16 Dicembre 2010

Share:

Jonny Groove il successo grazie al kitesurf

di: Redazione Kitesurfing

Sarà che da quando Jonny Groove ha debuttato a Zelig – trasformandosi nel discotecaro più famoso d’Italia, al grido di «Essiamonoi» o «Ti stimo, fratello» – sono passati due anni, durante i quali è diventato un idolo (quasi un milione e mezzo di fan su Facebook: Roberto Benigni, per dire, ne ha un milione e duecento; Claudio Bisio, pochi più di 400mila), ma soprattutto papà della splendida Matilda, eppure Giovanni Vernia si era quasi stancato del suo alter ego. Voleva mollarlo, finché non si è reso conto che Jonny, semmai, aveva stufato solo lui e la gente continuava ad esserne pazza: da qui l’idea di lavorare sulla sua maschera e dare vita a un nuovo show in cui il tamarro bonaccione mostra un inedito lato di sé, ma soprattutto Vernia diventa il vero padrone del palco. Il risultato è Essiamonoi Revolution, che debutterà in anteprima nazionale il 31 di dicembre al teatro Creberg (con tanto di dj-set after show e console contesa tra il comico genovese e dj Mattias, direttamente dal Papeete di Milano Marittima).
HAPPY GROOVE YEAR – Dopo Albanese e il Mago Forest, a Giovanni Vernia l’onere e l’onore di dare l’addio al 2010 e accogliere il 2011 davanti al pubblico orobico, in una serata insolita: Happy Groove Year, infatti, si compone di due tranche. La prima, dalle 22 a mezzanotte e mezza, è quella del vero show; la seconda, da mezzanotte e mezza in poi («Finché c’è gente, io resto – precisa il mattatore della serata -. Che siano le 4 o le 5 di mattina, non importa! Io non mi schiodo dal foyer del Creberg») vedrà il teatro trasformarsi in una discoteca, con tanto di area bar, cubiste e musica house.
 «ESSIAMONOI REVOLUTION» – Entriamo nel vivo della parte teatrale, con alcune anticipazioni direttamente dal protagonista. «Il pubblico di Bergamo vedrà in anteprima il nuovo Jonny: è diventato famoso, la gente lo riconosce per strada, e lui si è un po’ montato la testa. Si sente un vip e si veste da tale, preservando tutta la sua truzzaggine. Niente camicie aperte e crocifissi: a quei livelli non arriva manco lui, ma ha deciso di accantonare i pantaloni muccati e fare lo chic. Ha persino un corpo di ballo: le “Groovine” – bellissime, una somiglia a Pocahontas – e i “Jonny boys”, tipi superfisicati; nella seconda parte dello show faranno i cubisti. Ha anche due mascotte con le sue fattezze, che salgono sul palco e fanno ridere un sacco. E, poi, c’è lo zio: grazie a lui – direttamente dagli anni Settanta – scopriremo quale anello si è inceppato, nell’evoluzione della specie, per generare Jonny». Ma cosa è cambiato, in Essiamonoi Revolution, rispetto alla versione precedente? «Nel vecchio show – Essiamonoi – c’era un 35% di me e un 65% di Groove: ora, invece, di lui resta solo un 20% (parla con percentuali ben ponderate, ma del resto il nostro è laureato con 110 in Ingegneria elettronica, ndr). Di cosa parlerò? Be’, in apertura mi soffermerò sulla storia di Bergamo, che si divide in due fasi: prima dei Pooh e dopo i Pooh. Mi sono divertito a immaginare i componenti della band come dei muratori bergamaschi: dei grandi stakanovisti, felici di aver spedito a Roma l’unico che lavorava poco, D’Orazio. A seguire analizzo i testi delle loro canzoni e le ragioni del loro successo: una fenomenologia dei Pooh, insomma. Ci sarà anche una parentesi sull’aeroporto di Orio al Serio, perché c’è una cosa che nessuno sa: il volo di Lost, è partito da lì! Tant’è che uno dei protagonisti è bergamasco. Racconterò persino la mia esperienza a Sanremo, dove il pubblico è diviso in galleria, platea e naftalina. Mi sono esibito dopo Bob Sinclar: per un attimo ho pensato di darmela a gambe. La mia fortuna? La critica non mi ha massacrato, nel senso che proprio non mi ha calcolato».
È palpabile l’entusiasmo di Vernia nei confronti di questo show («Dura più di due ore perché non amo le cose stringate: e, oltre al corpo di ballo, mi sono regalato uno schermo di 5 metri per 3»), nonostante all’inizio non se la sentisse di accettare l’offerta di Officine Smeraldo per San Silvestro. «Al Creberg ero stato a febbraio, era andata bene, ma mi chiedevo se fossi capace di realizzare un nuovo recital dopo così poco. Con i miei autori ho iniziato a sperimentare delle nuove cose, che proponevo come bis nei live estivi. Piacevano, il materiale aumentava, e ho capito che potevo legare il tutto con un filo, affinché diventasse l’ossatura di un nuovo spettacolo».
 IN DISCOTECA AL CREBERG – Torniamo al dopo serata: «Sul flyer ho fatto scrivere: “È gradito l’abbigliamento con cui ti diverti di più”. Niente selezione: non mi piace. Possono entrare tutti. Dj Mattias è uno bravo: me lo aveva consigliato tempo fa Fargetta. È un ragazzino di 26 anni, eppure ha già uno studio in cui produce musica dance. Vado fiero della ricerca musicale fatta: lui suonerà brani contemporanei, io musica anni Settanta e Ottanta, con qualche pezzo in stile Vamos a la playa. C’è anche un bellissimo remix con brani di di Lady Gaga».
 AMARCORD – Ma come è nato Jonny? Per chi non lo sapesse, ecco l’aneddoto. «Ero a Milano da qualche anno e, d’improvviso, mi sono ritrovato senza lavoro e senza fidanzata. Allora ho ripiegato su due cose che da sempre sognavo: un corso di kitesurf, conclusosi quando ho sfasciato l’attrezzatura su uno scoglio di Genova, e quello di teatro. 

Clicca su more info per continuare a leggere l’articolo tratto dal CORRIERE DI BERGAMO

Guarda altre News

Viana do Castelo Incoronata con un Epico Campionato…

Lo scorso fine settimana, Viana do Castelo è diventata l'epicentro dell'emozione e dell'adrenalina con la celebrazione

La Corsa ai Titoli Mondiali di Big Air…

I leader nella corsa ai titoli mondiali di Big Air, il duo olandese composto da Jamie Overbeek e Pippa van Iersel, sono

WINGFOIL: Nia Suardiaz e Mathis Ghio Trionfano al…

Nia Suardiaz, a soli 17 anni, ha lasciato tutti a bocca aperta dominando la competizione femminile dall'inizio alla fine

Il GKA Annuncia un Ambizioso Nuovo Piano per…

Dal 29 agosto al 1 settembre, Dunkerque sarà il teatro di un'iniziativa rivoluzionaria nel mondo del kitesurf, promossa

Jamie Overbeek: La Prima Grande Vittoria di un…

Il kitesurfer olandese Jamie Overbeek ha conquistato la sua prima grande vittoria al GKA Lords of Tram in Francia

Pippa van Iersel: Un Ritorno Vincente nel Mondo…

La kitesurfer olandese Pippa van Iersel ha trionfato nella tappa inaugurale del Qatar Airways GKA Big Air Kite World Cha

VIDEO: Big Air alla Laguna “in una giornata…

Jamie Overbeek è stato attirato da una previsione promettente che è andata completamente storta, ma la laguna ha fatto

Jeremy Burlando Trionfa al Full Power Tarifa 2024

Il Full Power Tarifa 2024, prestigiosa competizione di Big Air organizzata annualmente in Spagna sul rinomato spot di Ba

Cécilia Rastello: Un Talento Emergente nel Circuito Engie…

Cécilia Rastello, partecipante al circuito Engie Kite Tour dalla stagione 2023, è stata recentemente celebrata dalla F

Formula Kite World Championship: Poema Newland Ritrova la…

Dopo un inizio disastroso nella giornata di apertura del Campionato del Mondo Formula Kite a Hyères, Poema Newland

Jonny Groove il successo grazie al kitesurf

di: Redazione Kitesurfing

Sarà che da quando Jonny Groove ha debuttato a Zelig – trasformandosi nel discotecaro più famoso d’Italia, al grido di «Essiamonoi» o «Ti stimo, fratello» – sono passati due anni, durante i quali è diventato un idolo (quasi un milione e mezzo di fan su Facebook: Roberto Benigni, per dire, ne ha un milione e duecento; Claudio Bisio, pochi più di 400mila), ma soprattutto papà della splendida Matilda, eppure Giovanni Vernia si era quasi stancato del suo alter ego. Voleva mollarlo, finché non si è reso conto che Jonny, semmai, aveva stufato solo lui e la gente continuava ad esserne pazza: da qui l’idea di lavorare sulla sua maschera e dare vita a un nuovo show in cui il tamarro bonaccione mostra un inedito lato di sé, ma soprattutto Vernia diventa il vero padrone del palco. Il risultato è Essiamonoi Revolution, che debutterà in anteprima nazionale il 31 di dicembre al teatro Creberg (con tanto di dj-set after show e console contesa tra il comico genovese e dj Mattias, direttamente dal Papeete di Milano Marittima).
HAPPY GROOVE YEAR – Dopo Albanese e il Mago Forest, a Giovanni Vernia l’onere e l’onore di dare l’addio al 2010 e accogliere il 2011 davanti al pubblico orobico, in una serata insolita: Happy Groove Year, infatti, si compone di due tranche. La prima, dalle 22 a mezzanotte e mezza, è quella del vero show; la seconda, da mezzanotte e mezza in poi («Finché c’è gente, io resto – precisa il mattatore della serata -. Che siano le 4 o le 5 di mattina, non importa! Io non mi schiodo dal foyer del Creberg») vedrà il teatro trasformarsi in una discoteca, con tanto di area bar, cubiste e musica house.
 «ESSIAMONOI REVOLUTION» – Entriamo nel vivo della parte teatrale, con alcune anticipazioni direttamente dal protagonista. «Il pubblico di Bergamo vedrà in anteprima il nuovo Jonny: è diventato famoso, la gente lo riconosce per strada, e lui si è un po’ montato la testa. Si sente un vip e si veste da tale, preservando tutta la sua truzzaggine. Niente camicie aperte e crocifissi: a quei livelli non arriva manco lui, ma ha deciso di accantonare i pantaloni muccati e fare lo chic. Ha persino un corpo di ballo: le “Groovine” – bellissime, una somiglia a Pocahontas – e i “Jonny boys”, tipi superfisicati; nella seconda parte dello show faranno i cubisti. Ha anche due mascotte con le sue fattezze, che salgono sul palco e fanno ridere un sacco. E, poi, c’è lo zio: grazie a lui – direttamente dagli anni Settanta – scopriremo quale anello si è inceppato, nell’evoluzione della specie, per generare Jonny». Ma cosa è cambiato, in Essiamonoi Revolution, rispetto alla versione precedente? «Nel vecchio show – Essiamonoi – c’era un 35% di me e un 65% di Groove: ora, invece, di lui resta solo un 20% (parla con percentuali ben ponderate, ma del resto il nostro è laureato con 110 in Ingegneria elettronica, ndr). Di cosa parlerò? Be’, in apertura mi soffermerò sulla storia di Bergamo, che si divide in due fasi: prima dei Pooh e dopo i Pooh. Mi sono divertito a immaginare i componenti della band come dei muratori bergamaschi: dei grandi stakanovisti, felici di aver spedito a Roma l’unico che lavorava poco, D’Orazio. A seguire analizzo i testi delle loro canzoni e le ragioni del loro successo: una fenomenologia dei Pooh, insomma. Ci sarà anche una parentesi sull’aeroporto di Orio al Serio, perché c’è una cosa che nessuno sa: il volo di Lost, è partito da lì! Tant’è che uno dei protagonisti è bergamasco. Racconterò persino la mia esperienza a Sanremo, dove il pubblico è diviso in galleria, platea e naftalina. Mi sono esibito dopo Bob Sinclar: per un attimo ho pensato di darmela a gambe. La mia fortuna? La critica non mi ha massacrato, nel senso che proprio non mi ha calcolato».
È palpabile l’entusiasmo di Vernia nei confronti di questo show («Dura più di due ore perché non amo le cose stringate: e, oltre al corpo di ballo, mi sono regalato uno schermo di 5 metri per 3»), nonostante all’inizio non se la sentisse di accettare l’offerta di Officine Smeraldo per San Silvestro. «Al Creberg ero stato a febbraio, era andata bene, ma mi chiedevo se fossi capace di realizzare un nuovo recital dopo così poco. Con i miei autori ho iniziato a sperimentare delle nuove cose, che proponevo come bis nei live estivi. Piacevano, il materiale aumentava, e ho capito che potevo legare il tutto con un filo, affinché diventasse l’ossatura di un nuovo spettacolo».
 IN DISCOTECA AL CREBERG – Torniamo al dopo serata: «Sul flyer ho fatto scrivere: “È gradito l’abbigliamento con cui ti diverti di più”. Niente selezione: non mi piace. Possono entrare tutti. Dj Mattias è uno bravo: me lo aveva consigliato tempo fa Fargetta. È un ragazzino di 26 anni, eppure ha già uno studio in cui produce musica dance. Vado fiero della ricerca musicale fatta: lui suonerà brani contemporanei, io musica anni Settanta e Ottanta, con qualche pezzo in stile Vamos a la playa. C’è anche un bellissimo remix con brani di di Lady Gaga».
 AMARCORD – Ma come è nato Jonny? Per chi non lo sapesse, ecco l’aneddoto. «Ero a Milano da qualche anno e, d’improvviso, mi sono ritrovato senza lavoro e senza fidanzata. Allora ho ripiegato su due cose che da sempre sognavo: un corso di kitesurf, conclusosi quando ho sfasciato l’attrezzatura su uno scoglio di Genova, e quello di teatro. 

Clicca su more info per continuare a leggere l’articolo tratto dal CORRIERE DI BERGAMO

Altre News


 Tags: 

Share:

Ti potrebbe interessare anche


Stai cercando un KiteCamp?



E' Successo Oggi