Kitesurf: quei pazzi per l’endurance

kitesurf endurance

 

Avventure

Kitesurf: quei pazzi per l'endurance

C'è nel mondo un gruppo ristretto di kiter che vanno oltre il semplice downwind di qualche ora che pure in molti appassionati praticano. Sono i patiti delle lunghe traversate no stop che mettono a dura prova corpo, mente e attrezzatura.

Quando si pensa al kitesurf, vengono subito in mente i bordi accelerati in planata, i salti acrobatici, le evoluzioni eleganti tra le onde. E già stiamo sul piano del godimento puro e di un senso di libertà non comuni che quando li hai provati non ne hai mai abbastanza. Chi poi ha dentro il fuoco dell'agone sportivo può sempre cimentarsi con l'attrezzatura race e i triangoli tra le boe oppure, aggiungendoci stomaco forte (nel senso dei chili) e piedi ultrafermi (nel senso della strap cazzate a ferro), con le prove di velocità sul filo dei 60 nodi.

Insomma ce n'è di che divertirsi, no? Mare, lago, oceani, spot di casa o spiaggie esotiche, ti metti la lycra o il mutino, gonfi il kite e ti spari tre ore in acqua. Esci, bevi una birra ghiacciata e se il vento tiene rientri per un'altra session, magari prendi il surfino perché la marea si sta alzando. Fine, una giornata simile per la maggior parte degli appassionati è, se non il paradiso, giusto un paio di fermate prima.

kitesurf news

Ecco, per alcuni kiter no. Parlo di coloro che nonostante l'attrezzatura da kitesurf sia la massima sintesi dello sport velico, un ala, un trapezio, una tavola, non si accontentano di stare lì, a due passi dalla costa; nemmeno gli bastano i classici downwind da uno spot all'altro. Loro vogliono andare al largo, lontano, superare l'orizzonte e macinare miglia finché gli reggono le gambe, i polmoni e i palmi della mani. In poche parole cercano l'avventura e dentro si sentono probabilmente più marinai che fanatici dell'adrenalina e in fondo hanno anche un pizzico di follia.

Sono i seguaci dell'endurance, una disciplina del kite che non è altro che la declinazione acquatica della maratona per chi corre, dell'ultraciclismo per chi va in bici o degli extreme trail per chi fa sci alpinismo. Prove di resistenza su lunghi percorsi no stop che mettono a dura prova i muscoli e soprattutto la testa e portano le attrezzature a condizioni limite. Nel kitesurf in particolare una prova di endurance vuol dire passare ore e ore nella stessa posizione, quasi sempre bagnati, avere difficoltà a bere e ad alimentarsi, orientarsi al largo, oltre che affrontare condizioni meteomarine e venti variabili che impongono scelte strategiche sui materiali da utilizzare.

kitesurf limit

Uno dei primi record di kitesurf endurance è stato nel 2006 quello messo a punto da una ragazza, la campionessa del mondo inglese Kirsty Jones. Il 13 maggio è partita da una spiaggia di Lanzarote (Canarie) e ha completato 121 miglia raggiungendo Tarfaya, in Marocco. Ha impiegato oltre 9 ore a coprire il tragitto a causa dei venti deboli per tutto il primo tratto della traversata che l'hanno sfinita, poi è stata costretta a bolinare duro per tenere la rotta e ha accusato il mal di mare a causa del mare formato. "Ho incontrato due balene, ogni tanto mi saltava un pesce volante sulla tavola ­- ha raccontato al termine dell'impresa – mi ha seguito un branco di delfini. Ero stanca ma quando ho visto le spiagge del Marocco ho provato un'emozione fortissima". Kirsty ha usato un ala Flexifoil Iron Kite da 12 metri, una tavola custom da wave e una muta da 3 millimetri.

kitesurfing

Da quel momento in poi, come spesso accade in campo velico, è iniziata una corsa al record che ha visto tanti kiter mettersi alla prova su percorsi sempre più lunghi in vari posti del mondo. A battere il primato della Jones è stato due anni dopo il francese Eric Gramond che il 26 ottobre ha stabilito il record della 24 ore navigando da Fortaleza a Parnaíba, in Brasile, per 226,7 miglia. Il racconto dell'impresa esprime tutta la forza di volontà di questo ragazzo che partito dalla spiaggia al tramonto con una grossa torcia da pescatori di tonno sulla testa sotto gli occhi increduli dei brasiliani ha dovuto combattere contro le bonacce, il freddo della notte, i cambi di vento, onde di 4 metri, profonde escoriazioni dovute al trapezio e una fatica fisica estrema: "Avevo dei crampi così forti alle dita delle mani che a volte dovevo incastrare la barra negli avambracci chiudendo i gomiti e governare l'ala così. A un certo punto ero così esausto che volevo abbandonare l'attrezzatura e nuotare fino alla costa".

kite and more

Nel 2013 un altro kiter francese, Bruno Sroka, è stato il primo a compiere la traversata no stop dalla Bretagna (Francia) all'Irlanda, su un percorso di 240 miglia dalla punta di Capo Finestère alla Baia di Cork che ha chiuso in 16 ore e 40 minuti di navigazione. Per far fronte alle diverse condizioni di navigazione Sroka ha deciso di tenere la stessa ala per tutto il percorso ma tavole di misure differenti e fogge differenti: una leggera da gara, uno più rubusta da wave e infine una dotata di foil per i venti più leggeri. Il suo record è stato battuto appena 21 giorni dopo da Francisco Lufinha, un portoghese di 30 anni che è riuscito a navigare per 307,5 miglia lungo le coste del Portogallo in poco più di 18 ore.

kitelife

Ma Bruno Sroka, che nel 2008 ha attraversato in 9 ore lo Stretto di Drake, dalla punta estrema del Cile alla Penisola Antartica doppiando il mitico Capo Horn e poi ha nel 2012 ha battuto il primato di traversata della Manica su un percorso di 100 miglia nel 2012, non demorde nella sua corsa al record. Per il 2016 ha già annunciato che si stà preparando la più grande traversata al mondo in solitario a bordo di un kitesurf: la New York-Brest, un percorso lungo il Nord Atlantico di oltre 3.000 miglia di navigazione. Una follia, almeno sulla carta. Ma Bruno è uno di loro appunto, quei pazzi dell'endurance, e c'è da scommettere che ci riuscirà.

kite and kite

 

Articolo redatto da DAVID INGIOSI


Proponi un articolo

Ultime News

Kite Camp Brasile 2019

Kite Camp Brasile 2019

KITECAMP BRASILE 2019 una nuova avventura firmata KITESURFING.it TRAVEL se prenoti adesso il prezzo per 8 giorni e 7 notti VOLO+ACCOMODATION B&B+STAGE soli 1086 euro. Dopo aver fatto portato in giro per il mondo più di 2000 rider adesso tocca a te...

Un road Kite Trip nella amata Sardegna

Un road Kite Trip nella amata Sardegna

Il road Kite trip in Sardegna di Simone Timpano, Per via della sua bellezza, delle sue spiagge e del costo della vita, la Sardegna è diventata una delle mete turistiche più ricercate, ed è letteralmente presa d’assalto durante i mesi estivi. Ma a novembre,

Kitecamp Watamu 2019

Kitecamp Watamu 2019

La crew del portale www.kitesurfing.it organizza un fantastico Kitecamp nel Paese africano con destinazione Watamu, uno degli spot più belli al mondo con spiagge bianchissime circondate da palme, mare turchese e venti costanti.

www.watamukiteboarding.com

Kitecamp Stagnone 2019

Kitecamp Stagnone 2019

Una PROGRAMMAZIONE COMPLETA per l'intera stagione 2019. Se ancora non hai vissuto i nostri viaggi adesso puoi scegliere la data che fa per te. STAGNONE KITEBOARDING vi darà la possibilità di scegliere il proprio viaggio con 5 / 7 / 14 giorni 7 giorni di puro kitesurf, feste e tanto divertimento, in Sicilia presso l'Isola dello Stagnone, prenota subito per non perdere questa fantastica avventura.

www.kitesurfstagnone.it  www.stagnonekiteboarding.com

Kitesurf Zanzibar

Kitesurf Zanzibar

Zanzibar è un’isola della Tanzania facilmente raggiungibile in aereo. Negli ultimi anni il flusso turistico sta crescendo molto grazie alle sue spiagge paradisiache, perfette per una settimana di relax o per la pratica del kitesurf. Infatti, gran parte della costa est è esposta al vento e Zanzibar si sta imponendo come uno dei migliori spot di kite nell’oceano Indiano.

Saint Jacques Wetsuits

Saint Jacques Wetsuits

SAINT JACQUES WETSUITS Nata solo da un paio di anni la marca francese ha incontrato da subito un buon successo sul territorio nazionale espandendosi anche all'estero (Europa - Asia - Caraibi…). Ma la moda si sa, è sempre stato un cavallo di battaglia italiano, ed è per questo che la Saint Jacques ambisce a farsi conoscere oltralpe.