Istruttore di Kitesurf - 4 MITI DA SFATARE

ISTRUTTORE DI KITESURF

 

"Fai quello che ami e non lavorerai mai un giorno della tua vita", disse Confucio.

Tu sei d'accordo? Io solo in parte.

 

 

Sicuramente lavorare facendo ciò che si ama rende il tutto più gradevole, ma non elimina ansie e preoccupazioni insite in ogni lavoro.

Se si è alla ricerca del lavoro dei sogni, difficilmente lo si può trovare.

Bisogna essere realisti e sapere che in ogni aspetto della vita esistono dei pro e dei contro, che non sono dei valori assoluti bensì relativi. Valori relativi al pensiero e al modo di vita di ciascuno di noi.

Ogni lavoro nasconde in sé delle imperfezioni o anomalie, più o meno visibili.

Quante persone sento parlare del mestiere di istruttore di kitesurf come se fosse fare i soldi essendo in vacanza. "Stai al mare, fai quello che ti piace e guadagni, dura la vita".

Ovviamente chi pensa questo non sa tutti i sacrifici nascosti dietro questo mestiere che non è sempre così facile come sembra.

 

Ora ti svelo 4 miti da sfatare su un'istruttore di kitesurf:

 

1- Stai tutto il giorno a fare kite

FALSO

 

 

In linea generale un istruttore di kite insegna e non pratica.

Come qualsivoglia allenatore si limita ad osservare gli allievi e, in alcuni casi, poter mostrare la corretta esecuzione dell'esercizio. Ma continuiamo a parlare di pochi secondi ed esercizi basici che non possono di certo rimpiazzare una bella sessione.

Ovviamente quanto un istruttore possa praticare dipende anche da molti altri fattori: paese dove si insegna, la scuola, condizioni meteo etc..

Più il vento soffia costantemente e la scuola è locata direttamente sulla spiaggia e più probabilità si hanno di poter fare kite con regolarità.

 

 

2- Guardi i tuoi allievi e prendi il sole

FALSO

 

 

Sicuramente esistono degli istruttori di questo tipo, ed in questo caso ve li sconsiglio vivamente. In alcuni paesi, dove si insegna con più allievi per istruttore, ti posso assicurare che non si ha il tempo per prendere il sole.

Come in ogni lavoro si hanno le giornate di lavoro rilassanti e piacevoli, e quelle dove non smetti di correre da una parte all'altra.

E nel caso del kitesurf correre non è di certo un eufemismo.

Fare attenzione a tre o quattro persone che potenzialmente possono avere un problema in simultanea è fonte di grandi responsabilità, stress psicologico e grande dispendio di energie.

Inoltre il kite è uno sport che si pratica anche in condizioni avverse: vento forte e freddo. In questi casi puoi lasciare gli occhiali da sole a casa e devi essere tu il primo a mostrare l'esempio ai tuoi allievi. Sorriso sulle labbra, buon umore e la lezione comincia.

 

3- Chi ha un buon livello di kite può insegnare

FALSO

 

Asserire una cosa del genere vuol dire che chiunque potrebbe essere istruttore o insegnante in qualsiasi sport.

L'istruttore di kitesurf, è un lavoro. Saper praticare non vuol dire sapere insegnare. Non tutti gli sportivi sono allenatori.

Ovviamente possono essere facilitati grazie alla conoscenza di una specifica disciplina, ma essere insegnante significa saper far prova di empatia verso i propri allievi e concentrare la propria attenzione su due parametri fondamentali: la sicurezza e la pedagogia.

Chi ha un buon livello in un determinato sport sottovaluta spesso questi due parametri perché li da per scontati, perché ormai assimilati.

Ma la mancanza di attenzione che gli allievi possono avere mentre iniziano ad apprendere il kite, la perdita di ogni tipo di punto di riferimento mentre si concentrano sulla vela, è assai sorprendente e deve essere anticipata prima che degeneri in guai più seri.

Inoltre se non lo si fa per mestiere non si ha il materiale adatto all'insegnamento.

Quindi ti ritroverai con un'ala performante ma non adatta al tuo livello, piuttosto che un trapezio non consigliato per un principiante, o una tavola troppo piccola per poter fare il tuo primo waterstart, etc.

Detto questo, tutto è possibile.

L'importante è semplicemente avere coscienza di ciò che si fa e dei pericoli nei quali si incorre.

 

 

4- È un mestiere che si può fare solo da giovani

FALSO

 

 

Conosco molti istruttori che continuano a fare questo mestiere anche se non sono più dei giovincelli.

L'età ci rende più giudiziosi e quindi consapevoli dei nostri limiti. L'importante è avere piena consapevolezza delle proprie qualità fisiche e sapere rinunciare o limitare il numero degli allievi se le condizioni lo richiedono o se la seduta diventa troppo complessa da gestire e richiede grandi sforzi fisici.

 

Articolo redatto da Simone Timpano per Kitesurfing.it


Proponi un articolo

Ultime News

Kitecamp Watamu 2019

Kitecamp Watamu 2019

La crew del portale www.kitesurfing.it organizza un fantastico Kitecamp nel Paese africano con destinazione Watamu, uno degli spot più belli al mondo con spiagge bianchissime circondate da palme, mare turchese e venti costanti.

www.watamukiteboarding.com

Il Kitesurf dello Stagnone vola in Cina

Il Kitesurf dello Stagnone vola in Cina

Per la prima volta in Italia il Kitesurf è presente in una delegazione istituzionale in visita ufficiale. La laguna dello Stagnone che già attira col suo appeal tanti turisti da ogni angolo d’Europa, punta al nuovo ed emergente turismo asiatico.

Francesca Bagnoli riconquista il Podio Mondiale

Francesca Bagnoli riconquista il Podio Mondiale

Campionessa di nome e di fatto, Francesca ci ha fatto emozionare e vivere dei momenti davvero unici nella finale in Brasile, determinazione e precisione in tutte le sue manovre, dove gli ha garantito il podio diventando la vice campionessa del Mondo della Categoria Freestyle, Leggi la sua intervista in esclusiva per Kitesurfing.it

L'importanza del COACH nel Kiteboarding

L'importanza del COACH nel Kiteboarding

Durante il mondiale in Brasile dello scorso novembre, ho vissuto sulla mia pelle, lo svolgimento delle Hit dei due partacolori italiani Gianmaria Coccoluto e Francesca Bagnoli ecco che abbiamo pensato di scrivere un articolo sull'importanza di un COACH durante le competizioni inerenti il Kiteboarding. VOI CHE NE PENSATE?

Tutte le novità di casa RRD 2019

Tutte le novità di casa RRD 2019

GRANDI RIVOLUZIONI IN CASA RRD NEL 2019 Nuove tecnologie per migliori performance Intervista a Francesco Grassi, Responsabile Marketing Kiteboarding per RRD in esclusiva per il portale kitesurfing.it

Campionato nazionale WAVE Ostia

Campionato nazionale WAVE Ostia

WAVE CONTEST OSTIA 2018 Si è conclusa la prima tappa del campionato nazionale Wave di Ostia lo scorso 31 ottobre 2018. I migliori rider wave d'Italia si sono incontrati presso la Lega Navale di Ostia per scontrarsi in hit di 2 persone per cercare di aggiudicarsi il Podio.

Core NEXUS 2019

Core NEXUS 2019

LA GRANDE NOVITÀ IN CASA CORE PER IL 2019 SI CHIAMA NEXUS Intervista a Benjamin Mahiou, country manager per Core kiteboarding Quest’anno in casa Core, e soprattutto nel territorio francese, si sono manifestati dei problemi relativi alla distribuzione dei prodotti.

Moses Hydrofoil

Moses Hydrofoil

Moses Hydrofoil, un foil facile da utilizzare per il grande pubblico Intervista a Benjamin Mahiou, distributore Moses in Francia