2 Agosto 2023

Share:

Kitesurf nello Stagnone di Marsala e la cura dell’ambiente

di: Editore
fenicotteri a marsala

Lo Stagnone di Marsala è una magnifica riserva naturale caratterizzata da acque particolarmente basse, mai superiori ai 2 m, e da un clima e vento gradevoli, che da anni attira l’attenzione di numerosi ospiti. Oltre ad essere sede dei bellissimi aquiloni dei kiters che si destreggiano in questa zona da molto tempo, rispettando la natura locale, è anche un punto focale per l’ingresso in Europa di moltissimi uccelli migratori che ritornano ogni anno dall’Africa. Esemplari di animali stupendi, come il volpoco, il chiurlo maggiore, il fenicottero e tanti altri, popolano le acque dello Stagnone, portando gioia a tutti gli amanti della natura, inclusi i kiters.

Tuttavia, questa situazione ha destato alcune preoccupazioni tra gli esperti e gli amanti della fauna locale, poiché l’idea di vedere le vele dei kiters solcare le acque dello Stagnone ha portato a considerare questa attività come una potenziale presenza invasiva che potrebbe disturbare la quiete dei volatili locali durante le loro rotte migratorie.

Questa preoccupazione è comprensibile all’interno della comunità dei kiters.

Un’opera di bonifica

È noto, infatti, che in passato dove ora sorge il centro kite c’erano delle piattaforme di cemento. Grazie al lavoro del centro, l’area è stata completamente bonificata e ripristinata al suo stato originario.

In passato, lo Stagnone di Marsala era una discarica a cielo aperto, come nel 2005, quando camion trasportavano il sale da Isola Lunga a San Teodoro, passando direttamente all’interno dello Stagnone e nella sua foce, contaminando l’acqua della laguna.

Il kitesurf contribuisce ad ossigenare lo Stagnone, rimuovendo i fattori inquinanti e restituendo alla zona la fauna e la flora originale in modo naturale.

Molto si parla della crescita dello sport del kitesurf allo Stagnone, ma bisogna tenere presente che quest’ultimo occupa solo il 7% dell’intera estensione della laguna, chiamata “Laguna dello Stagnone,” la più estesa della Sicilia, con oltre duemila ettari.

Pertanto, occorre prestare attenzione a notizie che ritengono il kitesurf una minaccia per la flora e la fauna locali, poiché questa attività occupa solo una piccola parte della laguna e non crea problemi per nessun tipo di uccello o forma di flora e fauna locale. Inoltre, i vari centri kite utilizzano esclusivamente materiali sostenibili, sensibilizzando anche i principianti sull’uso corretto dei materiali.

Il kitesurf è uno sport ecosostenibile riconosciuto in tutto il mondo, poiché non utilizza materiali dannosi per l’ambiente, come attrezzature a scoppio o attrezzature elettriche, e quindi non può compromettere la fauna locale.

Stagnone kitesurf

Inoltre, l’area dedicata al kitesurf nello Stagnone di Marsala è uno dei pochi territori in Italia dove è possibile praticare questo sport, poiché i terreni utilizzati sono legalmente e legittimamente autorizzati, essendo terreni privati. Di conseguenza, lo Stato e la governance non possono e non devono creare disagi, poiché non si tratta di demanio marittimo.

Già nel 2005-2006,” racconta il presidente dell’Associazione Kitesurf Italiana Antonio Gaudini, “il centro kite ha bonificato e rimosso una ingente quantità di rifiuti, tra cui soprattutto barche affondate e pezzi di ferro di svariate dimensioni, che erano presenti nella laguna. Questa bonifica ha permesso ai kiters di praticare le loro attività in sicurezza e ha offerto un ambiente più salubre e sereno alla fauna locale. Inoltre, il kitesurf ha reso la città di Marsala un bacino di utenza turistica, generando entrate economiche significative per il Comune, che ha potuto sviluppare servizi a favore degli abitanti della città, cosa che prima non era possibile.”

La presenza di piattaforme di cemento prima dell’opera di bonifica

Il kitesurf ha a cuore la natura

Insomma, è sempre bello ascoltare la voce di chi ha a cuore la splendida Laguna dello Stagnone di Marsala, sia chi pratica il kitesurf sia chi ama la natura in generale e desidera preservarla.

Chi pratica il kitesurf non causa alcun problema alla fauna e alla flora locali, poiché il centro kite occupa solo una minima porzione del territorio, circa il 7%, che viene curata con molta attenzione sia per motivi di sicurezza per chi pratica lo sport, sia per amore e rispetto per l’ambiente.

I kiters sono solitamente i primi ad amare e a preoccuparsi per l’ambiente, poiché questo sport spinge proprio a vivere in simbiosi con la natura, e la nostra comunità è sempre aperta al dialogo, cercando la migliore soluzione per ogni situazione.

Kitesurf stagnone riserva naturale

Guarda altre News

Campionato Italiano di Kitesurf: Conclusione esaltante a Lo…

La giornata di domenica 7 luglio ha segnato la conclusione trionfale della seconda tappa del Campionato Italiano di Big

Campionato italiano di kitesurf FREESTYLE e BIG AIR

Il Campionato Italiano di Kitesurf Freestyle e Big Air: Un Weekend di Emozioni e Acrobazie. L'evento è organizzato dal

HELP Scritto sulla Sabbia Salva un Kitesurfista Bloccato…

Un kitesurfista bloccato su una spiaggia remota della California è stato salvato domenica scorsa dopo aver scritto la p

FREESTYLE e BIGAIR: ecco i BANDI per le…

Di seguito è possibile leggere e scaricare i bandi per le prossime gare per il campionato di Freestyle e Bigair...

TMKiteClub e Xunta de Galicia Rinnovano l’Accordo di…

Il TMKiteClub, co-organizzatore dell'evento insieme al Comune di Redondela, e la Xunta de Galicia hanno confermato quest

SWL Oliva 2024: Ancor Sosa Domina le Onde…

Le spiagge di Oliva hanno vissuto un fine settimana all'insegna dell'adrenalina e dell'emozione con la celebrazione del

Omaggio a JJ: Un Giovane Campione del Kitesurf…

Con profondo dolore, la comunità del kitesurf saluta uno dei suoi talenti più brillanti, Jackson James Rice.

Kitesurf a Puerto Plata: Giovani Talenti Brillano nel…

Il DR Open Kiteboarding 2024 ha illuminato le spiagge di Puerto Plata, Repubblica Dominicana, con un successo strepitoso

VIDEO: Il miglior Maestrale in Neretva + Guida…

Immergetevi nelle meraviglie di Nerevta con l'ultima guida di Ben Beholz!

Kite Fest Guajira 2024: Competizioni, Esibizioni, Fiera Commerciale…

Il Kite Fest Guajira 2024 sta per iniziare e promette di essere una settimana piena di emozioni, novità e divertimento

Eleveight – Come installare i cuscinetti e le…

Seago è stato progettato per garantire un comfort superiore, con zero punti duri e una vestibilità ergonomica per assi

VIDEO: Come eseguire un Moon Slide

Steven Akkersdijk condivide preziosi consigli su come realizzare con successo il Moon slide!

Ruben Lenten: Superare il Cancro e Spingere i…

In un recente episodio del podcast WOW, condotto da Liam Whaley, Ruben condivide il suo incredibile viaggio

Il Campionato Kite Park League in Sicilia 2024…

Con grande rammarico, siamo costretti a condividere che l'evento 2024 del Kite Park League in Sicilia è stato rinviato

Hebert Hernández e la Sfida Epica: 120 Km…

Hebert Hernández e la Sua Epica Traversata: 120 Km di Kitesurf da Margarita a Lechería

Viana do Castelo Incoronata con un Epico Campionato…

Lo scorso fine settimana, Viana do Castelo è diventata l'epicentro dell'emozione e dell'adrenalina con la celebrazione

La Corsa ai Titoli Mondiali di Big Air…

I leader nella corsa ai titoli mondiali di Big Air, il duo olandese composto da Jamie Overbeek e Pippa van Iersel, sono

Kitesurf nello Stagnone di Marsala e la cura dell’ambiente

di: Editore
fenicotteri a marsala

Lo Stagnone di Marsala è una magnifica riserva naturale caratterizzata da acque particolarmente basse, mai superiori ai 2 m, e da un clima e vento gradevoli, che da anni attira l’attenzione di numerosi ospiti. Oltre ad essere sede dei bellissimi aquiloni dei kiters che si destreggiano in questa zona da molto tempo, rispettando la natura locale, è anche un punto focale per l’ingresso in Europa di moltissimi uccelli migratori che ritornano ogni anno dall’Africa. Esemplari di animali stupendi, come il volpoco, il chiurlo maggiore, il fenicottero e tanti altri, popolano le acque dello Stagnone, portando gioia a tutti gli amanti della natura, inclusi i kiters.

Tuttavia, questa situazione ha destato alcune preoccupazioni tra gli esperti e gli amanti della fauna locale, poiché l’idea di vedere le vele dei kiters solcare le acque dello Stagnone ha portato a considerare questa attività come una potenziale presenza invasiva che potrebbe disturbare la quiete dei volatili locali durante le loro rotte migratorie.

Questa preoccupazione è comprensibile all’interno della comunità dei kiters.

Un’opera di bonifica

È noto, infatti, che in passato dove ora sorge il centro kite c’erano delle piattaforme di cemento. Grazie al lavoro del centro, l’area è stata completamente bonificata e ripristinata al suo stato originario.

In passato, lo Stagnone di Marsala era una discarica a cielo aperto, come nel 2005, quando camion trasportavano il sale da Isola Lunga a San Teodoro, passando direttamente all’interno dello Stagnone e nella sua foce, contaminando l’acqua della laguna.

Il kitesurf contribuisce ad ossigenare lo Stagnone, rimuovendo i fattori inquinanti e restituendo alla zona la fauna e la flora originale in modo naturale.

Molto si parla della crescita dello sport del kitesurf allo Stagnone, ma bisogna tenere presente che quest’ultimo occupa solo il 7% dell’intera estensione della laguna, chiamata “Laguna dello Stagnone,” la più estesa della Sicilia, con oltre duemila ettari.

Pertanto, occorre prestare attenzione a notizie che ritengono il kitesurf una minaccia per la flora e la fauna locali, poiché questa attività occupa solo una piccola parte della laguna e non crea problemi per nessun tipo di uccello o forma di flora e fauna locale. Inoltre, i vari centri kite utilizzano esclusivamente materiali sostenibili, sensibilizzando anche i principianti sull’uso corretto dei materiali.

Il kitesurf è uno sport ecosostenibile riconosciuto in tutto il mondo, poiché non utilizza materiali dannosi per l’ambiente, come attrezzature a scoppio o attrezzature elettriche, e quindi non può compromettere la fauna locale.

Stagnone kitesurf

Inoltre, l’area dedicata al kitesurf nello Stagnone di Marsala è uno dei pochi territori in Italia dove è possibile praticare questo sport, poiché i terreni utilizzati sono legalmente e legittimamente autorizzati, essendo terreni privati. Di conseguenza, lo Stato e la governance non possono e non devono creare disagi, poiché non si tratta di demanio marittimo.

Già nel 2005-2006,” racconta il presidente dell’Associazione Kitesurf Italiana Antonio Gaudini, “il centro kite ha bonificato e rimosso una ingente quantità di rifiuti, tra cui soprattutto barche affondate e pezzi di ferro di svariate dimensioni, che erano presenti nella laguna. Questa bonifica ha permesso ai kiters di praticare le loro attività in sicurezza e ha offerto un ambiente più salubre e sereno alla fauna locale. Inoltre, il kitesurf ha reso la città di Marsala un bacino di utenza turistica, generando entrate economiche significative per il Comune, che ha potuto sviluppare servizi a favore degli abitanti della città, cosa che prima non era possibile.”

La presenza di piattaforme di cemento prima dell’opera di bonifica

Il kitesurf ha a cuore la natura

Insomma, è sempre bello ascoltare la voce di chi ha a cuore la splendida Laguna dello Stagnone di Marsala, sia chi pratica il kitesurf sia chi ama la natura in generale e desidera preservarla.

Chi pratica il kitesurf non causa alcun problema alla fauna e alla flora locali, poiché il centro kite occupa solo una minima porzione del territorio, circa il 7%, che viene curata con molta attenzione sia per motivi di sicurezza per chi pratica lo sport, sia per amore e rispetto per l’ambiente.

I kiters sono solitamente i primi ad amare e a preoccuparsi per l’ambiente, poiché questo sport spinge proprio a vivere in simbiosi con la natura, e la nostra comunità è sempre aperta al dialogo, cercando la migliore soluzione per ogni situazione.

Kitesurf stagnone riserva naturale

Altre News


Share:

Stai cercando un KiteCamp?



E' Successo Oggi