25 Febbraio 2009

Share:

Erik, la giovane volpe di Corato che sfida il mondo con il Kitesurf

di: Redazione Kitesurfing

Questo è il titolo dell’articolo di oggi trovato sul quotidiano la Repubblica.

C´è una baia a Natal, Brasile, che si veste d´acqua soltanto con l´alta marea. Uno specchio piatto e limpido, su un tappeto di sabbia bianca. Nella città del sole, c´è un luogo che sembra il Paradiso. Una tavola, un aquilone e un ragazzo che cavalca le brezze più orientali dell´America latina. E´ Erik Volpe, 17enne pugliese di Corato, fra i più forti esponenti al mondo del kitesurf. Figlio del vento e delle onde, ma soprattutto di un papà che adorava il windsurf e che, nel 2000, si è innamorato della disciplina nata l´anno prima alle Hawaii. “Eravamo a Barletta – racconta Erik – quando mio padre ha visto il kite per la prima volta. Ha subito conquistato prima lui, poi me. E´ dall´età di 10 anni che lo pratico”. Figlio delle sirene, come quella che regge la scritta The fox nel simbolo che egli stesso ha disegnato. E che, chissà, magari accompagna con il suo canto le evoluzioni di Erik. Non è stato difficile cucirgli un soprannome, a livello internazionale. “Il soprannome me l´hanno messo i miei avversari, quando hanno saputo cosa significava il mio cognome”. The fox, la volpe: peccherà forse in fantasia, ma suona bene. Per i colleghi italiani è anche il Volpone, da non confondere con il celebre film con Villaggio e Montesano. Oltre a essere astuto, però, Erik è anche aggressivo, carico. Uno che sa trovare energie in anse ad altri sconosciuti. Chissà se fra la barra di controllo o fra le storie che il vento porta con sé. “Successe così anche in Nuova Caledonia – ricorda Volpe – quando vinsi il mondiale junior a 15 anni. Ero stato penalizzato nei quarti di finale, poi ho recuperato ai punti e ho vinto, con l´ulteriore soddisfazione del terzo posto nella race”. La race sarebbe la gara su un circuito, un po´ come i 10mila metri di atletica o una corsa di formula 1.

Guarda altre News

Tom Court: Un’Epica Avventura di Kitesurf Britannica

In questa avvincente video, immergetevi nell'entusiasmante mondo del kitesurf con Tom Court in "Hike and Kite' Back Coun

Oswald Smith: Il Nuovo Prodigio del Kitesurf con…

È ufficiale! North Kiteboarding presenta l'ultimo arrivo nella sua squadra internazionale: Oswald Smith, meglio conosci

Brasile: Intensa Passione per il Foil Trip

Quando si parla del Brasile, la parola "passione" assume tutto il suo significato. Ed è proprio questa passione che ha

British Kitesurfing Association dice la sua sulle olimpiadi

La British Kitesurfing Association (BKSA) ha lavorato a stretto contatto con la Royal Yachting Association (RYA), gli or

La Kite Park League e la sua Missione

Il 2024 si apre con uno spettacolo mozzafiato nel mondo del kitesurf, grazie alla Kite Park League (KPL) che ha dato il

Trionfale Ritorno di Liam Whaley sulle Onde

Dopo una lunga assenza dovuta a un infortunio, Liam Whaley è finalmente tornato al kitesurf, regalando ai suoi fan un m

Nolot & Maeder trionfano agli Europei in crescendo…

Dopo una settimana di intense competizioni, Max Maeder e Lauriane Nolot hanno rispettivamente conquistato i titoli europ

Aperte le iscrizioni per la KPL in Sicilia

Lo sguardo è ora rivolto alla seconda tappa del tour, porterà la Kite Park League nelle acque salate de Lo Stagnone, i

Entusiasmante Prima Tappa del Campionato Italiano di Kite…

Gli amanti del kitesurf si sono ritrovati a Ostia per la prima tappa del Campionato Italiano di Kite Wave 2024, un event

GKA: Premi per onorare i grandi del kitesurf…

Il più grande evento nel kitesurf per riconoscere i traguardi nel mondo dello sport, i Premi Qatar Airways GKA, si appr

Erik, la giovane volpe di Corato che sfida il mondo con il Kitesurf

di: Redazione Kitesurfing

Questo è il titolo dell’articolo di oggi trovato sul quotidiano la Repubblica.

C´è una baia a Natal, Brasile, che si veste d´acqua soltanto con l´alta marea. Uno specchio piatto e limpido, su un tappeto di sabbia bianca. Nella città del sole, c´è un luogo che sembra il Paradiso. Una tavola, un aquilone e un ragazzo che cavalca le brezze più orientali dell´America latina. E´ Erik Volpe, 17enne pugliese di Corato, fra i più forti esponenti al mondo del kitesurf. Figlio del vento e delle onde, ma soprattutto di un papà che adorava il windsurf e che, nel 2000, si è innamorato della disciplina nata l´anno prima alle Hawaii. “Eravamo a Barletta – racconta Erik – quando mio padre ha visto il kite per la prima volta. Ha subito conquistato prima lui, poi me. E´ dall´età di 10 anni che lo pratico”. Figlio delle sirene, come quella che regge la scritta The fox nel simbolo che egli stesso ha disegnato. E che, chissà, magari accompagna con il suo canto le evoluzioni di Erik. Non è stato difficile cucirgli un soprannome, a livello internazionale. “Il soprannome me l´hanno messo i miei avversari, quando hanno saputo cosa significava il mio cognome”. The fox, la volpe: peccherà forse in fantasia, ma suona bene. Per i colleghi italiani è anche il Volpone, da non confondere con il celebre film con Villaggio e Montesano. Oltre a essere astuto, però, Erik è anche aggressivo, carico. Uno che sa trovare energie in anse ad altri sconosciuti. Chissà se fra la barra di controllo o fra le storie che il vento porta con sé. “Successe così anche in Nuova Caledonia – ricorda Volpe – quando vinsi il mondiale junior a 15 anni. Ero stato penalizzato nei quarti di finale, poi ho recuperato ai punti e ho vinto, con l´ulteriore soddisfazione del terzo posto nella race”. La race sarebbe la gara su un circuito, un po´ come i 10mila metri di atletica o una corsa di formula 1.

Altre News


 Tags: 

Share:

Ti potrebbe interessare anche


Stai cercando un KiteCamp?



E' Successo Oggi