Gabriele Garofalo, otto mesi dopo l'infortunio il ritorno alle gare: Finalmente!

Intervista

Il resoconto della tappa Freestyle di Porto Botte

Il rider laziale, Campione Italiano 2013, è tornato alle competizioni in occasione della finale nazionale del Freestyle disputatasi dal 10 al 20 settembre in Sardegna dopo un lungo infortunio. Ci racconta come è stato il suo ritorno in gara e qualche aneddoto sul suo periodo di recupero.

Parlare di kitesurf con Gabriele Garofalo è come chiacchierare davanti a una birra col tuo amico di sempre. Se non fosse che questo “veterano” di 22 anni ne ha, eccome, di storie da raccontare: anche sull'ultimo anno in cui è stato lontano dalle scene per più di sei mesi, a causa di un brutto infortunio al ginocchio che gli è capitato lo scorso gennaio mentre si trovava a Città del Capo a svernare, come fa abitualmente con la crew di RRD di cui è l'atleta italiano più rappresentativo a livello internazionale. 

Nel mese di settembre 2015 Gabriele è tornato alle competizioni prendendo parte al Campionato Italiano Freestyle che si è disputato a Porto Botte in condizioni di vento molto impegnative (vento oltre i 30 nodi). Gli abbiamo chiesto come ha passato il suo periodo di riabilitazione e com'è andato il suo ritorno al freestyle agonistico. 

- Allora Gabriele, come è andata a Porto Botte?

«Beh, è stato bello tornare anche perché siamo partiti per la Sardegna tutti insieme, con i ragazzi con cui mi alleno sempre qui allo Stagnone: gli amici Gianmaria Coccoluto e Francesca Bagnoli, Andrea Ragazzoni e Andrea Lisi. Quando tutto il gruppo è riunito e ci incontriamo con gli altri rider ci divertiamo tanto a fare casino!». 

- Racconta la tua prima gara dall'infortunio... 

«Il primo giorno a Porto Botte con 20-25 nodi alla prima heat sono passato con Gianluca Cavaiola e a quella del giorno successivo sono capitato con Andrea Ragazzoni: vento fotonico e con la 7 tutta depotenziata non riuscivamo a fare nulla a parte dei Raley megagalattici e azzardare un paio di manovre. Finisce in parità e ci chiedono di rifarla. Alla fine passo io. Poi gli ottavi, sempre vento fotonico, con Giacomo Barberi. Stavolta esco. Purtroppo con le straps non sono riuscito a fare meglio... Comunque per il settimo posto, dopo l'infortunio, posso ritenermi soddisfatto». 

- Però ti sei consolato con la prova del Big Air... 

«Si, ho fatto secondo. Eravamo soprainvelatissimi con le 9 a 35 nodi! Mi sono divertito un sacco: saltoni, kiteloop, rotazioni, one foot giganteschi! Di quelli che se sbagli un minimo te la fai addosso! Però anche in questo caso i boots mi sarebbero tornati utili, penso che sarei andato più alto!». 

- Stai girando ancora con le straps, vero?

«Si, purtroppo non posso usare ancora i boots, perché a ogni caduta il ginocchio andrebbe in trazione. Però sarebbe stato meglio averli in gara, reggi di più il ventone, anche perché io sono leggero e con i boots riesco a bilanciarmi meglio». 

- Il ritorno in acqua dopo tanto tempo com'è stato? 

«Ho smaniato per mesi. I primi bordi dopo l'operazione li ho fatti all'inizio di giugno a Terracina, a casa mia. Bello! Anche solo planare, con il vento in faccia, gli schizzi d'acqua... una bella sensazione. “Finalmente!", mi sono detto. Adrenalina davvero. Poi all'inizio di luglio sono venuto allo Stagnone come ogni estate e ho iniziato a rifare le manovre più impegnative». 

- Hai fatto qualche viaggio?  

«Sì, a Zanzibar per qualche giorno per un'iniziativa di un villaggio turistico che mi ha avuto come testimonial per la promozione del kite: è sempre bello tornarci, ci sono stato più volte: acqua trasparente incredibile, è bellissimo fare kite lì. Anche se ci sono cose che un po' fanno pensare, come ad esempio i ragazzi locali che ormai conosco e che non se la passano tanto bene. Pensa che ce n'è uno che è soprannominato “Coca Cola”, perché indossa una maglietta della Coca Cola da sempre e non se può permettersene un'altra. Ho pensato di regalargliene una nuova...». 

- Che ricordi del giorno dell'infortunio?

«Era l'inizio di gennaio, al campionato sudafricano a Cape Town (Sudafrica), in semifinale: doppio S Bend Pass con una mano, crash. Stavo circa a 50 metri da riva ma ci sono arrivato da solo. Agli ultimi metri dalla spiaggia mi sono fermato, ho sganciato il kite che è volato sopra i palazzi che si affacciano sul mare e sono venuti a recuperarmi in acqua. Mi hanno sfilato i boots e mi hanno portato di corsa  all'ambulanza». 

- Che hai pensato? 

«Avevo capito che mi ero fatto male. Mi ero già operato al crociato tre anni fa e dopo qualche visita specialistica in Sudafrica, più di una perché lì per lì non credevo fosse così grave, mi hanno diagnosticato che mi ero rotto crociato, collaterale e menisco. Eh, non l'ho presa tanto bene... Prima della diagnosi definitiva non pensavo a tanto, perché dopo un po' camminavo, addirittura riuscivo a salire le scale di casa. Dopo meno di un mese sono tornato in Italia e mi hanno operato il 5 marzo». 

 - E i mesi dopo l'intervento? 

«Fisioterapia per il primo mese, 5 ore al giorno con un macchinario che serve ad allungare i legamenti che vengono accorciati con l'operazione. E' dolorosissimo. Contemporaneamente tutti i giorni dal terapista tutte le mattine per un paio d'ore. 6-7 ore al giorno da dedicare al ginocchio. Dopo un paio di mesi ho iniziato il potenziamento muscolare». 

- Il recupero prosegue?

«Dopo l'estate allo Stagnone torno a Terracina, dove farò ancora un mese di potenziamento e poi parto ai primi di dicembre per il Brasile, dove quest'inverno mi allenerò per qualche mese insieme a Daniele Milazzo (giovane rider siciliano KSP, ndr)». 

- Il bilancio di questa stagione e gli obiettivi per la prossima? 

«Rientrare nell'Italiano sicuramente, ma punterò forte soprattutto sull'Europeo. Tutto sommato direi che questa stagione è andata bene. Tante soddisfazioni, anche perché il recupero procede alla grande. E poi essere di nuovo in acqua con tutti quanti gli amici, invece di stare a casa a non fare niente... E' brutto... Io ho bisogno del mare!». 

Daniele Pizzo


Proponi un articolo

Ultime News

Kitecamp Stagnone 2019

Kitecamp Stagnone 2019

Una PROGRAMMAZIONE COMPLETA per l'intera stagione 2019. Se ancora non hai vissuto i nostri viaggi adesso puoi scegliere la data che fa per te. STAGNONE KITEBOARDING vi darà la possibilità di scegliere il proprio viaggio con 5 / 7 / 14 giorni 7 giorni di puro kitesurf, feste e tanto divertimento, in Sicilia presso l'Isola dello Stagnone, prenota subito per non perdere questa fantastica avventura.

www.kitesurfstagnone.it  www.stagnonekiteboarding.com

Kitesurf Zanzibar

Kitesurf Zanzibar

Zanzibar è un’isola della Tanzania facilmente raggiungibile in aereo. Negli ultimi anni il flusso turistico sta crescendo molto grazie alle sue spiagge paradisiache, perfette per una settimana di relax o per la pratica del kitesurf. Infatti, gran parte della costa est è esposta al vento e Zanzibar si sta imponendo come uno dei migliori spot di kite nell’oceano Indiano.

Saint Jacques Wetsuits

Saint Jacques Wetsuits

SAINT JACQUES WETSUITS Nata solo da un paio di anni la marca francese ha incontrato da subito un buon successo sul territorio nazionale espandendosi anche all'estero (Europa - Asia - Caraibi…). Ma la moda si sa, è sempre stato un cavallo di battaglia italiano, ed è per questo che la Saint Jacques ambisce a farsi conoscere oltralpe.

LADIES ON BOOTS, il nuovo kitecamp per ragazze cool

LADIES ON BOOTS, il nuovo kitecamp per ragazze cool

Dal 23 al 26 maggio il portale Kitesurfing.it in collaborazione con l'Associazione Kitesurf Italiana e il organizzano allo Stagnone di Marsala la prima edizione di Ladies on Boots, il kitecamp esclusivo per ragazze. In programma stage gratuiti basic e avanzati e soggiorno in una villa esclusiva con piscina, giardino panoramico e tutti i comfort. Nonchè session di YOGA esclusivi.

Kitecamp Dakhla 2020

Kitecamp Dakhla 2020

Parte la nuove edizione di uno dei kitecamp più caratteristici dell'anno, immersi nel deserto dove il vento soffia dalla mattina fino al tramonto. Dakhla Kitecamp 2020

Roma Kite Festival 2019

Roma Kite Festival 2019

La festa degli sport d’acqua e dell’outdoor La passione per il mare e per lo sport all’aria aperta sono gli elementi che hanno spinto Marine Village e il Tognazzi Marine Village a organizzare questa prima edizione del Kite Festival – Città di Roma.