UFFICIALE IL KITESURF DIVENTA SPORT OLIMPICO

KITESURF OLIMPICO

La notizia che tutti attendevano da tempo finalmente è arrivata, dal sito della Federvela arriva il comunicato ufficiale, il kitesurf sarà presente alle olimpiadi di Parigi nel 2024

kitesurf olimpico

 

PARIGI 2024: ARRIVA IL KITE, CONFERMATO IL WINDSURF, IL 470 SARA' MISTO

Da Londra, dove si sta tenendo il Mid-Year Meeting di World Sailing, arrivano decisioni sugli eventi olimpici di Parigi 2024.

Il consiglio federale di World Sailing ha votato la proposta 22/18 che conferma il Windusurf, la deriva in doppio (presumibilmente 470) in equipaggio uomo-donna e salva il singolo pesante (presumibilmente Finn) combinato ad una deriva da scegliere per le donne. La grande novità è che entra il Kiteboarding con un evento da definire che impegnerà uomini e donne.

Le altre classi non erano sotto revisione e restano invariate, in attrezzature e formato, quindi Laser Standard e Radial, 49er, FX e Nacra 17. Queste decisioni dovranno essere ratificate da World Sailing all'Annual Meeting di novembre 2018, e in questi mesi saranno fatte ulteriori valutazioni.

Francesco Federvela Ettorre - Presidente FIV:

"Gli obiettivi che c'eravamo posti prima del Mid-Year meeting sono stati raggiunti, siamo molto soddisfatti per essere riusciti a salvaguardare la filiera che c'è in Italia per quel che riguarda le tavole a vela e il 470, bisognerà gestire il cambio culturale con l'ingresso del doppio misto ma inizieremo da subito.

Ieri sera abbiamo presentato la tappa di World Cup Series di Genova e abbiamo fatto un'ottima impressione: i punti di forza sono stati soprattutto la logistica, l'organizzazione a terra e l'innovazione degli spazi al chiuso per le imbarcazioni.

Sono molto soddisfatto perché come Federazione siamo arrivati a Londra molto compatti e abbiamo ottenuto quello che ci eravamo preposti."

Walter Cavallucci - Consigliere World Sailing:

"E' stata una giornata veramente intensa, siamo stati in consiglio per più di 12 ore per la quantità di submission che abbiamo dovuto valutare.

Il consiglio si è bloccato su alcune votazioni e abbiamo dovuto iniziare da capo il lavoro che era stato fatto dall'Events Committee.

Siamo partiti da oltre 60 proposte per arrivare a 15 dopo la prima scrematura, alla fine ne erano rimaste 3 sul tavolo la 18, la 22 e la 36 e siamo infine riusciti a far passare la 22 che era la più vicina ai nostri obbiettivi.

L'impressione che ho avuto alla fine della votazione è che il board purtroppo non ha mostrato un'unità di intenti e si sarebbero potuti avviare meccanismi non controllabili, questo non è successo perché abbiamo lavorato bene anche se la governance ha dato segnali di non compattezza."

Mirco Babini- Presidente IKA (International Kiteboarding Association):

"Siamo felicissimi, non ho dormito tutta la notte per l'emozione, è stato un lungo percorso iniziato anni fa ma non ci siamo mai persi per strada.

L'obiettivo raggiunto del Kite come disciplina olimpica a Parigi 2024 è il risultato di anni di lavoro, abbiamo dato dimostrazione alla comunità velica di affidabilità e capacità organizzative.

Il Kiteboard potrà dare valore aggiunto a tutto il movimento, soprattutto alle Federazioni minori che con un budget limitato potranno partecipare all'avventura olimpica."

 

 

Adesso attendiamo i dettagli specifici su quale disciplina il kiteboard entrerà alle Olimpiadi.

Per il momento non ci rimane altro che brindare e sperare in una Italia compatta, queste sono le parole di Antonio Gaudini il Presidente dell'Associazione Kitesurf Italiana, appena ha appreso la notizia ufficiale, continuando nel dire: bisogna essere più compatti e ridare fiducia alla Federazione FIV, dove speriamo che ben presto tutti i circoli kitesurf inizieranno ad affiliarsi per generare nuovi giovani leve le quali   rappresenteranno l'Italia alle Olimpiadi di Francia. Conclude il Presidente Gaudini,  complimentarsi con il Presidente Internazionale Mirco Babini e tutto il suo staff per il duro lavoro svolto in questi anni. 

 

FOLLOW ME 

         


Proponi un articolo

Ultime News

Kite Camp Brasile 2019

Kite Camp Brasile 2019

KITECAMP BRASILE 2019 una nuova avventura firmata KITESURFING.it TRAVEL se prenoti adesso il prezzo per 8 giorni e 7 notti VOLO+ACCOMODATION B&B+STAGE soli 1086 euro. Dopo aver fatto portato in giro per il mondo più di 2000 rider adesso tocca a te...

Un road Kite Trip nella amata Sardegna

Un road Kite Trip nella amata Sardegna

Il road Kite trip in Sardegna di Simone Timpano, Per via della sua bellezza, delle sue spiagge e del costo della vita, la Sardegna è diventata una delle mete turistiche più ricercate, ed è letteralmente presa d’assalto durante i mesi estivi. Ma a novembre,

Kitecamp Watamu 2019

Kitecamp Watamu 2019

La crew del portale www.kitesurfing.it organizza un fantastico Kitecamp nel Paese africano con destinazione Watamu, uno degli spot più belli al mondo con spiagge bianchissime circondate da palme, mare turchese e venti costanti.

www.watamukiteboarding.com

Kitecamp Stagnone 2019

Kitecamp Stagnone 2019

Una PROGRAMMAZIONE COMPLETA per l'intera stagione 2019. Se ancora non hai vissuto i nostri viaggi adesso puoi scegliere la data che fa per te. STAGNONE KITEBOARDING vi darà la possibilità di scegliere il proprio viaggio con 5 / 7 / 14 giorni 7 giorni di puro kitesurf, feste e tanto divertimento, in Sicilia presso l'Isola dello Stagnone, prenota subito per non perdere questa fantastica avventura.

www.kitesurfstagnone.it  www.stagnonekiteboarding.com

Kitesurf Zanzibar

Kitesurf Zanzibar

Zanzibar è un’isola della Tanzania facilmente raggiungibile in aereo. Negli ultimi anni il flusso turistico sta crescendo molto grazie alle sue spiagge paradisiache, perfette per una settimana di relax o per la pratica del kitesurf. Infatti, gran parte della costa est è esposta al vento e Zanzibar si sta imponendo come uno dei migliori spot di kite nell’oceano Indiano.

Saint Jacques Wetsuits

Saint Jacques Wetsuits

SAINT JACQUES WETSUITS Nata solo da un paio di anni la marca francese ha incontrato da subito un buon successo sul territorio nazionale espandendosi anche all'estero (Europa - Asia - Caraibi…). Ma la moda si sa, è sempre stato un cavallo di battaglia italiano, ed è per questo che la Saint Jacques ambisce a farsi conoscere oltralpe.