Kite Foil Gold Cup: emozioni dal Sol Levante

22 maggio, siamo in Corea sulla spiaggia di Boryeong e sul palcoscenico di questo spot del sol levante, va in onda il Kite Foil Gold Cup, la competizione mondiale per chi, nel Kitesurfing, sceglie di utilizzare Kite Foil e tavole Hydrofoil

 

Si apre questa competizione con una brezza marina di bassa intensità: tuttavia, il vento tanto atteso non tarda ad arrivare, quasi come fosse la prima dama protagonista imbattuta delle nostre giornate. 

I nostri cavalieri delle onde scendono in campo e tra i più valorosi, vediamo Nocher (Principato di Monaco) in un tete a tete con Riccardo Leccese, Italianissimo e porta bandiera in questa fantastica avventura.

 

 

Leccese in sella alla sua Ozone, ha gestito una buona corsa ma nella penultima session è stato sfortunato nel perdere acqua il che gli è valso qualche punto di svantaggio, fondamentali ma sufficienti a guadagnarsi la medaglia d'argento.

Un'ottima performance e la medaglia di bronzo per il polacco Zakowski che ha perso la stessa opportunità di Riccardo Leccese, lasciando a Nocher, atleta che non regala nulla in una competizione, la possibilità di sedersi sul gradino più alto e di fregiarsi della più che meritata medaglia d'oro.

 

 

Interessante e non da meno emozionante, la competizione femminile: a soli 16 anni, la francese Anais Mai Desjardins sale sul gradino più alto, battendo la sua connazionale Alexia Fancelli nella manche finale e l'atleta locale Bitna Kim, terzo posto più che meritato.

 

 

Questa competizione avvincente, ospitata e sponsorizzata dalla Federazione Coreana del Windsurfing e Kitesurfing, è la prima delle quattro tappe mondiali in programma per il 2017, strutturata in eventi back to back. Il prossimo appuntamento sarà in Cina nel mese di settembre

 

 

Articolo redatto da Marco Sposi

marcosposi@kitesurfing.it


Proponi un articolo

Ultime News

Una nuova scuola kite apre allo Stagnone

Una nuova scuola kite apre allo Stagnone

Il nuovo centro sportivo dedicato a tutti gli appassionati rider si chiama Stagnone Kitesurf, sorge in Contrada Birgi Clemente ed è gestito dall'Associazione KItesurf Italiana. Tra i servizi offerti ai soci oltre a corsi base, intermedi e avanzati, la scuola propone anche itinerari enogastronomici, gite in barca e formule corso+alloggio.

Corso di BLSD dedicato al KITESURFING

Corso di BLSD dedicato al KITESURFING

Sono aperte le iscrizioni per i primo corso di BLSD dell'ASSOCIAZIONE KITESURF ITALIANA, Acquisire le conoscenze e le capacità operative relative alla rianimazione cardiopolmonare mediante l’applicazione del Basic Life Support e della defibrillazione precoce. Utile ed obbligatorio per tutti gli istruttori della Federvela.

UFFICIALE IL KITESURF DIVENTA SPORT OLIMPICO

UFFICIALE IL KITESURF DIVENTA SPORT OLIMPICO

La notizia che tutti attendevano da tempo finalmente è arrivata, dal sito della Federvela arriva il comunicato ufficiale, il kitesurf sarà presente alle olimpiadi di Parigi nel 2024

Campionato Italiano freestyle: Coccoluto è il Re d’Italia

Campionato Italiano freestyle: Coccoluto è il Re d’Italia

Sotto il caldo di Sicilia, a largo delle saline della riserva dello Stagnone (TP), si sono disputate le finali del campionato italiano di freestyle. Le ottime condizioni atmosferiche, alleggerite da una piacevole temperatura, hanno fatto da cornice a questa competizione di importanza assoluta

KITECAMP BRASILE 2018

KITECAMP BRASILE 2018

Siamo pronti per vivere una nuova emozione insieme a voi, Dopo l'ultima edizione con quasi 60 partecipanti riparte uno dei viaggi più entusiasmanti del pianeta. Vento, Oceano tanti amici e clima tropicale, questi sono gli ingredienti essenziali per vivere un esperienza da ricordare.

Perchè il Kitesurf genera dipendenza?

Perchè il Kitesurf genera dipendenza?

Molto spesso si sente dire che il Kitesurf genera una sorta di dipendenza. Ebbene si! a quanti di voi è capitato che durante una riunione importante, la coda dell'occhio va a finire fuori ed improvvisamente iniziamo ad essere irrequieti quando notiamo che c'è vento? Infatti il Kitesurf, genera dipendenza, diventando dei veri e propri VENTODIPENDENTI.