18 Agosto 2023

Share:

Bruna Kajiya conquista la seconda corona

di: Editore

L’atleta brasiliana trionfa nella difficile finale in Francia dopo che la campionessa mondiale in carica si è ritirata per infortunio

La gara maschile avanza alle semifinali dopo battaglie stellari in condizioni quasi perfette a Dunkerque

Coppa del Mondo di Kite Freestyle GKA Dunkerque, Francia 2023
Piazza del Centenario, 16-20 agosto

La brasiliana Bruna Kajiya ha vinto la sua seconda corona dell’anno alla terza tappa del tour, la GKA Freestyle Kite World Cup France a Dunkerque, dopo una performance quasi impeccabile che l’ha spinta a superare il forte campo di gara.

https://youtu.be/fmU4bGcGBzo

Kajiya, a 36, al Qatar Airways GKA Kite World Tour, si è goduta la vittoria anche nelle condizioni difficili, che le ha permesso di ottenere due tappe su tre, la prossima delle quali nelle acque di casa, in Brasile.

Sono felicissima“, ha detto Kajiya. “Ho lavorato duramente per questo risultato, quindi significa molto per me. Ero molto sicura di me e questo è un passo importante per me in quest’ultimo anno. La gara è andata molto bene. Non pensavo fosse così difficile. Non ero superpotente; è stato un po’ difficile, ma ci siamo allenati per questo.

“Non vedo l’ora di partecipare alla prossima edizione, perché è nel mio Paese. Rappresenterò la mia bandiera. È un sogno per ogni atleta. Sono emozionato. Il titolo è sempre nella mia mente, fin dall’inizio dell’anno. Ho lavorato per questo“.

Il secondo giorno della Coppa del Mondo di freestyle a Dunkerque, dove la GKA fa la sua prima apparizione, è iniziato con una brezza da nord-est che ha dato ai 24 uomini e alle 10 donne provenienti da 11 nazioni la prima possibilità di combattere nei kicker del Mare del Nord.

Man mano che gli uomini si facevano strada, le manche a tre e a quattro uomini diventavano sempre più intense. Hanno dato vita ad alcune performance a sorpresa e ad alcune perdite inaspettate di grandi nomi che sono usciti presto di scena.

Errore tattico

https://youtu.be/fmU4bGcGBzo

Una delle storie più importanti della giornata è stato l’arrivo sulla scena del giapponese Hironobu Nakano, 29 anni, alla sua prima gara GKA. Ha raggiunto i quarti di finale con una vittoria al primo turno, sconfiggendo l’ex campione del mondo Valentin Rodriguez (COL).

Nei quarti di finale il giapponese ha ottenuto il punteggio totale di manche più alto, ma ha commesso un errore tattico, non avendo spuntato le varie famiglie di trick nei suoi quattro punteggi di conteggio. Questo ha fatto sì che venisse battuto dai suoi avversari.

Le condizioni erano piuttosto difficili ed ero piuttosto nervoso“, ha detto Nakano. “Ma ero felice quando ho realizzato le mie figure. Questa è la mia prima gara e non sapevo cosa aspettarmi. Ma sono contento. È fantastico“.

Il francese Arthur Guillebert, ex campione del mondo di freestyle, ha esordito in modo tranquillo, vincendo la prima manche davanti ai suoi tifosi. Ma nei quarti di finale ha messo il piede sull’acceleratore e ha accumulato un grande punteggio di manche, 31,97 su 40 possibili, che comprendeva un 8,67 di Heart Attack e un 8,40 di 313 to Blind.

Un altro francese, Valentin Garat, al ritorno da un infortunio, non è stato altrettanto esplosivo. Ma ha lottato fino ai quarti di finale, dove la sua vittoria gli ha assicurato un posto nelle prossime semifinali. Il connazionale Louka Pitot, terzo classificato, non è stato altrettanto fortunato e ha concluso la sua corsa ai quarti di finale.

L’egiziano Karim Mahmoud ha iniziato alla grande la prima manche della giornata, che lo ha portato dritto ai quarti di finale. Ha vinto quella manche con un punteggio totale di 25,33 che comprendeva 7,13 per un Backside 3 che ha mandato a casa Valentin Rodriguez.

Il campione del mondo è fuori

https://youtu.be/fmU4bGcGBzo

Un’altra nota di merito è stata quella dello svizzero Maxime Chabloz, che ha vinto la sua manche di apertura con un Heart Attack da 8,67 per accedere ai quarti di finale, dove è stato assolutamente inarrestabile. Ha concluso la manche con un totale di 31,17 che comprendeva un 8,37 per un Back Mobe 7. Questo gli è valso l’accesso alla semifinale, insieme al campione del mondo in carica Gianmaria Coccoluto, che ha chiuso a pochi punti di distanza.

La gara maschile è in perfetta sintonia con le due semifinali a quattro, che si svolgeranno quando le condizioni lo permetteranno. Il tentativo di disputare una semifinale è fallito quando il vento è calato ed è stato abbandonato.

La gara femminile è andata meglio, anche se la campionessa mondiale in carica Mikaili Sol, 18 anni, è stata costretta a ritirarsi per un infortunio al ginocchio che si era procurata prima di arrivare in Francia. Sol ha scelto di giocare sul sicuro e di prendere Dunkerque come scarto, disponibile nel tour di cinque tappe.

Con solo nove donne in gara, la competizione ha raggiunto rapidamente le semifinali, dove Bruna Kajiya ha continuato a mostrare la sua forma elettrizzante. Ha dominato con un totale di 25,50 che includeva un 8,03 per un KGB, anche se la spagnola Claudia Léon ha fatto abbastanza per assicurarsi un posto in finale.

Nell’altra semifinale, la danese Therese Taabbel ha vinto la manche per accedere alla finale insieme all’italiana Francesca Bagnoli, che rientrava da un infortunio dopo diversi anni.

“Dolce amaro”

https://youtu.be/fmU4bGcGBzo

La finale, che si è svolta in tarda serata mentre la brezza stava calando, ha suscitato un certo dibattito prima che le donne decidessero di andare avanti per assicurarsi un risultato.

È stata una gara tesa, con le donne che hanno utilizzato i loro aquiloni più grandi da 13 m2. Con la brezza che vacillava, Kajiya non è stata così sicura come nelle manche precedenti, anche se ha messo a tabellone punteggi solidi e ha aperto con un 6,13 per uno Slim che ha messo sotto pressione le avversarie.

Un tardivo 7,47 per un KGB ha dato il colpo di grazia a Kajiya e le ha dato il via libera per la vittoria. Solo Léon ha avuto delle risposte, ottenendo dei punteggi solidi, tra cui un 5,68 per un Pete Rose, che le ha permesso di finire a due punti di distanza dalla classifica.

Sono molto, molto felice del mio secondo posto”, ha detto Léon. “Ho fatto del mio meglio, quindi sono davvero molto felice. È un po’ amaro in realtà, perché le condizioni della finale erano un po’ difficili, ma abbiamo fatto quello che potevamo. Sicuramente lavorerò sodo fino alla fine dell’anno“.

La Bagnoli è soddisfatta del suo terzo podio, ottenuto solo alla seconda gara dopo il rientro dall’infortunio.

Sono felicissima“, ha detto. “Per me è incredibile perché sono stata fuori dalle competizioni per tre anni e mezzo ed è fantastico tornare sul podio. Non è stata la mia migliore manche. Ero su un [kite] di 11m2 e stavo correndo sulla spiaggia per rientrare nel box. Ma sono felice“.

Risultati della GKA Freestyle Kite World Cup Dunkerque 2023

1 Bruna Kajiya (BRA)
2 Claudia Léon (ESP)
3 Francesca Bagnoli (ITA)
4 Therese Taabbel (DEN)

https://youtu.be/fmU4bGcGBzo
https://youtu.be/fmU4bGcGBzo

Testo in inglese: Ian MacKinnon
Foto: Samuel Cárdenas

Guarda altre News

Kite Fest Guajira 2024: Competizioni, Esibizioni, Fiera Commerciale…

Il Kite Fest Guajira 2024 sta per iniziare e promette di essere una settimana piena di emozioni, novità e divertimento

Eleveight – Come installare i cuscinetti e le…

Seago è stato progettato per garantire un comfort superiore, con zero punti duri e una vestibilità ergonomica per assi

Ruben Lenten: Superare il Cancro e Spingere i…

In un recente episodio del podcast WOW, condotto da Liam Whaley, Ruben condivide il suo incredibile viaggio

Il Campionato Kite Park League in Sicilia 2024…

Con grande rammarico, siamo costretti a condividere che l'evento 2024 del Kite Park League in Sicilia è stato rinviato

Hebert Hernández e la Sfida Epica: 120 Km…

Hebert Hernández e la Sua Epica Traversata: 120 Km di Kitesurf da Margarita a Lechería

Viana do Castelo Incoronata con un Epico Campionato…

Lo scorso fine settimana, Viana do Castelo è diventata l'epicentro dell'emozione e dell'adrenalina con la celebrazione

La Corsa ai Titoli Mondiali di Big Air…

I leader nella corsa ai titoli mondiali di Big Air, il duo olandese composto da Jamie Overbeek e Pippa van Iersel, sono

WINGFOIL: Nia Suardiaz e Mathis Ghio Trionfano al…

Nia Suardiaz, a soli 17 anni, ha lasciato tutti a bocca aperta dominando la competizione femminile dall'inizio alla fine

La Storia di Zé Luiz: Dal Kitesurf Casalingo…

José Luis, conosciuto su Instagram come @jluis123jef e noto come Zé Luiz, ci ha sorpreso con un video straordinario in

Il GKA Annuncia un Ambizioso Nuovo Piano per…

Dal 29 agosto al 1 settembre, Dunkerque sarà il teatro di un'iniziativa rivoluzionaria nel mondo del kitesurf, promossa

Jamie Overbeek: La Prima Grande Vittoria di un…

Il kitesurfer olandese Jamie Overbeek ha conquistato la sua prima grande vittoria al GKA Lords of Tram in Francia

Pippa van Iersel: Un Ritorno Vincente nel Mondo…

La kitesurfer olandese Pippa van Iersel ha trionfato nella tappa inaugurale del Qatar Airways GKA Big Air Kite World Cha

VIDEO: Big Air alla Laguna “in una giornata…

Jamie Overbeek è stato attirato da una previsione promettente che è andata completamente storta, ma la laguna ha fatto

Jeremy Burlando Trionfa al Full Power Tarifa 2024

Il Full Power Tarifa 2024, prestigiosa competizione di Big Air organizzata annualmente in Spagna sul rinomato spot di Ba

Cécilia Rastello: Un Talento Emergente nel Circuito Engie…

Cécilia Rastello, partecipante al circuito Engie Kite Tour dalla stagione 2023, è stata recentemente celebrata dalla F

Formula Kite World Championship: Poema Newland Ritrova la…

Dopo un inizio disastroso nella giornata di apertura del Campionato del Mondo Formula Kite a Hyères, Poema Newland

I Migliori Luoghi per il Kitesurf in Colombia

Ciao kiters e wingfoilers! Oggi esploreremo i migliori spot per il kitesurf in Colombia, una terra ricca di bellezze nat

GKA svela un nuovo piano ambizioso per il…

Il GKA sta lanciando una nuova iniziativa importante nel kitesurf, che comprende una gara ProAm e opportunità di test d

Tutto sulla “Ford Kitegirl Day” 2024 a PUPUYA

Incontro femminile di kitesurf: Constanza Ulloa ha vinto la "Ford Kitegirl Day" 2024, che si è svolta per la prima volt

Risultati del FULL POWER Tarifa 2024

Quest'anno, senza cancellazioni, grazie al levante di Tarifa e con un grande spettacolo dei migliori rider del mondo, co

WINGFOIL: Prima Tappa della Spain WingFoil League Chiclana…

La prima tappa della stagione della Spain WingFoil League ci ha regalato giorni epici di sole, vento e competizione.

Nia Suardíaz: La Regina del Wingfoil Conquista Tarifa…

Nia Suardíaz, la prodigiosa campionessa mondiale di Wingfoil, ha di nuovo lasciato il segno nelle acque di Valdevaquero

Conto alla rovescia per i Campionati del Mondo…

I Campionati del Mondo di Kitefoil 2024 apriranno sabato 11 maggio a Hyères, sulla spiaggia dei Vieux Salins.

Rodrigues International Kitesurf Festival 2024: Oswald Smith sarà…

Dopo Jalou Langeree (madrina) e Louka Pitot (padrino) dello scorso anno, l'edizione 2024 del Rodrigues International Kit

Focus sull’Engie Youth Academie, con Antoine Weiss e…

Il programma dell'Engie Youth Academie, esistente dal 2023, si propone di trasmettere ai rider le basi fondamentali per

VIDEO: ELEVEIGHT – Poetry in Flight

In una splendida giornata in Francia, tutto sembrava andare al suo posto. Proprio quando il vento di Tramontana ha inizi

La Emozionante Copa Calima Pescao II Regata in…

La Copa Calima Pescao II Regata si è conclusa in Colombia, e i risultati sono impressionanti nelle gare che si sono sv

Ultimi Biglietti per i Giochi Olimpici di Parigi…

Connor Bainbridge della Gran Bretagna e Elena Lengwiler della Svizzera hanno dominato l'Ultima Regata di Qualificazione

Bruna Kajiya conquista la seconda corona

di: Editore

L’atleta brasiliana trionfa nella difficile finale in Francia dopo che la campionessa mondiale in carica si è ritirata per infortunio

La gara maschile avanza alle semifinali dopo battaglie stellari in condizioni quasi perfette a Dunkerque

Coppa del Mondo di Kite Freestyle GKA Dunkerque, Francia 2023
Piazza del Centenario, 16-20 agosto

La brasiliana Bruna Kajiya ha vinto la sua seconda corona dell’anno alla terza tappa del tour, la GKA Freestyle Kite World Cup France a Dunkerque, dopo una performance quasi impeccabile che l’ha spinta a superare il forte campo di gara.

https://youtu.be/fmU4bGcGBzo

Kajiya, a 36, al Qatar Airways GKA Kite World Tour, si è goduta la vittoria anche nelle condizioni difficili, che le ha permesso di ottenere due tappe su tre, la prossima delle quali nelle acque di casa, in Brasile.

Sono felicissima“, ha detto Kajiya. “Ho lavorato duramente per questo risultato, quindi significa molto per me. Ero molto sicura di me e questo è un passo importante per me in quest’ultimo anno. La gara è andata molto bene. Non pensavo fosse così difficile. Non ero superpotente; è stato un po’ difficile, ma ci siamo allenati per questo.

“Non vedo l’ora di partecipare alla prossima edizione, perché è nel mio Paese. Rappresenterò la mia bandiera. È un sogno per ogni atleta. Sono emozionato. Il titolo è sempre nella mia mente, fin dall’inizio dell’anno. Ho lavorato per questo“.

Il secondo giorno della Coppa del Mondo di freestyle a Dunkerque, dove la GKA fa la sua prima apparizione, è iniziato con una brezza da nord-est che ha dato ai 24 uomini e alle 10 donne provenienti da 11 nazioni la prima possibilità di combattere nei kicker del Mare del Nord.

Man mano che gli uomini si facevano strada, le manche a tre e a quattro uomini diventavano sempre più intense. Hanno dato vita ad alcune performance a sorpresa e ad alcune perdite inaspettate di grandi nomi che sono usciti presto di scena.

Errore tattico

https://youtu.be/fmU4bGcGBzo

Una delle storie più importanti della giornata è stato l’arrivo sulla scena del giapponese Hironobu Nakano, 29 anni, alla sua prima gara GKA. Ha raggiunto i quarti di finale con una vittoria al primo turno, sconfiggendo l’ex campione del mondo Valentin Rodriguez (COL).

Nei quarti di finale il giapponese ha ottenuto il punteggio totale di manche più alto, ma ha commesso un errore tattico, non avendo spuntato le varie famiglie di trick nei suoi quattro punteggi di conteggio. Questo ha fatto sì che venisse battuto dai suoi avversari.

Le condizioni erano piuttosto difficili ed ero piuttosto nervoso“, ha detto Nakano. “Ma ero felice quando ho realizzato le mie figure. Questa è la mia prima gara e non sapevo cosa aspettarmi. Ma sono contento. È fantastico“.

Il francese Arthur Guillebert, ex campione del mondo di freestyle, ha esordito in modo tranquillo, vincendo la prima manche davanti ai suoi tifosi. Ma nei quarti di finale ha messo il piede sull’acceleratore e ha accumulato un grande punteggio di manche, 31,97 su 40 possibili, che comprendeva un 8,67 di Heart Attack e un 8,40 di 313 to Blind.

Un altro francese, Valentin Garat, al ritorno da un infortunio, non è stato altrettanto esplosivo. Ma ha lottato fino ai quarti di finale, dove la sua vittoria gli ha assicurato un posto nelle prossime semifinali. Il connazionale Louka Pitot, terzo classificato, non è stato altrettanto fortunato e ha concluso la sua corsa ai quarti di finale.

L’egiziano Karim Mahmoud ha iniziato alla grande la prima manche della giornata, che lo ha portato dritto ai quarti di finale. Ha vinto quella manche con un punteggio totale di 25,33 che comprendeva 7,13 per un Backside 3 che ha mandato a casa Valentin Rodriguez.

Il campione del mondo è fuori

https://youtu.be/fmU4bGcGBzo

Un’altra nota di merito è stata quella dello svizzero Maxime Chabloz, che ha vinto la sua manche di apertura con un Heart Attack da 8,67 per accedere ai quarti di finale, dove è stato assolutamente inarrestabile. Ha concluso la manche con un totale di 31,17 che comprendeva un 8,37 per un Back Mobe 7. Questo gli è valso l’accesso alla semifinale, insieme al campione del mondo in carica Gianmaria Coccoluto, che ha chiuso a pochi punti di distanza.

La gara maschile è in perfetta sintonia con le due semifinali a quattro, che si svolgeranno quando le condizioni lo permetteranno. Il tentativo di disputare una semifinale è fallito quando il vento è calato ed è stato abbandonato.

La gara femminile è andata meglio, anche se la campionessa mondiale in carica Mikaili Sol, 18 anni, è stata costretta a ritirarsi per un infortunio al ginocchio che si era procurata prima di arrivare in Francia. Sol ha scelto di giocare sul sicuro e di prendere Dunkerque come scarto, disponibile nel tour di cinque tappe.

Con solo nove donne in gara, la competizione ha raggiunto rapidamente le semifinali, dove Bruna Kajiya ha continuato a mostrare la sua forma elettrizzante. Ha dominato con un totale di 25,50 che includeva un 8,03 per un KGB, anche se la spagnola Claudia Léon ha fatto abbastanza per assicurarsi un posto in finale.

Nell’altra semifinale, la danese Therese Taabbel ha vinto la manche per accedere alla finale insieme all’italiana Francesca Bagnoli, che rientrava da un infortunio dopo diversi anni.

“Dolce amaro”

https://youtu.be/fmU4bGcGBzo

La finale, che si è svolta in tarda serata mentre la brezza stava calando, ha suscitato un certo dibattito prima che le donne decidessero di andare avanti per assicurarsi un risultato.

È stata una gara tesa, con le donne che hanno utilizzato i loro aquiloni più grandi da 13 m2. Con la brezza che vacillava, Kajiya non è stata così sicura come nelle manche precedenti, anche se ha messo a tabellone punteggi solidi e ha aperto con un 6,13 per uno Slim che ha messo sotto pressione le avversarie.

Un tardivo 7,47 per un KGB ha dato il colpo di grazia a Kajiya e le ha dato il via libera per la vittoria. Solo Léon ha avuto delle risposte, ottenendo dei punteggi solidi, tra cui un 5,68 per un Pete Rose, che le ha permesso di finire a due punti di distanza dalla classifica.

Sono molto, molto felice del mio secondo posto”, ha detto Léon. “Ho fatto del mio meglio, quindi sono davvero molto felice. È un po’ amaro in realtà, perché le condizioni della finale erano un po’ difficili, ma abbiamo fatto quello che potevamo. Sicuramente lavorerò sodo fino alla fine dell’anno“.

La Bagnoli è soddisfatta del suo terzo podio, ottenuto solo alla seconda gara dopo il rientro dall’infortunio.

Sono felicissima“, ha detto. “Per me è incredibile perché sono stata fuori dalle competizioni per tre anni e mezzo ed è fantastico tornare sul podio. Non è stata la mia migliore manche. Ero su un [kite] di 11m2 e stavo correndo sulla spiaggia per rientrare nel box. Ma sono felice“.

Risultati della GKA Freestyle Kite World Cup Dunkerque 2023

1 Bruna Kajiya (BRA)
2 Claudia Léon (ESP)
3 Francesca Bagnoli (ITA)
4 Therese Taabbel (DEN)

https://youtu.be/fmU4bGcGBzo
https://youtu.be/fmU4bGcGBzo

Testo in inglese: Ian MacKinnon
Foto: Samuel Cárdenas

Altre News


Share:

Stai cercando un KiteCamp?



E' Successo Oggi