24 Maggio 2023

Share:

Polizia Forestale svela un camping abusivo di appassionati di kitesurf a Sant’Antioco

di: Editore

Sant’Antioco, un’incursione della Polizia Forestale svela un campeggio abusivo all’interno di un’azienda agricola, utilizzato dagli appassionati di kitesurf. L’operazione, che ha coinvolto anche l’impiego dei droni, ha portato alla multa di tutti i campeggiatori abusivi, in gran parte stranieri.

area del campeggio abusivo

Con l’avvicinarsi della stagione balneare, le autorità intensificano i servizi di prevenzione e repressione del fenomeno del campeggio abusivo nel territorio regionale. Recentemente, la Stazione Forestale di Sant’Antioco, in collaborazione con il Nucleo Investigativo di Polizia Forestale di Iglesias, ha condotto diverse operazioni nelle zone di San Giovanni Suergiu, dove il turismo camperistico, soprattutto legato al kitesurf, aumenta con l’arrivo del bel tempo.

In particolare, la zona costiera di San Giovanni Suergiu, di fronte alla laguna di Sant’Antioco, diventa una meta molto popolare per gli appassionati di kitesurf, attratti dalle numerose giornate ventose che caratterizzano l’area e favoriscono la pratica di questo sport.

Sfruttando l’ausilio dei droni per il controllo del territorio, il personale forestale ha individuato un’area all’interno di un’azienda agricola in cui si svolgeva un’attività di campeggio in modo completamente abusivo.

Il servizio ha portato all’emissione di nove sanzioni amministrative per violazioni della legislazione regionale in materia di turismo (LR n. 16/2017) nei confronti dei campeggiatori abusivi. Anche il gestore dell’area è soggetto a sanzioni amministrative.

La LR n. 16/2017, che regolamenta il settore del turismo, prevede sanzioni fino a un massimo di 250 euro per chi viola il divieto di campeggio, con una duplicazione dell’importo in caso di recidiva.

Questa operazione dimostra l’impegno delle autorità nel contrastare il campeggio abusivo e tutelare l’ambiente naturale. L’abusivo utilizzo delle aree agricole per scopi turistici danneggia non solo il paesaggio, ma anche l’attività agricola stessa. Il messaggio è chiaro: il rispetto delle leggi e delle normative è fondamentale per preservare le bellezze naturali delle nostre località e garantire un turismo sostenibile.

È importante che tutti i praticanti del kitesurf, sia residenti che visitatori, si informino sulle aree designate e le regole locali per la pratica sicura di questo sport. Il rispetto delle norme e l’uso responsabile delle risorse naturali contribuiranno a preservare la bellezza delle nostre coste e a mantenere un equilibrio tra turismo e ambiente.

Fonte: castedduonline.it

Guarda altre News

Full Power 2024: Il Grande Evento del Kitesurf…

L'emozione è nell'aria mentre ci prepariamo per il Full Power 2024, il prossimo grande evento del kitesurf che si terr

Big Air: giovani leve sempre più giovani

Il Lords of Tram GKA Big Air Kite World Cup è pronto a iniziare con il line-up più giovane di sempre, riflesso dell'es

Tom Court: Un’Epica Avventura di Kitesurf Britannica

In questa avvincente video, immergetevi nell'entusiasmante mondo del kitesurf con Tom Court in "Hike and Kite' Back Coun

Oswald Smith: Il Nuovo Prodigio del Kitesurf con…

È ufficiale! North Kiteboarding presenta l'ultimo arrivo nella sua squadra internazionale: Oswald Smith, meglio conosci

Brasile: Intensa Passione per il Foil Trip

Quando si parla del Brasile, la parola "passione" assume tutto il suo significato. Ed è proprio questa passione che ha

British Kitesurfing Association dice la sua sulle olimpiadi

La British Kitesurfing Association (BKSA) ha lavorato a stretto contatto con la Royal Yachting Association (RYA), gli or

La Kite Park League e la sua Missione

Il 2024 si apre con uno spettacolo mozzafiato nel mondo del kitesurf, grazie alla Kite Park League (KPL) che ha dato il

Trionfale Ritorno di Liam Whaley sulle Onde

Dopo una lunga assenza dovuta a un infortunio, Liam Whaley è finalmente tornato al kitesurf, regalando ai suoi fan un m

Polizia Forestale svela un camping abusivo di appassionati di kitesurf a Sant’Antioco

di: Editore

Sant’Antioco, un’incursione della Polizia Forestale svela un campeggio abusivo all’interno di un’azienda agricola, utilizzato dagli appassionati di kitesurf. L’operazione, che ha coinvolto anche l’impiego dei droni, ha portato alla multa di tutti i campeggiatori abusivi, in gran parte stranieri.

area del campeggio abusivo

Con l’avvicinarsi della stagione balneare, le autorità intensificano i servizi di prevenzione e repressione del fenomeno del campeggio abusivo nel territorio regionale. Recentemente, la Stazione Forestale di Sant’Antioco, in collaborazione con il Nucleo Investigativo di Polizia Forestale di Iglesias, ha condotto diverse operazioni nelle zone di San Giovanni Suergiu, dove il turismo camperistico, soprattutto legato al kitesurf, aumenta con l’arrivo del bel tempo.

In particolare, la zona costiera di San Giovanni Suergiu, di fronte alla laguna di Sant’Antioco, diventa una meta molto popolare per gli appassionati di kitesurf, attratti dalle numerose giornate ventose che caratterizzano l’area e favoriscono la pratica di questo sport.

Sfruttando l’ausilio dei droni per il controllo del territorio, il personale forestale ha individuato un’area all’interno di un’azienda agricola in cui si svolgeva un’attività di campeggio in modo completamente abusivo.

Il servizio ha portato all’emissione di nove sanzioni amministrative per violazioni della legislazione regionale in materia di turismo (LR n. 16/2017) nei confronti dei campeggiatori abusivi. Anche il gestore dell’area è soggetto a sanzioni amministrative.

La LR n. 16/2017, che regolamenta il settore del turismo, prevede sanzioni fino a un massimo di 250 euro per chi viola il divieto di campeggio, con una duplicazione dell’importo in caso di recidiva.

Questa operazione dimostra l’impegno delle autorità nel contrastare il campeggio abusivo e tutelare l’ambiente naturale. L’abusivo utilizzo delle aree agricole per scopi turistici danneggia non solo il paesaggio, ma anche l’attività agricola stessa. Il messaggio è chiaro: il rispetto delle leggi e delle normative è fondamentale per preservare le bellezze naturali delle nostre località e garantire un turismo sostenibile.

È importante che tutti i praticanti del kitesurf, sia residenti che visitatori, si informino sulle aree designate e le regole locali per la pratica sicura di questo sport. Il rispetto delle norme e l’uso responsabile delle risorse naturali contribuiranno a preservare la bellezza delle nostre coste e a mantenere un equilibrio tra turismo e ambiente.

Fonte: castedduonline.it

Altre News


Share:

Ti potrebbe interessare anche


Stai cercando un KiteCamp?



E' Successo Oggi