19 Dicembre 2023

Share:

Intervista a Jendric Burkhardt – Freestyle

di: Editore

Ecco un’intervista a uno dei campioni del Multivan Kitesurf Masters tratta dall’omonimo sito. La seconda di una serie

Intervista a Michel Nöppert – Big Air

Jendric Burkhardt – Freestyle

Ciao Jendric, presentati brevemente.

jendric burkhardt freestyle kitesurf

Sono Jendric Burkhardt e vengo da Barßel, una piccola città tra Oldenburg e Leer in Bassa Sassonia. Pratico il kitesurf da circa 10 anni e ho partecipato alle mie prime gare nel 2015. Attualmente studio gestione finanziaria online e posso realizzare un sogno: posso studiare online presso la IU (International University) in tutto il mondo e quindi ho molto tempo per allenarmi in condizioni ottimali. Vorrei anche cogliere l’occasione per menzionare i miei sponsor, perché senza il sostegno di Duotone e ION Germany, Unique by Atlantic Hotels, Firefins e Healthysurfing, tutto questo non sarebbe possibile.

Ho avuto un discreto successo nel settore juniores, con quattro titoli di campione tedesco nel freestyle, nello slalom e nelle competizioni, e spero di consolidare al più presto i miei successi nel settore adulti, ma la pandemia di corona mi ha un po’ rallentato.

Qualche anno fa ho completato il corso di formazione per il kitesurf agonistico e da allora sono molto impegnato nella promozione dei giovani talenti con il mio club Cuxkiters.ev e con l’Associazione tedesca di vela. Ogni anno, Cuxkiters organizza campi per giovani talenti del kitesurf e per principianti delle competizioni e, insieme al mio collega di Duotone Germania, Merle Mönster, e a mio padre, cerchiamo di motivare i giovani talenti a praticare il kitesurf come sport agonistico e di prepararli alle prossime competizioni. Lo sviluppo individuale è il nostro obiettivo assoluto e cerchiamo di aiutare ognuno esattamente dove si trova al momento. Sembra che ci stiamo riuscendo abbastanza bene, perché agli ultimi Campionati Mondiali Giovanili, ai Campionati Tedeschi e ad altre competizioni importanti, molti dei partecipanti sono saliti sul podio o ci sono andati vicino.

Come si è avvicinato agli sport acquatici?

jendric burkhardt freestyle kitesurf

Sono sempre stato molto legato all’acqua, e questo vale anche per tutta la mia famiglia. Abbiamo sempre trascorso le vacanze al mare e ho iniziato subito a praticare bodyboard e surf. Poi c’è stata una vacanza in cui non c’erano assolutamente onde, ma tanto vento e mi sono dovuto sedere in spiaggia a guardare i kiters, così mi sono appassionato e non è stato difficile convincere i miei genitori che dovevo assolutamente fare un corso di kitesurf. Ho frequentato un corso di kitesurf nel 2013 e un anno dopo, quando Babbo Natale ha messo due kite sotto l’albero, il mio viaggio è iniziato davvero.

Quali sono i tuoi successi di quest’anno e sei riuscita a raggiungere i tuoi obiettivi?

Quest’anno sono riuscito a ottenere il 6° posto nel freestyle al Multivan Kitesurf Masters di Sankt Peter Ording e sono arrivato settimo nella classifica generale ai campionati tedeschi. In realtà mi aspettavo di più quest’anno, perché c’era ancora margine di miglioramento. La conclusione è che forse non dovrei allenarmi sempre e solo in acqua piatta, ma anche sulle gobbe che spesso ci sono qui sul Mare del Nord e sul Mar Baltico.

Come si affrontano le sconfitte?

Tutti sono frustrati dopo le sconfitte, ma non bisogna rimuginarci troppo a lungo, perché alla fine bisogna capire qual è il problema e lavorarci su. Tutti fanno una brutta cavalcata, hanno semplicemente una giornata storta o non riescono a gestire le condizioni. Le sconfitte fanno parte di quasi tutte le carriere e l’importante è come le si affronta e quali lezioni se ne traggono per migliorare.

Dove ti vedi l’anno prossimo?

jendric burkhardt freestyle kitesurf

L’anno prossimo voglio partecipare a quante più competizioni possibili e spero davvero di essere di nuovo al via del Masters di Sankt Peter Ording, in modo da poter competere per i primi posti sulla spiaggia di SPO. I Masters e soprattutto la finale di SPO sono qualcosa di molto speciale, e non solo perché è il più grande evento di kite al mondo: tutta la famiglia del kite si riunisce lì ed è un onore essere al via. Voglio anche partecipare di nuovo ai Campionati tedeschi di freestyle e spero in molte gare emozionanti. Oltre alle competizioni, viaggerò di nuovo molto: i piani di viaggio non sono ancora stati finalizzati, ma il Brasile e la Sardegna sono già state confermate come destinazioni di viaggio.

Per quanto riguarda la promozione dei giovani talenti, si sta già pianificando molto, un campo di addestramento presso i Cuxkiters avrà luogo nel fine settimana di Pentecoste e ci saranno sicuramente altre attività. Se siete interessati, contattatemi o tenete d’occhio gli account dei social media della German Kitesurf Association e dei Cuxkiters.

Qual è la sua disciplina preferita e perché?

Da quando ho iniziato a praticare il kitesurf, nella mia testa tutto ruota intorno al freestyle. Anche se in passato ho partecipato a gare, big air e slalom e ho festeggiato qualche successo, il freestyle è e rimane la mia disciplina preferita. Secondo me, è ancora la cosa più impegnativa del kitesurf. Non si tratta di chi ha l’attrezzatura migliore, tutto dipende da te. La paragonerei un po’ alla ginnastica, perché anche qui l’interazione tra forza, tecnica e controllo del corpo è fondamentale. Il percorso di alcuni trick può essere difficile, ma quando lo si realizza per la prima volta dopo innumerevoli cadute e colpi duri, si prova una sensazione di felicità che difficilmente si può esprimere a parole, ma chi l’ha provata sa cosa intendo.

Cosa ti è piaciuto del Kitesurf Masters di quest’anno? Cosa ne pensa del formato a inviti?

Quest’anno è stato un altro evento di successo, nonostante le terribili condizioni meteo. Purtroppo il BigAir non ha funzionato, ma c’è stata comunque molta azione in acqua. Il nuovo format era molto più incentrato sui rider ed è stato qualcosa di speciale partecipare all’evento. Il livello era più alto che mai, il che ha reso l’azione in acqua ancora più spettacolare per gli spettatori del solito. Ancora una volta un evento in cui la scena del kitesurf si riunisce e le persone trascorrono molto tempo insieme al di fuori delle competizioni.

Consiglierebbe il Kitesurf Masters ad altri kiters? Se sì, perché?

Certo che lo consiglierei! Ho partecipato ai Masters dal 2016, i Masters hanno praticamente influenzato tutta la mia carriera e i miei successi mi hanno aperto alcune porte degli sponsor. Associo molte grandi esperienze a questo periodo e non sarei dove sono oggi senza i Masters. Ho anche avuto modo di conoscere un sacco di gente in gamba e da lì sono nate grandi amicizie.

Il tuo consiglio per i principianti?

Non mettetevi troppo sotto pressione, tutti sono nervosi quando devono fare kite davanti a un pubblico per la prima volta. Concentratevi su ciò che sapete fare e cercate di eseguire prima i trick in cui siete già bravi. Solo in un secondo momento dovrete disfare il trick che avete fatto ieri per la prima volta. Rimanete tranquilli e ricordate che tutti iniziano da piccoli.


Guarda altre News

Big Air: giovani leve sempre più giovani

Il Lords of Tram GKA Big Air Kite World Cup è pronto a iniziare con il line-up più giovane di sempre, riflesso dell'es

Tom Court: Un’Epica Avventura di Kitesurf Britannica

In questa avvincente video, immergetevi nell'entusiasmante mondo del kitesurf con Tom Court in "Hike and Kite' Back Coun

Oswald Smith: Il Nuovo Prodigio del Kitesurf con…

È ufficiale! North Kiteboarding presenta l'ultimo arrivo nella sua squadra internazionale: Oswald Smith, meglio conosci

Brasile: Intensa Passione per il Foil Trip

Quando si parla del Brasile, la parola "passione" assume tutto il suo significato. Ed è proprio questa passione che ha

British Kitesurfing Association dice la sua sulle olimpiadi

La British Kitesurfing Association (BKSA) ha lavorato a stretto contatto con la Royal Yachting Association (RYA), gli or

La Kite Park League e la sua Missione

Il 2024 si apre con uno spettacolo mozzafiato nel mondo del kitesurf, grazie alla Kite Park League (KPL) che ha dato il

Trionfale Ritorno di Liam Whaley sulle Onde

Dopo una lunga assenza dovuta a un infortunio, Liam Whaley è finalmente tornato al kitesurf, regalando ai suoi fan un m

Nolot & Maeder trionfano agli Europei in crescendo…

Dopo una settimana di intense competizioni, Max Maeder e Lauriane Nolot hanno rispettivamente conquistato i titoli europ

Aperte le iscrizioni per la KPL in Sicilia

Lo sguardo è ora rivolto alla seconda tappa del tour, porterà la Kite Park League nelle acque salate de Lo Stagnone, i

Entusiasmante Prima Tappa del Campionato Italiano di Kite…

Gli amanti del kitesurf si sono ritrovati a Ostia per la prima tappa del Campionato Italiano di Kite Wave 2024, un event

GKA: Premi per onorare i grandi del kitesurf…

Il più grande evento nel kitesurf per riconoscere i traguardi nel mondo dello sport, i Premi Qatar Airways GKA, si appr

Rilasciato il calendario della British Kitesports Association

Per chi pratica il kitesurf nel Regno Unito, potrebbe interessare il nuovo calendario della BKSA (British Kitesports Ass

Il KPL PATAGONIA 2024: Un Successo Impareggiabile

Spesso, il KPL (Kite Park League) riceve ammirazione da varie organizzazioni e aziende che cercano di apprendere di più

I migliori eventi di kitesurf a Tarifa che…

In questo articolo voglio darvi un riassunto degli eventi di kitesurf più popolari che si tengono a Tarifa, e che proba

FORMULA KITE: una settimana di lotte per le…

Il Mar Menor, in Spagna, è pronto ad ospitare il primo grande evento della stagione di kitesurf, con 137 partecipanti p

Volkswagen Amplia il Suo Impegno nel Mondo degli…

Grandi notizie per la scena dei sports acquatici! Volkswagen Nutzfahrzeuge estende la sua collaborazione con l'agenzia d

VIDEO: Tuffatevi nel mondo di Bonaire

Tuffatevi nel mondo di Bonaire con il nuovo video di Charlotte Consorti! in partnership con la F-One!

NORTH DÀ IL BENVENUTO A FRANCESCA MAINI

Francesca Maini è una giovane donna con una passione per il kitesurf che la sta portando a nuove altezze - letteralment

North Kiteboarding: Alla Caccia dell’Oro Olimpico

North Kiteboarding, un marchio leader nel mondo del kitesurf, si prepara a entrare nella corsa per l'oro olimpico nella

Il Fuerteventura KiteFoil International Open Cup: Una Tappa…

Un fine settimana di pura adrenalina e competizione ha scaldato le acque di Corralejo dal 15 al 18 febbraio con il Fuert

Intervista a Jendric Burkhardt – Freestyle

di: Editore

Ecco un’intervista a uno dei campioni del Multivan Kitesurf Masters tratta dall’omonimo sito. La seconda di una serie

Intervista a Michel Nöppert – Big Air

Jendric Burkhardt – Freestyle

Ciao Jendric, presentati brevemente.

jendric burkhardt freestyle kitesurf

Sono Jendric Burkhardt e vengo da Barßel, una piccola città tra Oldenburg e Leer in Bassa Sassonia. Pratico il kitesurf da circa 10 anni e ho partecipato alle mie prime gare nel 2015. Attualmente studio gestione finanziaria online e posso realizzare un sogno: posso studiare online presso la IU (International University) in tutto il mondo e quindi ho molto tempo per allenarmi in condizioni ottimali. Vorrei anche cogliere l’occasione per menzionare i miei sponsor, perché senza il sostegno di Duotone e ION Germany, Unique by Atlantic Hotels, Firefins e Healthysurfing, tutto questo non sarebbe possibile.

Ho avuto un discreto successo nel settore juniores, con quattro titoli di campione tedesco nel freestyle, nello slalom e nelle competizioni, e spero di consolidare al più presto i miei successi nel settore adulti, ma la pandemia di corona mi ha un po’ rallentato.

Qualche anno fa ho completato il corso di formazione per il kitesurf agonistico e da allora sono molto impegnato nella promozione dei giovani talenti con il mio club Cuxkiters.ev e con l’Associazione tedesca di vela. Ogni anno, Cuxkiters organizza campi per giovani talenti del kitesurf e per principianti delle competizioni e, insieme al mio collega di Duotone Germania, Merle Mönster, e a mio padre, cerchiamo di motivare i giovani talenti a praticare il kitesurf come sport agonistico e di prepararli alle prossime competizioni. Lo sviluppo individuale è il nostro obiettivo assoluto e cerchiamo di aiutare ognuno esattamente dove si trova al momento. Sembra che ci stiamo riuscendo abbastanza bene, perché agli ultimi Campionati Mondiali Giovanili, ai Campionati Tedeschi e ad altre competizioni importanti, molti dei partecipanti sono saliti sul podio o ci sono andati vicino.

Come si è avvicinato agli sport acquatici?

jendric burkhardt freestyle kitesurf

Sono sempre stato molto legato all’acqua, e questo vale anche per tutta la mia famiglia. Abbiamo sempre trascorso le vacanze al mare e ho iniziato subito a praticare bodyboard e surf. Poi c’è stata una vacanza in cui non c’erano assolutamente onde, ma tanto vento e mi sono dovuto sedere in spiaggia a guardare i kiters, così mi sono appassionato e non è stato difficile convincere i miei genitori che dovevo assolutamente fare un corso di kitesurf. Ho frequentato un corso di kitesurf nel 2013 e un anno dopo, quando Babbo Natale ha messo due kite sotto l’albero, il mio viaggio è iniziato davvero.

Quali sono i tuoi successi di quest’anno e sei riuscita a raggiungere i tuoi obiettivi?

Quest’anno sono riuscito a ottenere il 6° posto nel freestyle al Multivan Kitesurf Masters di Sankt Peter Ording e sono arrivato settimo nella classifica generale ai campionati tedeschi. In realtà mi aspettavo di più quest’anno, perché c’era ancora margine di miglioramento. La conclusione è che forse non dovrei allenarmi sempre e solo in acqua piatta, ma anche sulle gobbe che spesso ci sono qui sul Mare del Nord e sul Mar Baltico.

Come si affrontano le sconfitte?

Tutti sono frustrati dopo le sconfitte, ma non bisogna rimuginarci troppo a lungo, perché alla fine bisogna capire qual è il problema e lavorarci su. Tutti fanno una brutta cavalcata, hanno semplicemente una giornata storta o non riescono a gestire le condizioni. Le sconfitte fanno parte di quasi tutte le carriere e l’importante è come le si affronta e quali lezioni se ne traggono per migliorare.

Dove ti vedi l’anno prossimo?

jendric burkhardt freestyle kitesurf

L’anno prossimo voglio partecipare a quante più competizioni possibili e spero davvero di essere di nuovo al via del Masters di Sankt Peter Ording, in modo da poter competere per i primi posti sulla spiaggia di SPO. I Masters e soprattutto la finale di SPO sono qualcosa di molto speciale, e non solo perché è il più grande evento di kite al mondo: tutta la famiglia del kite si riunisce lì ed è un onore essere al via. Voglio anche partecipare di nuovo ai Campionati tedeschi di freestyle e spero in molte gare emozionanti. Oltre alle competizioni, viaggerò di nuovo molto: i piani di viaggio non sono ancora stati finalizzati, ma il Brasile e la Sardegna sono già state confermate come destinazioni di viaggio.

Per quanto riguarda la promozione dei giovani talenti, si sta già pianificando molto, un campo di addestramento presso i Cuxkiters avrà luogo nel fine settimana di Pentecoste e ci saranno sicuramente altre attività. Se siete interessati, contattatemi o tenete d’occhio gli account dei social media della German Kitesurf Association e dei Cuxkiters.

Qual è la sua disciplina preferita e perché?

Da quando ho iniziato a praticare il kitesurf, nella mia testa tutto ruota intorno al freestyle. Anche se in passato ho partecipato a gare, big air e slalom e ho festeggiato qualche successo, il freestyle è e rimane la mia disciplina preferita. Secondo me, è ancora la cosa più impegnativa del kitesurf. Non si tratta di chi ha l’attrezzatura migliore, tutto dipende da te. La paragonerei un po’ alla ginnastica, perché anche qui l’interazione tra forza, tecnica e controllo del corpo è fondamentale. Il percorso di alcuni trick può essere difficile, ma quando lo si realizza per la prima volta dopo innumerevoli cadute e colpi duri, si prova una sensazione di felicità che difficilmente si può esprimere a parole, ma chi l’ha provata sa cosa intendo.

Cosa ti è piaciuto del Kitesurf Masters di quest’anno? Cosa ne pensa del formato a inviti?

Quest’anno è stato un altro evento di successo, nonostante le terribili condizioni meteo. Purtroppo il BigAir non ha funzionato, ma c’è stata comunque molta azione in acqua. Il nuovo format era molto più incentrato sui rider ed è stato qualcosa di speciale partecipare all’evento. Il livello era più alto che mai, il che ha reso l’azione in acqua ancora più spettacolare per gli spettatori del solito. Ancora una volta un evento in cui la scena del kitesurf si riunisce e le persone trascorrono molto tempo insieme al di fuori delle competizioni.

Consiglierebbe il Kitesurf Masters ad altri kiters? Se sì, perché?

Certo che lo consiglierei! Ho partecipato ai Masters dal 2016, i Masters hanno praticamente influenzato tutta la mia carriera e i miei successi mi hanno aperto alcune porte degli sponsor. Associo molte grandi esperienze a questo periodo e non sarei dove sono oggi senza i Masters. Ho anche avuto modo di conoscere un sacco di gente in gamba e da lì sono nate grandi amicizie.

Il tuo consiglio per i principianti?

Non mettetevi troppo sotto pressione, tutti sono nervosi quando devono fare kite davanti a un pubblico per la prima volta. Concentratevi su ciò che sapete fare e cercate di eseguire prima i trick in cui siete già bravi. Solo in un secondo momento dovrete disfare il trick che avete fatto ieri per la prima volta. Rimanete tranquilli e ricordate che tutti iniziano da piccoli.


Altre News


Share:

Ti potrebbe interessare anche


Stai cercando un KiteCamp?



E' Successo Oggi