Sicurezza innanzitutto
 
Siamo sinceri con noi stessi, un pó di pericolo in tutti gli sport dove si sfruttano gli elementi della natura è sempre presente.
Nel praticarlo abbiamo i nostri attimi di suspance e quindi bisogno di concentrazione, a questo si aggiunge il rischio quindi dobbiamo fare attenzione nel praticarlo in base alle nostre capacitá per raggiungere la massima soddisfazione o adrenalina nella pratica del nostro sport..
Il Kitesurf infatti non è affatto pericoloso se lo si impara presso una scuola seria e lo si pratica con coscienza e l´attrezzatura adatta.
 
Molto importante prima ancora di preparare il kite,, stendere i cavi ecc. è avere una buona informazione sia dello Spot da dove abbiamo deciso di uscire, e delle  condizioni Meteo.
Una scuola seria presterá attenzione anche a questo punto. Basti pensare che l´arrivo di una bassa pressione, nel caso un fronte di aria fredda sia anticipato da uno di aria calda, quest´ultimo cambiera improvvisamente l´intensitá del vento, a volte anche la direzione, con tutti i rischi che ne comporta. Quindi impariamo a leggere le carte metereologiche e non solo la previsione/pronostico della giornata.
 
La scelta dello Spot: bisogna fare molta attenzione non solo alle condizioni che avremmo in acqua, è molto importante anche avere spazio a terra ,verificare che sottovento non siano presenti ostacoli.
La direzione del Vento non deve mai portare al largo(off-shore), le condizioni ideali sono quando il vento risulta parallelo alla spiaggia, quindi di traverso (side-shore)  oppure leggermente di traverso ma tendente a venire verso riva (side-on-shore).
Bisogna aggiungere che naturalmente lo Spot dovrá anche rispecchiare le vostre capacitá , per esempio se il vento entra diretto verso spiaggia o sono presenti pietre o banchine. 
 
Controllo del materiale: prima di entrare in acqua, è molto importante che tutto sia in ordine,
Quando gonfiamo il kite leghiamo sempre il leash della pompa in modo che non voli via.
Dopo aver gonfiato il kite, esaminiamo se sono presenti dei piccolissimi tagli che porterebbero ad una costosa riparazione, anziché la semplice applicazione di dacron adesivo.
Facciamo molta attenzione quando agganciamo i cavi al kite. Spesso anche i piú esperti incorrono nell´errore di invertire i punti di aggancio “front/back-line”, questo pú comportare una reazione incontrollata del kite alla partenza con conseguenze da non sottovalutare (kiteloop incontrollati).
 
Lancio del kite: impotante che non vi siano persone od oggetti sottovento, nella direzione in cui stiamo facendo partire il kite. Il kite bisogna farlo partire sempre da bordo finestra e possibilmente in direzione del mare. Tirare un pó il depower e prima di dare l´ok, verificare di nuovo se i cavi sono in ordine ed il kite risponde bene alla barra. Tirate su il kite e allontanatevi dalla riva. Fatevi aiutare solo da persone capaci, non chiedete aiuto a passanti o inesperti.
Importante una mano sempre vicino alla sicurezza/sgancio indispensabile se il vento è sostenuto.
 
Regole di precedenza: sono importantissime bisogna impararle e rispettarle. Sono internazionali quindi non esiste il: ma secondo me è meglio cosí perché… si creerebbero solo confusioni e incidenti con coloro che le rispettano.
In caso di dubbio date la precedenza e alzate/abbassate il kite in base alla situazione.
I Kiter inesperti/principianti non hanno alcuna precedenza, anzi devono prestare il massimo dell´attenzione e sganciare subito in caso di pericolo onde evitare di coinvolgere gli altri. Per esempio un kiter sottovento non puó vedere che un principiante è in difficoltà e stá per avvolgerlo con i suoi cavi coi rischi che comporta.
Altresì i kiter esperti che fanno salti, devono essere in grado di valutare dove atterreranno in quanto chi è sottovento potrebbe cambiare mura/bordo e trovarsi inconsapevolmente in rotta di collisione.
Chi stá rientrando utilizzando il corridorio di lancio ha sempre precedenza su chi esce e bisogna subito aiutarlo a mettere giú il kite in quanto potrebbe avere anche un problema.
 
Se ci troviamo in vacanza o in uno spot nuovo per noi, chiediamo ai locals (assidui frequentatori del posto), a cosa dobbiamo fare attenzione e se ci sono regole particolari da rispettare.
Se abbiamo bevuto alcolici o assunto medicinali. È consigliabile evitare la pratica dello sport.
 
Ricordiamoci che il kitesurf è uno stile di vita oltre che uno sport, chi lo pratica è automaticamente un amico oltre che un collega, non facciamoci ingannare da alcune “pecore nere”, la maggior parte saranno sempre cordiali e pronti ad aiutarti, questo vale in qualsiasi parte del mondo ti trovi.