poema Newland

Tromba D’aria a Taranto nuovi incidenti con il Kitesurf

di: Redazione Kitesurfing

Ecco il breve racconto di un utente del sito kiteforumpuglia.it

Testo di “kitegorico”



Salve a tutti ragazzi. E’ un pò che non ci si sente.
Il fatto è che da un pò di tempo ho preso una barchetta a vela che per adesso (vista la cippa perdurante) stà assorbendo tutte le mie attenzioni.

Oggi dopo un breve trasferimento a vela, ho dato ancora all’Isola di S.Pietro ed ho trascorso una bella giornata col sole (si fà per dire ogni giorno sulla terra ferma ci son sempre nuvole minacciose dalle 13,00 in poi…..). Verso le 14,30 ho visto tra le solite, minacciose nubi all’orizzonte un fronte che sembrava un pò + minaccioso degli altri. Tra le proteste di mia moglie ho fatto valere il grado di comandante ed ho preso la decisione di mettere tutto in ordine e rientare.
La faccio breve: sono entrato all’imboccatura del porto con una ventina di nodi di libeccio (poco meno che al traverso); il tempo di arrivare al mio posto barca ed avevo 35-40 nodi di maestrale (in poppa). Raga vi dico che è stata durissima. Il mio equipaggio non riusciva a prendere nè le cime di poppa ne il corpo morto.
Ad un certo punto ho dovuto avvicinarmi con la poppa alla banchina, lasciare mia moglie a manovrare (avanti e dietro) col motore, scendere a terra prendere corpo morto e cime di poppa, rigettarmi a mare (nel frattempo la barca si era allontanata e mia moglie si stava imbranando) e finalmente, risalito a bordo son riuscito ad ormeggiare poppa e prua …. Una volta fermo ho guardato verso la città ed ho visto la tromba d’aria.
Forse, ripensandoci col senno di poi non avrei dovuto lasciare la barca ma alla fine, per come è andata, anche se la manovra è stata poco ortodossa almeno è stata efficace.
Comunque in porto è successo il macello… Il ferro da stiro che mi stà a fianco, rientrando subito dopo di mè, mi ha dato una bella botta sulla murata (domani andrò a vedere meglio quello che è successo), poco dopo altri due ferri rientrando nella mia stessa banchina si sono traversati ed hanno urtato malamente altre barche ormeggiate, non sò onestamente cosa sia successo nelle altre banchine.
Il ventone sarà durato una quarantina di minuti, poi si è messo a diluviare ed è calato tutto.
Chissà se qualcuno è riuscito ad uscire in KITE a Viale del Tramonto (e se l’ha fatto chissà se è riuscito a non finire sugli alberi)


Dopo l’accaduto siamo stati raggiunti da una triste notizia, purtroppo durante la tromba d’aria vi erano dei kite in acqua, per lo più principianti, che non sono riusciti a sganciarsi, forse per la poca praticità e molti di loro (forse 4) si trovano adesso ricoverati all’ospedale chi per clavicola rotta chi per tendini lesionati, ma al momento non abbiamo info certe.

Per il momento nessuno è gravissimo.


Inutile dire che una stagione del genere non si è mai sentita, attendiamo con anzia maggiori e dettagliate info sull’accaduto.

Altre News


 Tags: 

Share:

Ti potrebbe interessare anche


Stai cercando un KiteCamp?



E' Successo Oggi