7 Luglio 2010

Share:

Blitz contro i kitesurf

di: Redazione Kitesurfing

MARINA DI GROSSETO. Un vero e proprio blitz ha interessato ieri la spiaggia di ponente di Marina di Grosseto, a Fiumara. La guardia costiera della Capitaneria di porto con il comandante Luca Di Marino, i carabinieri e i vigili urbani, hanno effettuato una massiccia operazione di sicurezza della balneazione, controllando decine di Kite-surfers, in località le Marze al chilometro 28.E i verbali sono fioccati a ripetizione, con multe anche salate: 14 contravvenzioni da 172 euro, per la violazione dell’ordinanza di riferimento, emanata dall’Ufficio Circondariale Marittimo di Porto Santo Stefano. E ancora una contravvenzione da 1032 euro, a carico di una scuola/associazione sportiva che operava senza il prescritto corridoio di lancio per i natanti, oltre a 10 contravvenzioni da 200 euro per occupazione di suolo demaniale marittimo con auto/moto. Insomma i militari hanno avuto da lavorare e non sono mancate le proteste. La zona, meta preferita dagli sportivi amanti del kitesurf, è frequentata anche da numerosissimi bagnanti. Spesso, le manovre azzardate, ed il mancato rispetto delle ordinanze di sicurezza, costituiscono pericolo per questi ultimi. Le numerose segnalazioni pervenute da parte dei bagnanti che frequentano le zone suddette, spesso pericolosamente promiscui con i suddetti surfisti, hanno indotto le forze di Polizia ad organizzare una task force di controllo. E di buona lena l’intervento è andato avanti per ore. Già da giorni le lamentele tramite telefonate e segnalazioni stavano arrivando a tutte le forze dell’ordine. Dopo alcune riunioni si è deciso così di intervenire e dare un giro di vite. Purtroppo le decisioni prese faranno sicuramente discutere, ma la zona di Fiumara rappresenta in un certo modo una “terra di nessuno”. La moda del kite surf in Maremma si è diffusa negli ultimi anni, a discapito magari del wind surf. I kite-surfisti vengono visti dai bagnanti come un pericolo, sia per l’alta velocità che possono raggiungere le tavole sospinte dalla vela, sia per il fatto che alcuni non rispettano le normali procedure di sicurezza, considerando il mare un loro esclusivo territorio.

Non è la prima volta che una task force del genere viene organizzata, ma in questa occasione l’obbiettivo era mirato. Una soluzione al problema dovrà comunque essere trovata, nel più breve tempo possibile. C’è chi dice che si potrebbe organizzare un pezzo di litorale esclusivamente per i kite-surfisti, in modo da distinguere bene le zone di accesso e i corridoio in mare. Dalla capitaneria assicurano che quello di ieri è stato solo il primo controllo a tappeto e che in futuro si susseguiranno lungo tutto il litorale nel periodo di maggiore frequentazione di afflusso di turisti e bagnanti, altre iniziative del genere, per salvaguardare la sicurezza della balneazione.

Clicca su more info per entrare nell’articolo ufficiale

Guarda altre News

Nia Suardíaz: La Regina del Wingfoil Conquista Tarifa…

Nia Suardíaz, la prodigiosa campionessa mondiale di Wingfoil, ha di nuovo lasciato il segno nelle acque di Valdevaquero

Conto alla rovescia per i Campionati del Mondo…

I Campionati del Mondo di Kitefoil 2024 apriranno sabato 11 maggio a Hyères, sulla spiaggia dei Vieux Salins.

Rodrigues International Kitesurf Festival 2024: Oswald Smith sarà…

Dopo Jalou Langeree (madrina) e Louka Pitot (padrino) dello scorso anno, l'edizione 2024 del Rodrigues International Kit

Focus sull’Engie Youth Academie, con Antoine Weiss e…

Il programma dell'Engie Youth Academie, esistente dal 2023, si propone di trasmettere ai rider le basi fondamentali per

VIDEO: ELEVEIGHT – Poetry in Flight

In una splendida giornata in Francia, tutto sembrava andare al suo posto. Proprio quando il vento di Tramontana ha inizi

La Emozionante Copa Calima Pescao II Regata in…

La Copa Calima Pescao II Regata si è conclusa in Colombia, e i risultati sono impressionanti nelle gare che si sono sv

Ultimi Biglietti per i Giochi Olimpici di Parigi…

Connor Bainbridge della Gran Bretagna e Elena Lengwiler della Svizzera hanno dominato l'Ultima Regata di Qualificazione

DÉFI KITE 2024: oggi un epico evento in…

Il Défi Kite 2024, giunto alla sua 10ª edizione, aprirà i battenti questo venerdì 3 maggio sul mitico spot di Gruiss

WINGFOIL: Annuncio del V Tarifa Wing Pro dal…

I migliori rider del mondo si daranno appuntamento questo fine settimana al V Tarifa Wing Pro.

GR8STONE BIG AIR: Un Weekend di Emozioni Forti

La stagione competitiva di aprile 2024 è iniziata con un titolo adatto: "Il Big Air Comp"

Blitz contro i kitesurf

di: Redazione Kitesurfing

MARINA DI GROSSETO. Un vero e proprio blitz ha interessato ieri la spiaggia di ponente di Marina di Grosseto, a Fiumara. La guardia costiera della Capitaneria di porto con il comandante Luca Di Marino, i carabinieri e i vigili urbani, hanno effettuato una massiccia operazione di sicurezza della balneazione, controllando decine di Kite-surfers, in località le Marze al chilometro 28.E i verbali sono fioccati a ripetizione, con multe anche salate: 14 contravvenzioni da 172 euro, per la violazione dell’ordinanza di riferimento, emanata dall’Ufficio Circondariale Marittimo di Porto Santo Stefano. E ancora una contravvenzione da 1032 euro, a carico di una scuola/associazione sportiva che operava senza il prescritto corridoio di lancio per i natanti, oltre a 10 contravvenzioni da 200 euro per occupazione di suolo demaniale marittimo con auto/moto. Insomma i militari hanno avuto da lavorare e non sono mancate le proteste. La zona, meta preferita dagli sportivi amanti del kitesurf, è frequentata anche da numerosissimi bagnanti. Spesso, le manovre azzardate, ed il mancato rispetto delle ordinanze di sicurezza, costituiscono pericolo per questi ultimi. Le numerose segnalazioni pervenute da parte dei bagnanti che frequentano le zone suddette, spesso pericolosamente promiscui con i suddetti surfisti, hanno indotto le forze di Polizia ad organizzare una task force di controllo. E di buona lena l’intervento è andato avanti per ore. Già da giorni le lamentele tramite telefonate e segnalazioni stavano arrivando a tutte le forze dell’ordine. Dopo alcune riunioni si è deciso così di intervenire e dare un giro di vite. Purtroppo le decisioni prese faranno sicuramente discutere, ma la zona di Fiumara rappresenta in un certo modo una “terra di nessuno”. La moda del kite surf in Maremma si è diffusa negli ultimi anni, a discapito magari del wind surf. I kite-surfisti vengono visti dai bagnanti come un pericolo, sia per l’alta velocità che possono raggiungere le tavole sospinte dalla vela, sia per il fatto che alcuni non rispettano le normali procedure di sicurezza, considerando il mare un loro esclusivo territorio.

Non è la prima volta che una task force del genere viene organizzata, ma in questa occasione l’obbiettivo era mirato. Una soluzione al problema dovrà comunque essere trovata, nel più breve tempo possibile. C’è chi dice che si potrebbe organizzare un pezzo di litorale esclusivamente per i kite-surfisti, in modo da distinguere bene le zone di accesso e i corridoio in mare. Dalla capitaneria assicurano che quello di ieri è stato solo il primo controllo a tappeto e che in futuro si susseguiranno lungo tutto il litorale nel periodo di maggiore frequentazione di afflusso di turisti e bagnanti, altre iniziative del genere, per salvaguardare la sicurezza della balneazione.

Clicca su more info per entrare nell’articolo ufficiale

Altre News


 Tags: 

Share:

Ti potrebbe interessare anche


Stai cercando un KiteCamp?



E' Successo Oggi