Perchè il Kitesurf genera dipendenza?

PERCHÈ IL KITESURF GENERA DIPENDENZA?

 


Molto spesso si sente dire che il Kitesurf genera una sorta di dipendenza.
Ebbene si! a quanti di voi è capitato che durante una riunione importante, la coda dell'occhio va a finire fuori ed improvvisamente iniziamo ad essere irrequieti quando notiamo che c'è vento? 
Infatti il Kitesurf, genera dipendenza, diventando dei veri e propri VENTODIPENDENTI



Ecco quello che succede a livello neurologico una volta che iniziamo ad intreprendere questa dispiplina.

 

 

Il Kitesurf genera dipendenza perchè si basa su un sistema di ricompensa inaspettata, questa sorta di adrenalina e felicità che si crea in modo inaspettato fin dalla prima planata; un mix di Serotonina, Dopamina ed Adrenalina prodotte dal nostro corpo durante l'attività ci fa diventare letteralmente malati per questo sport.

Oltre 50 anni fa, i ricercatori hanno scoperto che quando i ratti venivano premiati in maniera inaspettata, iniziavano ad avere comportamenti ossessivi.

Lo psicologo Skinner all'epoca condusse uno studio dando ai ratti dei premi a caso.

Nel lasso di tempo in cui aspettavano i premi, i ratti continuavano a cliccare una barra nelle loro gabbiette, sperando di ricevere il premio.

"Un premio inatteso ha molto più potere di una ricompensa regolare"

Quello che succede con il kitesurf e che non possiamo decidere di uscire ogni volta che vogliamo, ma sopratutto la particolarità di questo sport che ogni uscita è sempre differente da quella precedente, vuoi per l'intensità del vento, vuoi per il clima, vuoi per le condizioni del mare, ogni volta è un'esperienza diversa.

 

 

La causa della malattia mentale che affligge quasi tutti i Kiter è l'effetto positivo che generano Serotonina, Dopamina ed Adrenalina prodotte dal nostro corpo durante l'attività fisica e particolarmente durante il Kitesurf; il tutto condito dal condizionamento operante con rafforzamento imprevedibile che subisce la nostra psiche.

Apparte il problema di trovare le condizioni meteo adatte, la maggior parte di noi a a che fare con trovare escamotage quando si è al lavoro, discutere con il proprio patner, avere l'attrezzatura pronta all'uso, tutto questo crea cmq difficoltà nel praticare kitesurf in modo costante e quotidiano.

A differenza per esempio del Tennis, è uno sport che si può programmare sempre ed in qualsisi momento, un malato di questa disciplina può comunque trovare il modo di sfogarsi. 

 

 

Appena veniamo a conoscenza della possibilità di fare kitesurf, il cervello rilascia dopamina la quale genera dipendenza, causando il pensiero ossessivo.

Una volta rientarti dalla session, dopo l'inattesa ricompensa, ci sentiamo appagati,  felici,  rilassati, e sicuramente più amichevoli.

 

 

Le endorfine, l'adrenalina, e la serotonina che produciamo a livello chimico non solo ci fanno stare bene, ma ci fanno desiderare di averne ancora di più.

Quindi rilassatevi, non siete pazzi, siete semplicemente e Felicemente KITE DIPENDENTI

 

         


Proponi un articolo

Ultime News

Kitecamp Capoverde 2019

Kitecamp Capoverde 2019

Si riparte con il secondo kitecamp dell'anno firmato Kitesurfing.it Travel che in collaborazione con l'Associazione Kitesurf Italiana organizza anche per il 2019 uno splendido Kitecamp nell'isola di Sal, spot di fama mondiale con condizioni di vento costante, acqua piatta e onde da sogno.

CERCASI Istruttori di kitesurf stagione 2019

CERCASI Istruttori di kitesurf stagione 2019

Vuoi entrare a far parte della Crew di Kitesurfing.it e dell'Associazione Kitesurf Italiana, se vuoi intraprendere l'attività da Istruttore, leggi i dettagli presenti nell'articolo.

Il Kitesurf dello Stagnone vola in Cina

Il Kitesurf dello Stagnone vola in Cina

Per la prima volta in Italia il Kitesurf è presente in una delegazione istituzionale in visita ufficiale. La laguna dello Stagnone che già attira col suo appeal tanti turisti da ogni angolo d’Europa, punta al nuovo ed emergente turismo asiatico.

Kitesurfing In Martinica

Kitesurfing In Martinica

La Martinica è un'isola delle antille situata nel mezzo del mar dei Caraibi dove troverete spiagge di sabbia bianca, palme di cocco ed un mare cristallino con infinite tonalità di blu. Se visitata durante la giusta stagione l'isola è baciata dal soffio degli alisei, venti ideali per la pratica del kitesurf.

Kitecamp Watamu 2019

Kitecamp Watamu 2019

La crew del portale www.kitesurfing.it organizza un fantastico Kitecamp nel Paese africano con destinazione Watamu, uno degli spot più belli al mondo con spiagge bianchissime circondate da palme, mare turchese e venti costanti.

www.watamukiteboarding.com

Kitecamp Stagnone 2019

Kitecamp Stagnone 2019

Si riparte con un nuovo viaggio targato Kitesurfing.it. Il mese di APRILE vi sarà la possibilità di sceglieere il proprio viaggio con 14 giorni 7 giorni o una 5 giorni di puro kitesurf, feste e tanto divertimento, in Sicilia presso l'Isola dello Stagnone, prenota subito per non perdere questa fantastica avventura.

www.kitesurfstagnone.it  

Gianmaria Coccoluto, il blind master

Gianmaria Coccoluto, il blind master

Intervista alla campione italiano Gianmaria Coccoluto atleta del marchio DUOTONE Kiteboarding e portacolori nazionale dell'ASSOCIAZIONE KITESURF ITALIANA, in esclusiva per il Portale Kitesurfing.it testo di Simone Timpano

Francesca Bagnoli riconquista il Podio Mondiale

Francesca Bagnoli riconquista il Podio Mondiale

Campionessa di nome e di fatto, Francesca ci ha fatto emozionare e vivere dei momenti davvero unici nella finale in Brasile, determinazione e precisione in tutte le sue manovre, dove gli ha garantito il podio diventando la vice campionessa del Mondo della Categoria Freestyle, Leggi la sua intervista in esclusiva per Kitesurfing.it